Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Compromissione della mobilità. Un biomarker per il declino funzionale negli anziani

La compromissione della mobilità è un "biomarker geriatrico" per il declino funzionale negli anziani con infarto acuto del miocardio. Lo rivela uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine.

09 OTT - (Reuters Health) – La valutazione della mobilità negli over 65 durante il ricovero “può essere utile per identificare i pazienti più anziani con infarto miocardico acuto che sono a rischio di declino funzionale. È quanto emerge da uno studio pubblicato da JAMA Internal Medicine.
 
 
Lo studio
Alexandra Hajduk della Yale School of Medicine, a New Haven, nel Connecticut, e i colleghi hanno valutato la mobilità di oltre 2.500 anziani usando il test Timed Up and Go (TUG). L’età media dei partecipanti era di 81 anni e il 57% era composto da uomini, tutti ricoverati in ospedale per un infarto acuto del miocardio in 94 ospedali diversi. In base ai risultati ottenuti con il TUG, i pazienti sono stati suddivisi in 4 gruppi: mobilità preservata, compromissione lieve, compromissione moderata, compromissione grave. In più della metà dei partecipanti, durante la degenza, la mobilità era compromessa: il 22% presentava una menomazione lieve, il 16% moderata e il 15% grave.

Un quarto degli adulti ha riportato un declino funzionale sei mesi dopo la dimissione rispetto a un mese prima dell’ammissione. Il 13% ha riferito di un declino delle attività della vita quotidiana (ADL) e il 17% ha riferito di un declino della capacità di percorrere 400 metri.

Solo il 4% di coloro la cui mobilità non era stata compromessa durante il ricovero ha riportato un declino delle attività della vita quotidiana. Il tasso era vicino al 7% nei soggetti con compromissione lieve e al 19% in quelli con compromissione moderata. Il 35% delle persone che avevano riscontrato una compromissione grave hanno dichiarato un declino delle attività della vita quotidiana. Solo gli ultimi due risultati erano statisticamente significativi.

Nell’11% dei partecipanti del primo gruppo (mobilità preservata) è stata osservata una diminuzione nella capacità di percorrere 400 metri. Diminuzione riscontrata nel 15% di coloro con disabilità lieve, nel 19% di quelli con disabilità moderata e nel 25% di quelli con disabilità grave. Tutti e tre i risultati erano statisticamente significativi.

“Abbiamo scoperto che la compromissione della mobilità è associata al declino di tutte le attività che abbiamo valutato”, scrivono gli autori. “Questa scoperta è importante perché la perdita della capacità a eseguire autonomamente le attività della vita quotidiana può segnalare una transizione critica per gli anziani dall’indipendenza alla dipendenza“.

La maggior parte dei pazienti anziani considera l’operatività e l’indipendenza prioritaria rispetto alla longevità. Quindi “i medici che si occupano di adulti più anziani con infarto acuto del miocardio devono riconoscere e affrontare le minacce all’indipendenza del paziente. Il TUG è una valutazione rapida, liberamente disponibile e facile che può essere amministrata da medici o personale di supporto senza una formazione approfondita”, concludono gli autori.
 
Fonte: JAMA Intern Med 2019

Reuters Staff

(Versione italiana per Quotidiano Sanità/Popular Science)

09 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy