Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 18 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Diabete. Retinopatia meno probabile se la glicemia è sotto controllo

Nei diabetici, il rischio di sviluppare retinopatia è inversamente legato  al tempo in cui i livelli di glucosio rimangono nel range ottimale. A suggerirlo è uno studio cinese, pubblicato da Diabetes Care

18 OTT - (Reuters Health) – Per studiare lo sviluppo delle retinopatia nei pazienti diabetici, Weiping Jia e colleghi, del Sixth People’s Hospital di Shanghai, hanno arruolato 3.262 pazienti, con un intervallo medio dalla diagnosi di diabete di tipo 2 di otto anni. Il livello medio basale di emoglobina glicata (HbA1c) era dell’8,9%. I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti allo studio di indossare il monitoraggio continuo del glucosio per tre giorni, per misurare direttamente la glicemia in tempo reale. Inoltre, Jia e colleghi hanno calcolato per quanto tempo, nell’arco delle 24 ore, i pazienti avessero i livelli di glucosio nel range opportuno, compreso tra 3,9 e 10 mmol/L (70-180 mg/dL).

I risultati
Complessivamente, 780 persone, pari al 24%, hanno sviluppato retinopatia diabetica. I pazienti con meno tempo passato nel range hanno mostrato una probabilità maggiore di andare incontro a retinopatia. Inoltre, un minor tempo trascorso nel range ottimale è stato associato a un aumento della gravità del danno oculare tra i pazienti con retinopatia. Infine, il legame tra tempo trascorso nel range e patologia oculare si è rivelati indipendente dalle misurazioni di emoglobina glicata; un dato che suggerisce come chi è soggetto a fluttuazioni quotidiane brusche sia comunque a rischio di danni alla retina.

Fonte: Diabetes Care

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

18 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy