Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 04 GIUGNO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Malattia di Crohn, nuovo score prevede l’ascesso intra-addominale


Un gruppo di ricercatori israeliani ha messo a punto una scala di valutazione in grado di prevedere, con una certa affidabilità, le possibilità di ascesso intra-addominale nei pazienti affetti da Malattia di Chron che arrivano al Pronto Soccorso. Il sistema si basa su cinque parametri

06 MAR - (Reuters Health) - Un nuovo punteggio di rischio basato su cinque parametri prevede con precisione l’ascesso intra-addominale nei pazienti affetti da Malattia di Crohn che si presentano al pronto soccorso.
Il sistema di punteggio, punteggio semplice e non invasivo, è stato messo a punto da un team di ricercatori dell’Hebrew University Medical Center di Gerusalemme.
 
“Circa il 28% dei pazienti con malattia di Crohn sviluppa fistole che aumentano il rischio di un ascesso intra-addominale – spiega Eran Israeli, tra i responsabili dello studio – Come identificare tali ascessi, senza esporre i pazienti a Tac superflue, non è ancora chiaro”.
 
Lo studio
Israeli e il suo team hanno identificato cinque variabili a cui hanno assegnato dei punti che sono stati sommati nel computo di previsione del rischio: localizzazione ileo-colica della Malattia di Crohn (un punto); malattia perianale (tre punti); non assunzione di corticosteroidi (due punti); rapporto neutrofili/ linfociti (NLR)> 11,75 (tre punti); e proteina C-reattiva (CRP)> 0,5 mg / dL (cinque punti).

 
Un punteggio superiore a nove ha identificato correttamente 38 pazienti su 72 (53%) con un ascesso intra-addominale, ma ha rappresentato in modo non corretto 20 pazienti su 58 (35%) con punteggi più alti, per un valore predittivo positivo del 65%.
 
Un punteggio di sette o minore ha identificato correttamente il 62,4% dei pazienti senza un ascesso intra-addominale, ma ha rappresentato in modo non corretto 11 dei 157 pazienti (7%) con punteggi bassi, per un valore predittivo negativo del 93%.
 
“Raccomandiamo di incorporare il punteggio nel processo decisionale clinico per quanto riguarda la necessità di eseguire una Tc addominale immediata in questi pazienti, dato che questa popolazione è significativamente più esposta alle radiazioni ionizzanti – sottolineano i ricercatori – Ulteriori studi prospettici dovrebbero essere eseguiti per convalidare i nostri risultati”.
 
Fonte: J Crohns Colitis 2019
 
Reuters Staff
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

06 marzo 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy