Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 16 OTTOBRE 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Esercitazione maxi emergenza da disastro. D’Amato: “Per la prima volta sperimentata App per tracciare feriti”

Si è svolta ieri pomeriggio a Roma la simulazione di un crollo di una palazzina e la conseguente attivazione del Piano di emergenza per massiccio afflusso di feriti (PEIMAF) presso l’ospedale San Camillo, in collaborazione con l’Ares 118.

08 MAG - "Si è svolta ieri pomeriggio a Roma una simulazione di un crollo di una palazzina e la conseguente attivazione del Piano di emergenza per massiccio afflusso di feriti (PEIMAF) presso l’ospedale San Camillo, che è Hub di secondo livello e tra quelli individuati per la gestione di eventuali maxi emergenze (disastri) in collaborazione con l’Ares 118. Nello specifico è stato simulato l’arrivo di 4 codici rossi, 4 gialli, 10 verdi e venti visitatori/parenti in cerca di informazioni". È quanto si legge in una nota della Regione Lazio.
 
“Voglio ringraziare tutti i volontari della Croce Rossa, della Protezione civile, i Vigili del Fuoco, gli psicologi e soprattutto il personale dell’Ares 118 e del San Camillo per l’impegno e la professionalità dimostrata. Si tratta di operazioni di addestramento molto importanti poiché rappresentano la migliore preparazione possibile per l’eventualità di un disastro reale” ha commentato l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

 
"L’esercitazione si è svolta in due fasi - spiega la nota -: la prima con la simulazione di un crollo di una palazzina presso via Portuense che ha visto un primo soccorso e l’estrazione dei feriti ed una seconda fase con il trasporto dei feriti presso il San Camillo e il trattamento in pronto soccorso. Per l’esercitazione è stato coinvolto il personale sanitario in particolar modo nell’area delle emergenze come il Pronto Soccorso e l’ARES 118 ha messo in campo un Posto Medico Avanzato per il trattamento e la stabilizzazione dei pazienti sul posto; 2 Automediche; 1 Ambulanza medicalizzata; 2 Ambulanze infermieristiche".
 
È importante sottolineare che durante l’esercitazione non è mai stata interrotta la regolare attività dell’ospedale San Camillo tanto è vero che durante le operazioni sono arrivati diversi pazienti e tra loro sono stati trattati anche 3 codici rossi reali - commenta D’Amato -. L'esercitazione ci ha permesso inoltre di testare, per la prima volta in assoluto, un'innovativa App per tracciare informaticamente con l’utilizzo di tablet ogni singolo paziente coinvolto nella maxi-emergenza con la possibilità di effettuare delle foto ai feriti per la loro identificazione. Un sistema innovativo che ci permette di superare l’utilizzo del cartaceo e rende le operazioni di soccorso più immediate e puntuali”.
 
"All’arrivo in PS dei feriti al San Camillo è stato attivato il piano PEIMAF che prevede la redistribuzione delle aree del PS per consentire l’accettazione, triage e trattamento delle vittime simulate. Contemporaneamente presso l’atrio della Piastra - conclude la nota - è stata attivata la procedura per la presa in carico dei familiari e parenti in cerca di informazioni sui feriti e assistiti dagli psicologi".  
 

08 maggio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy