Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 18 SETTEMBRE 2019
Lazio
segui quotidianosanita.it

Stabilizzazione precari. Lavra (Omceo Roma) appoggia la Cimop: “Discriminante escludere il personale di strutture private dal provvedimento regionale”

L'Ordine di Roma dà ragione alla Cimop, la Confederazione Italiana Medici dell’Ospedalità Privata: è ingiusto escludere il personale delle strutture sanitarie private dal provvedimento della Regione Lazio per la stabilizzazione dei precari. Il vice Segretario Nazionale della Cimop, Stefano Neri, aveva inviato una lettera al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, al presidente e al vicepresidente della VII Commissione consiliare Politiche Sociali e Salute, Rodolfo Lena e Antonio Aurigemma.

23 OTT - “Condivido pienamente quanto affermato dal Segretario regionale per il Lazio e vice Segretario Nazionale della Cimop, Stefano Neri, in merito al provvedimento della Regione Lazio per la stabilizzazione del personale precario, che ha escluso quello delle strutture sanitarie private”. Così Giuseppe Lavra, presidente dell'Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (Omceo) commenta la situazione denunciata dalla Confederazione Italiana Medici dell'Ospedalità Privata e accoglie le osservazioni contenute nella lettera che Neri ha inviato all'Ordine capitolino e, contestualmente, al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, al presidente e al vicepresidente della VII Commissione consiliare Politiche Sociali e Salute, Rodolfo Lena e Antonio Aurigemma.
 
Non includere nel provvedimento i medici che lavorano nelle strutture private è una discriminazione oggettiva, anche se probabilmente non voluta, nei loro confronti - ha evidenzito Lavra - in quanto pur se risultano operare a titolo libero professionale in realtà lo fanno in modo coordinato e continuativo, sono sottopagati e privi di tutele contrattuali. Propendo per una svista di chi ha predisposto tale provvedimento, poiché va dato atto al presidente Zingaretti dell'attenzione che sta manifestando per l'annosa e dolorosa questione del precariato. Pertanto - ha esortato il massimo rappresentante degli oltre 40 mila camici bianchi della Capitale - lo invito ad ascoltare il giusto richiamo del dottor Neri e a rettificare il Dca, includendo anche questi medici nella quota del personale dipendente e contrattualizzato”.

 
L'Ordine di Roma da sempre è attivo sul tema del precariato ed è già intervenuto numerose volte presso le varie strutture sanitarie per monitorare costantemente questo grave aspetto del lavoro medico e presso le sedi istituzionali per chiedere interventi in grado di porvi rimedio, sia generalizzati sia caso per caso. Grande attenzione anche verso il problema degli organici sottodimensionati e la fuga all'estero ogni anno di circa 1.500 medici.
 

“Dal punto di vista ordinistico e nel caso specifico sono convinto - ha concluso Lavra - che vada assolutamente salvaguardato il decoro professionale di questi colleghi e date loro le tutele cui hanno diritto e di cui necessitano per avere una stabilizzazione e svolgere così serenamente il loro delicato lavoro”. 

23 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Lazio

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy