Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 SETTEMBRE 2018
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Stati vegetativi: ecco le Linee guida. “Mai più famiglie abbandonate”

Un sistema integrato, che costruisca un percorso di “dimissione protetta” riducendo al minimo, per quanto consentito dalle condizioni cliniche del paziente, la permanenza nei reparti di rianimazione e intensivi e favorisca al più presto il trasferimento negli ambienti più adeguati a fornire ai pazienti un’assistenza più attenta agli aspetti funzionali e riabilitativi e al benessere delle loro famiglie. Questi gli obiettivi delle Linee guida sugli Stati Vegetativi all’ordine del giorno della Conferenza Unificata.

05 MAG - Basta disomogeneità di criteri diagnostici e di procedure diagnostico-terapeutiche. Basta disomogeneità di requisiti strutturali per ogni fase di assistenza. Arrivano le nuove linee di indirizzo sull’assistenza alle persone in stato vegetativo e di minima coscienza.
Il documento, oggi all’ordine del giorno della Conferenza Unificata, prevede la realizzazione di un sistema integrato ospedale-territorio per costruire un percorso di “dimissione protetta” riducendo al minimo, per quanto consentito dalle condizioni cliniche del paziente, la permanenza nei reparti di rianimazione e intensivi e favorisca al più presto il trasferimento negli ambienti più adeguati a fornire ai pazienti un’assistenza più attenta agli aspetti funzionali e riabilitativi e al benessere delle loro famiglie.
Tali percorsi dovranno essere definiti da ciascuna Regione, trasferiti poi nelle carte dei servizi e comunicati con chiarezza alle famiglia, in modo da accompagnarle e supportarle durante tutte le fasi dell’assistenza e presa in carico del paziente.
I percorsi dovranno prevedere il tipo di assistenza erogata e la relativa organizzazione per tutte le fasi cliniche, da quella iperacuta e critica a quella post-acuta fino a quella di stabilità e di possibile rientro a domicilio del paziente. Particolare attenzione dovrà essere posta nelle modalità di passaggio da una fase all’altra e nelle modalità di dimissione protetta in modo da evitare fratture nella continuità assistenziale e condizioni di “abbandono” delle famiglie.

Per i pazienti in condizioni stabili si dovranno prevedere sia soluzioni di assistenza domiciliare integrata che si assistenza residenziale in strutture extraospedaliere per tenere conto della scelta migliore sia per le condizioni del paziente che per quelli della famiglia. La scelta, in ogni caso, potrà cambiare in funzione dei possibili mutamenti di queste condizioni. Le strutture extraospedaliere, inoltre, potranno essere utilizzate anche per ricoveri momentanei, cosiddetti “di sollievo”, per le famiglie impegnate nell’assistenza domiciliare del familiare.
 

05 maggio 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy