Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 GIUGNO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Patologie psichiatriche. La proteina C reattiva è un marker

Uno studio danese, pubblicato da European Psychiatry, ha mostrato evidenze circa il ruolo che la proteina C reattiva riveste in alcune patologie psicbiatriche, tanto da poter essere considerata un marker diagnostico.

05 GIU - (Reuters Health) – Chi soffre di malattie mentali, come schizofrenia, disturbo bipolare o depressione, avrebbe aumentati livelli di proteina C reattiva (CRP), un marker infiammatorio. E, inoltre, tra questi pazienti sarebbe più elevato il rischio di mortalità. A dimostrarlo è uno studio coordinato da Henriette Horsdal dell’Università di Aarhus, in Danimarca. La ricerca è stata pubblicata su European Psychiatry.
 
Lo studio
I ricercatori danesi hanno preso in considerazione più di 17mila pazienti con una diagnosi di schizofrenia, disturbo bipolare o depressione, tra il 2002 e il 2012, sui quali erano stati valutati anche, alla diagnosi, i livelli di marker infiammatori, come la proteina C reattiva e i globuli bianchi. Gli individui che soffrivano di disturbo bipolare avevano i più alti livelli di CRP iniziali, pari a 3,5 mg/L, mentre il CRP negli stati maniacali era di 3,9 mg/L. In media, il CRP era di 3,1 mg/L nelle persone con schizofrenia e di 2,8 mg/L nelle persone che avevano avuto una diagnosi di depressione. Mentre non ci sarebbe stata alcuna connessione tra le malattie mentali e i livelli di globuli bianchi. Inoltre, secondo quanto considerato da Horsdal e colleghi, il rischio di mortalità era maggiore tra chi aveva i più elevati livelli di CRP. In particolare era di 1,56 volte più alto tra chi aveva i livelli di proteina C reattiva compresi nell’intervallo tra 3 e 10 mg/L e saliva a 2,07 volte con livelli di CRP superiori a 10 mg/L.

 
“In Danimarca, il monitoraggio di CRP e globuli bianchi nei pazienti psichiatrici è la routine, tuttavia è ancora poco diffusa altrove – osserva Horsdal -. Il nostro studio, dunque, sottolinea l’importanza di questo screening”. Secondo la ricercatrice danese, infatti, “alti livelli di infiammazione iniziale potrebbero contribuire alla resistenza al trattamento, per esempio, della depressione, mentre non è chiaro l’eventuale sviluppo di resistenza a terapie contro la schizofrenia”, un aspetto che Horsdal e colleghi hanno intenzione di indagare, sempre utilizzando i registri dei pazienti danesi.
 
Fonte: European Psychiatry
 
Anne Harding
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

05 giugno 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy