Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 26 MAGGIO 2016
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Alesina, Giavazzi e Robin Hood: “Facciamo pagare di più la sanità ai ricchi”

Ci risiamo. Dopo il loro articolo del 23 settembre scorso la rinomata coppia “Alesina e Giavazzi” torna a colpire. Questa volta il bersaglio è diretto. I tabù della sinistra restia a modificare lo Stato sociale. Ma dietro c'è sempre la solita ricetta. Una sanità per i ricchi e una per i poveri

13 DIC - “Dobbiamo ripensare più profondamente alla struttura del nostro Stato sociale. Per esempio, non è possibile fornire servizi sanitari gratuiti a tutti senza distinzione di reddito. Che senso ha tassare metà del reddito delle fasce più alte per poi restituire loro servizi gratuiti? Meglio che li paghino e contemporaneamente che le loro aliquote vengano ridotte”. Così Alberto Alesina e Francesco Giavazzi nel loro articolo sul Corriere della Sera del 23 settembre.
 
Oggi, sempre sul Corriere, cambiano (poco) le parole, ma restano identici i concetti (se non altro la coerenza dei due economisti è indubbia). “Lo Stato regala troppi servizi ai ricchi, ad esempio i servizi sanitari gratuiti a tutti senza distinzione di reddito. Ha senso tassare il 50% del reddito delle famiglie più alte per poi restituire loro servizi gratuiti?”, si chiedono pensosamente i due professori. “Non sarebbe meglio se quei servizi li pagassero, a fronte di una riduzione dell’imposizione fiscale?” E aggiungono, con una perfidia che neanche Robin Hood: “A fronte di una riduzione delle loro aliquote i ricchi dovrebbero pagare i servizi più del loro costo”.

 
E perché ciò non si fa, si chiedono a questo punto Alesina e Giavazzi? Per colpa dei “tabù della sinistra”.
Qui siamo veramente oltre l’immaginabile. Evidentemente il problema per il quale i “ricchi” non verrebbero massacrati (pagando di più il costo dei servizi sanitari) sta nel fatto che, senza saperlo, essi hanno dalla loro dei difensori strenui e incrollabili: quelli di sinistra e i loro rappresentanti.
 
Ma per favore! Cari professori non pensate che sia più serio presentare la vostra proposta in modo più trasparente, per quella che è? E cioè la proposizione di un sistema sanitario diviso in due, uno per i meno abbienti, pagato dalla fiscalità e l’altro per i più abbienti, pagato a parte con assicurazioni private?
Già ho avuto modo di dire che tale proposta è legittima, negli Usa funziona così da sempre e la riforma Obama ha solo mitigato l’assetto, ma consentiteci a noi “conservatori” (di sinistra, centro e destra) di obiettare a questa prospettiva senza demagogia.
 
Le ragioni del no sono semplici. I sistemi tipo Ssn costano meno e sono più efficaci. Sì, efficaci (l’effcienza è un altro discorso e riguarda parimenti il pubblico e il privato).
Ma questo discorso, nonostante i dati internazionali lo dimostrino puntualmente ad ogni report annuale, evidentemente non vi basta, considerando che vi sorvolate sopra con leggerezza eterea.
Per voi il punto è che lo Stato Sociale è vecchio, superato, a prescindere dai dati reali sulle sue performance.
 
Posta così, quindi, la discussione diventa, per colpa vostra, sempre e solo ideologica. Come sterilmente ideologici sono i vostri appelli contro i tabù, presunti, della sinistra.
 
Cesare Fassari

13 dicembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy