Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 17 AGOSTO 2018
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Allarme obesità Oms: nel 2016 oltre 1,9 miliardi di adulti e 124 milioni di bambini erano obesi con un forte aumento di incidenza delle patologie non trasmissibili. Ecco strategie e obiettivi

L'obesità infantile è associata a una maggiore probabilità di morte prematura, disabilità nell'età adulta, difficoltà respiratorie, fratture, ipertensione, malattie cardiovascolari, insulino-resistenza ed effetti psicologici. I target: una riduzione relativa del 25% della mortalità prematura da NCD entro il 2025 e un arresto dell'innalzamento dell'obesità globale per adeguarsi ai tassi del 2010. PIANO DI ATTUAZIONE COMPLETO SULLA NUTRIZIONE MATERNA, INFANTILE E DEI BAMBINI PICCOLI.

12 FEB - L'obesità e la sua anticamera, il sovrappeso, sono una vera e propria malattia che mettono a rischio la vita di 1,9 miliardi nel 2016 di adulti sovrappeso di cui  oltre 650 milioni obesi (39% degli uomini e 40% delle donne).

Complessivamente, nel 2016 circa il 13% della popolazione adulta nel mondo (l'11% degli uomini e il 15% delle donne) era obeso. La prevalenza mondiale dell'obesità è quasi triplicata tra il 1975 e il 2016.

L’Oms lancia un vero e proprio allarme contro il sovrappreso e l’obesità, specie tra i bambini.

Nel 2016, infatti, secondo l’Oms circa 41 milioni di bambini di età inferiore ai 5 anni erano in sovrappeso o obesi. 

Una volta considerato un problema di paesi ad alto reddito, il sovrappeso e l'obesità sono attualmente in aumento nei paesi a basso e medio reddito, in particolare in contesti urbani. In Africa, il numero di bambini in sovrappeso sotto i 5 anni è aumentato di quasi il 50% dal 2000. Quasi la metà dei bambini sotto i 5 anni in sovrappeso o obesi nel 2016 viveva in Asia.


Oltre 340 milioni di bambini e adolescenti di età compresa tra 5 e 19 anni erano in sovrappeso o obesi nel 2016.

La prevalenza di sovrappeso e obesità tra i bambini e gli adolescenti di età compresa tra 5 e 19 anni è aumentata drammaticamente dal 4% nel 1975 a poco più del 18% nel 2016.

L'aumento si è verificato in modo simile tra maschi e femmine: nel 2016 il 18% delle ragazze e 19% di ragazzi erano sovrappeso.

Mentre poco meno dell'1% dei bambini e adolescenti di età compresa tra 5 e 19 anni erano obesi nel 1975, più di 124 milioni di bambini e adolescenti (6% di ragazze e 8% di ragazzi) erano obesi nel 2016.
A livello globale ci sono più persone obese che sottopeso e questo si verifica in tutte le regioni tranne in quelle dell'Africa subsahariana e in Asia.
E con l'obesità aumenta il rischio per le malattie non trasmissibili come:

L'obesità infantile è associata a una maggiore probabilità di obesità, morte prematura e disabilità nell'età adulta. Ma oltre ai maggiori rischi futuri, i bambini obesi hanno difficoltà respiratorie, aumentato rischio di fratture, ipertensione, marcatori precoci di malattie cardiovascolari, insulino-resistenza ed effetti psicologici.
Sovrappeso e obesità, così come le relative malattie non trasmissibili, sono ampiamente prevenibili. Ambienti e comunità di supporto sono fondamentali per modellare le scelte delle persone, rendendo la scelta degli alimenti più sani e l'attività fisica regolare la scelta più semplice (la scelta più accessibile, disponibile ed economica), e quindi prevenendo il sovrappeso e l'obesità.
A livello individuale, le persone possono:

L'industria alimentare può svolgere un ruolo significativo nella promozione di diete sane:


Adottata dall'Assemblea mondiale della sanità nel 2004, la " Strategia globale dell'Oms su dieta, attività fisica e salute " descrive le azioni necessarie per sostenere diete sane e attività fisica regolare. La strategia invita tutte le parti interessate ad agire a livello globale, regionale e locale per migliorare le diete e i modelli di attività fisica a livello di popolazione.
La Dichiarazione politica della riunione ad alto livello dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili del settembre 2011 riconosce l'importanza cruciale di ridurre la dieta non sana e l'inattività fisica. La dichiarazione politica si impegna a promuovere l'attuazione della " Strategia globale dell'OMS sulla dieta, l'attività fisica e la salute ", incluso, se del caso, attraverso l'introduzione di politiche e azioni volte a promuovere diete sane e ad aumentare l'attività fisica nell'intera popolazione.

L'Oms ha anche sviluppato il "Piano d'azione globale per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili 2013-2020" che mira a raggiungere gli impegni della Dichiarazione politica delle Nazioni Unite sulle malattie non trasmissibili (NCD), approvata dai capi di Stato e di governo nel settembre 2011 Il "Piano d'azione globale" contribuirà al progresso su 9 obiettivi globali della NCD da raggiungere entro il 2025, compresa una riduzione relativa del 25% della mortalità prematura da NCD entro il 2025 e un arresto dell'innalzamento dell'obesità globale per adeguarsi ai tassi del 2010.

L'Assemblea mondiale della sanità ha accolto con favore la relazione della Commissione sulla fine dell'obesità infantile (2016) e le sue 6 raccomandazioni per affrontare l'ambiente obesogenico e i periodi critici nel corso della vita per affrontare l'obesità infantile. Il piano di attuazione per guidare i paesi ad agire per attuare le raccomandazioni della Commissione è stato accolto con favore dall'Assemblea mondiale della sanità nel 2017.
 

12 febbraio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy