Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 09 APRILE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Dolcificanti promuovono produzione di grasso e accumulo zuccheri nelle cellule

Così sarebbe in particolare per i soggetti sovrappeso e obesi. Inoltre, è stata osservata anche un accumulo intracellulare di specie reattive dell'ossigeno. Gli studi in vitro sono stati presentati all'incontro annuale dell'Endocrine Society a Chicago

22 MAR - (Reuters Health) – Il consumo di dolcificanti ipocalorici potrebbe favorire la disfunzione metabolica e predisporre le persone al diabete, in particolare quelle obese. A suggerirlo è una ricerca in vitro, secondo la quale gli edulcoranti promuoverebbero l'accumulo di grasso nelle cellule in modo dose-dipendente, aumentando l'ingresso del glucosio, attivando i trasportatori. La ricerca è stata presentata all'incontro annuale dell'Endocrine Society a Chicago.

Gli esperimenti
Sabyasachi Sen, della George Washington University di Washington, e colleghi hanno testato il sucralosio, un dolcificante a basso contenuto di calorie ampiamente utilizzato, su cellule staminali prelevate da tessuto grasso umano. In particolare, hanno messo in coltura le cellule per imitare un ambiente che promuove l'obesità e hanno quindi aggiunto sucralosio a una dose simile alle concentrazioni riscontrate nel sangue delle persone con alto consumo di questo dolcificante.

A questa dose, i ricercatori americani avrebbero osservato la sovraregolazione dei geni correlati alla produzione di grassi e infiammazione. In un esperimento separato, il team ha analizzato campioni di biopsia di grasso addominale ottenuti da 14 persone con obesità e quattro adulti normopeso che usavano dolcificanti a basso contenuto calorico, principalmente sucralosio. Negli adulti con obesità, ma non in quelli normopeso, i ricercatori avrebbero osservato un aumento del trasporto di glucosio nelle cellule e la sovraespressione di geni noti per la produzione di grassi.

Pertanto, i dolcificanti ipocalorici “sembrano essere più dannosi nei soggetti a cui sono destinati questi prodotti, ovvero gli individui obesi”, ha sottolineato Sen. “Riteniamo che l'effetto sia più evidente nelle persone sovrappeso e obese piuttosto che in quelle normopeso perché hanno una maggiore resistenza all'insulina e possono avere più glucosio nel sangue”, ha aggiunto l'esperto. Dai dati raccolti, Sen e colleghi avrebbero evidenziato anche che il sucralosio promuove l'accumulo di specie reattive dell'ossigeno nelle cellule. Questi radicali interferiscono con la normale attività cellulare e rallentano il metabolismo, che favorisce l'accumulo di grasso intracellulare.

“Questo studio suggerisce che le persone sovrappeso o obese dovrebbero evitare completamente di consumare dolcificanti ipocalorici”, ha sintetizzato Reshni Srinath dell'Icahn School of Medicine al Mount Sinai di New York, che non era coinvolto nello studio.

Fonte: Endocrine Society

Megan Brooks

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Nutri&Previeni)

22 marzo 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy