Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Patologie psichiatriche. La proteina C reattiva è un marker

Uno studio danese, pubblicato da European Psychiatry, ha mostrato evidenze circa il ruolo che la proteina C reattiva riveste in alcune patologie psicbiatriche, tanto da poter essere considerata un marker diagnostico.

05 GIU - (Reuters Health) – Chi soffre di malattie mentali, come schizofrenia, disturbo bipolare o depressione, avrebbe aumentati livelli di proteina C reattiva (CRP), un marker infiammatorio. E, inoltre, tra questi pazienti sarebbe più elevato il rischio di mortalità. A dimostrarlo è uno studio coordinato da Henriette Horsdal dell’Università di Aarhus, in Danimarca. La ricerca è stata pubblicata su European Psychiatry.
 
Lo studio
I ricercatori danesi hanno preso in considerazione più di 17mila pazienti con una diagnosi di schizofrenia, disturbo bipolare o depressione, tra il 2002 e il 2012, sui quali erano stati valutati anche, alla diagnosi, i livelli di marker infiammatori, come la proteina C reattiva e i globuli bianchi. Gli individui che soffrivano di disturbo bipolare avevano i più alti livelli di CRP iniziali, pari a 3,5 mg/L, mentre il CRP negli stati maniacali era di 3,9 mg/L. In media, il CRP era di 3,1 mg/L nelle persone con schizofrenia e di 2,8 mg/L nelle persone che avevano avuto una diagnosi di depressione. Mentre non ci sarebbe stata alcuna connessione tra le malattie mentali e i livelli di globuli bianchi. Inoltre, secondo quanto considerato da Horsdal e colleghi, il rischio di mortalità era maggiore tra chi aveva i più elevati livelli di CRP. In particolare era di 1,56 volte più alto tra chi aveva i livelli di proteina C reattiva compresi nell’intervallo tra 3 e 10 mg/L e saliva a 2,07 volte con livelli di CRP superiori a 10 mg/L.

 
“In Danimarca, il monitoraggio di CRP e globuli bianchi nei pazienti psichiatrici è la routine, tuttavia è ancora poco diffusa altrove – osserva Horsdal -. Il nostro studio, dunque, sottolinea l’importanza di questo screening”. Secondo la ricercatrice danese, infatti, “alti livelli di infiammazione iniziale potrebbero contribuire alla resistenza al trattamento, per esempio, della depressione, mentre non è chiaro l’eventuale sviluppo di resistenza a terapie contro la schizofrenia”, un aspetto che Horsdal e colleghi hanno intenzione di indagare, sempre utilizzando i registri dei pazienti danesi.
 
Fonte: European Psychiatry
 
Anne Harding
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

05 giugno 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy