Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 MAGGIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Seno: nuova tecnica di imaging in grado di stanare masse maligne senza ricorrere alla biopsia

Una nuova tecnica mammografica, l’imaging del seno a tre compartimenti, in uno studio condotto a Chicago ha mostrato un’altissima sensibilità nell’individuare le masse maligne, riducendo il numero di biopsie necessarie

18 DIC - (Reuters Health) – Una nuova tecnica di analisi dell’immagine del seno può aiutare a ridurre inutili biopsie al seno, facendo risparmiare ansia e ulteriori costi alla paziente.
La tecnica, chiamata imaging del seno a tre compartimenti (3cb), utilizza mammografia a doppia energia non contratta per determinare la composizione del tessuto biologico (acqua, lipidi e proteine) di una massa mammaria sospetta, ed è stata oggetto di uno studio pubblicato da Radiology.
 
Lo studio
Karen Drukker e colleghi, della University of Chicago , hanno studiato 109 donne con sospette masse mammarie con mammografia a doppia energia. I risultati della biopsia hanno mostrato che 35 masse erano tumori invasivi e 74 erano invece benigni.
 
Le immagini di 3cb sono state derivate dalle mammografie e analizzate insieme alla radiomica mammografica, un metodo che utilizza algoritmi di intelligenza artificiale per analizzare caratteristiche e schemi nelle immagini.
 
La combinazione dell’analisi delle immagini 3cb e della radiomica mammografica ha migliorato la capacità di prevedere il cancro nelle masse mammarie ritenute sospette dal radiologo.

 
Il metodo combinato ha migliorato il valore predittivo positivo (Vpp) dal 32% per l’interpretazione visiva al 49%, con il 36% di biopsie totali in meno. Il metodo 3cb-radiomica ha mancato uno solo dei 35 cancri, con una percentuale di sensibilità del 97%.
 
Secondo il team, poiché l’imaging 3cb può essere eseguito con apparecchiature mammografiche o tomosintesi mammarie convenzionali con variazioni minime nel flusso di lavoro e piccole modifiche, la nuova tecnica ha il potenziale per un’ampia applicazione nell’imaging mammario diagnostico e forse anche per lo screening.

“Il nostro studio ha dimostrato che sono necessarie ulteriori indagini sull’applicazione di imaging 3cb e abbiamo avviato uno studio di ricerca che incorpora l’imaging 3cb nella tomosintesi del seno”, concludono i ricercatori.
 
Fonte: Radiology 2018
 
Reuters Staff

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

18 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy