Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 OTTOBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Poliomielite. “Non abbassare la guardia!”. Comitato di emergenza Oms fa il punto sul rischio internazionale della malattia

Il Comitato ha concordato all'unanimità che il rischio di diffusione internazionale del poliovirus rimane un'emergenza sanitaria pubblica di preoccupazione internazionale (PHEIC) e ha raccomandato l'estensione delle raccomandazioni provvisorie per ulteriori tre mesi. Il comitato ha considerato una seire di fattori per il raggiungimento di questa conclusione. IL REPORT OMS LUGLIO-DICEMBRE 2017.

13 MAG - La poliomielite è stata eradicata grazie ai vaccini da quasi tutti gli stati membri dell’Oms. Ma con le migrazioni e la possibilità di spostamenti a livello internazionale di individui che sono ancora in zone endemiche, l’allarme non è cessato e non deve abbassarsi il livello di allerta.

 
Per questo la diciassettesima riunione del comitato di emergenza Oms ai sensi dei regolamenti sanitari internazionali (2005) (IHR) sulla diffusione internazionale del poliovirus e su sollecitazione del direttore generale Oms, ha tenuto il 30 aprile scorso una riunione presso la sede dell'Oms.
 
Il comitato di emergenza ha esaminato i dati sul poliovirus selvaggio (WPV1) e sui poliovirus derivati ​​dal vaccino circolante (cVDPV). Il Segretariato ha presentato una relazione sui progressi per gli Stati parti dell'IHR interessati dalle raccomandazioni temporanee. 
 
La situazione rilevata dall’Oms:
 
- La polio (poliomielite) colpisce principalmente i bambini sotto i 5 anni di età.
- 1 su 200 infezioni porta a paralisi irreversibile. Tra i paralizzati, dal 5% al ​​10% muoiono quando i loro muscoli respiratori vengono immobilizzati.
- I casi di morte per poliovirus selvaggio sono diminuiti di oltre il 99% dal 1988, da circa 350 000 casi a 22 casi segnalati nel 2017. Come risultato dello sforzo globale per sradicare la malattia, oltre 16 milioni di persone sono state salvate da paralisi.
- Finché un bambino singolo rimane infetto, i bambini in tutti i paesi sono a rischio di contrarre la polio. La mancata eradicazione della poliomielite da queste ultime roccaforti rimanenti potrebbe comportare fino a 200.000 nuovi casi ogni anno, entro 10 anni, in tutto il mondo.
- Nella maggior parte dei paesi, lo sforzo globale ha ampliato le capacità di affrontare altre malattie infettive costruendo efficaci sistemi di sorveglianza e immunizzazione.
- Complessivamente, il Comitato è stato incoraggiato dai continui progressi nella eradicazione del WPV1, con il numero di casi globalmente rimasti bassi nel 2018. Inoltre, non vi è stata alcuna diffusione internazionale del WPV1 da ottobre 2017. 
 
Il Comitato ha concordato all'unanimità che il rischio di diffusione internazionale del poliovirus rimane un'emergenza sanitaria pubblica di preoccupazione internazionale (PHEIC) e ha raccomandato l'estensione delle raccomandazioni provvisorie per ulteriori tre mesi. Il comitato ha considerato i seguenti fattori per il raggiungimento di questa conclusione:
 
Sebbene il rischio di diffusione internazionale del WPV possa diminuire man mano che diminuisce la trasmissione, l'impatto di eventuali ritardi nell'eradicazione del WPV causati dalla diffusione internazionale, qualora si verificasse ora, sarebbe ancora più grave in termini di ritardo nella certificazione e necessità di mantenere umani e risorse finanziarie per un periodo più lungo per ottenere l'eradicazione.
 
Molti paesi rimangono vulnerabili all'importazione del WPV, come evidenziato dalle lacune nell'immunità della popolazione in diverse aree chiave ad alto rischio e anche dal numero attuale di focolai di cVDPV, di tipo 2 e 3, che emergono e circolano solo a causa della mancanza di immunità alla popolazione polio.
 
L'inaccessibilità ai programmi di vaccinazione rimane un altro rischio importante, in particolare in diversi paesi attualmente infetti da WPV o cVDPV, ovvero Afghanistan, Nigeria e Somalia, che non sono stati raggiunti con il vaccino antipolio per periodi prolungati.
 
Il rischio è amplificato dal movimento della popolazione, sia per ragioni familiari, sociali, economiche o culturali, sia nel contesto di popolazioni sfollate e dal rientro dei rifugiati. È necessario un coordinamento internazionale per affrontare questi rischi, in particolare tra l'Afghanistan e il Pakistan, la Nigeria e i suoi vicini del lago Ciad e i paesi all'interno e al confine con il Corno d'Africa e la Repubblica democratica del Congo.
 
La popolazione inaccessibile nello stato del Borneo in Nigeria rimane un problema nonostante gli sforzi per raggiungere tutti gli insediamenti. Queste popolazioni non hanno ricevuto il vaccino antipolio da quando il WPV1 è stato individuato nel 2016, quindi non è possibile escludere una trasmissione continua. Il rischio di trasmissione nella sub-regione del Lago Ciad appare considerevole, con significative lacune nell'immunità di popolazione in questi paesi vulnerabili, aggravata dal movimento della popolazione internazionale.
 
Il nuovo focolaio internazionale di cVDPV2 che ha colpito la Somalia e il Kenya, con un cVDPV2 molto divergente che sembra circolato inosservato per quattro anni, evidenzia che ci sono ancora popolazioni ad alto rischio nelle zone meridionali e centrali della Somalia dove l'immunità e la sorveglianza della popolazione sono compromesse per inaccessibilità.
 
La diffusione continua di cVDPV2 nella Repubblica Democratica del Congo dimostra lacune significative nell'immunità della popolazione in un momento critico nel finale della polio: la mancanza di vaccinazione contro l'IPV in diversi paesi confinanti con la Repubblica Democratica del Congo accresce il rischio di diffusione internazionale, mentre l'immunità della popolazione sta rapidamente calando.
 
Il numero crescente di paesi in cui i sistemi di immunizzazione sono stati indeboliti o interrotti da conflitti e emergenze complesse rappresenta un altro rischio. Le popolazioni in questi stati fragili sono vulnerabili alle epidemie di poliomielite. Le epidemie negli Stati fragili sono estremamente difficili da controllare e minacciano il completamento dell'eradicazione della polio nel suo stadio finale.
 
Per rispondere a questi rischi è necessario un approccio regionale e una forte cooperazione transfrontaliera, poiché la diffusione internazionale della polio avviene oltre i confini terrestri.
 
Il Comitato ha fornito al Direttore generale i seguenti consigli per ridurre il rischio di diffusione internazionale di WPV1 e cVDPV:
 
- Stati infettati da WPV1, cVDPV1 o cVDPV3, con potenziale rischio di diffusione internazionale.
- Stati infettati da cVDPV2, con potenziale rischio di diffusione internazionale.
- Stati non più infettati da WPV1 o cVDPV, ma che rimangono vulnerabili alla re-infezione da WPV o cVDPV.
- Criteri per valutare gli Stati come non più infetti da WPV1 o cVDPV:
 
Caso Poliovirus: 12 mesi dopo la data di insorgenza del caso più recente PIÙ un mese per la rilevazione del caso, indagini, test di laboratorio e periodo di segnalazione O quando tutti i casi di AFP segnalati con insorgenza entro 12 mesi dall'ultimo caso sono stati testati per la polio e esclusi per WPV1 o cVDPV e anche i campioni ambientali o di altro genere raccolti entro 12 mesi dall'ultimo caso sono risultati negativi, a seconda di quale sia il più lungo.
 
Isolamento ambientale o di altro tipo di WPV1 o cVDPV (nessun caso di poliovirus): 12 mesi dopo la raccolta del campione ambientale o altro positivo più recente (ad esempio da un bambino sano) PIÙ un mese per tenere conto dei test di laboratorio e del periodo di riferimento
Questi criteri possono essere variati per i paesi endemici, dove è necessaria una valutazione più rigorosa in riferimento ai divari di sorveglianza (ad esempio Borno).
 
Una volta che un paese soddisfa questi criteri in quanto non più infetto, il paese sarà considerato vulnerabile per ulteriori 12 mesi. Dopo questo periodo, il paese non sarà più soggetto a raccomandazioni temporanee, a meno che il Comitato non abbia preoccupazioni basate sulla relazione finale.
 
Stati infettati da WPV1, cVDPV1 o cVDPV3 con potenziale rischio di diffusione internazionale 
 
WPV1
afghanistan
Pakistan
Nigeria
 
cVDPV3
Somalia
Questi paesi dovrebbero:
 
Dichiarare ufficialmente, se non già fatto, a livello di capi di stato o di governo, che l'interruzione della trasmissione di poliovirus è un'emergenza nazionale di salute pubblica e attuare tutte le misure necessarie per sostenere l'eradicazione della polio, laddove tale dichiarazione è già stata fatta, questa emergenza lo stato dovrebbe essere mantenuto.
 
Assicurare che tutti i residenti e i visitatori a lungo termine (vale a dire quattro settimane) di tutte le età, ricevano una dose di vaccino poliovirus orale bivalente (BOPV) o vaccino poliovirus inattivato (IPV) tra quattro settimane e 12 mesi prima del viaggio internazionale.
 
Garantire che coloro che intraprendono viaggi urgenti (cioè entro quattro settimane), che non hanno ricevuto una dose di bOPV o IPV nelle precedenti quattro settimane a 12 mesi, ricevano una dose di vaccino antipolio almeno al momento della partenza, poiché ciò continuerà a fornire beneficio, in particolare per i viaggiatori frequenti.
 
Garantire che tali viaggiatori siano dotati di un certificato internazionale di vaccinazione o profilassi nella forma specificata nell'Allegato 6 dell'IHR per registrare la loro vaccinazione antipolio e fungere da prova della vaccinazione.
 
Limitare al punto di partenza il viaggio internazionale di qualsiasi residente privo di documentazione di vaccinazione antipolio appropriata. Queste raccomandazioni si applicano ai viaggiatori internazionali da tutti i punti di partenza, indipendentemente dal mezzo di trasporto.
 
Intensificare ulteriormente gli sforzi transfrontalieri migliorando significativamente il coordinamento a livello nazionale, regionale e locale per aumentare sostanzialmente la copertura vaccinale dei viaggiatori che attraversano la frontiera e delle popolazioni transfrontaliere ad alto rischio. Un migliore coordinamento degli sforzi transfrontalieri dovrebbe comprendere una vigilanza e un monitoraggio più rigorosi della qualità della vaccinazione nei punti di transito alle frontiere, nonché il rilevamento della percentuale di viaggiatori che sono stati identificati come non vaccinati dopo aver attraversato la frontiera.
 
Intensificare gli sforzi per aumentare la copertura di vaccinazione di routine, compresa la condivisione dei dati di copertura, poiché un'alta copertura immunitaria di routine è un elemento essenziale della strategia di eradicazione della polio, in particolare quando il mondo si avvicina all'eradicazione.
 
Mantenere queste misure fino a quando sono soddisfatti i seguenti criteri: (i) sono trascorsi almeno sei mesi senza nuove infezioni e (ii) esiste una documentazione sulla piena applicazione delle attività di eradicazione di alta qualità in tutte le aree infette e ad alto rischio; tale documentazione dovrebbe essere mantenuta fino a quando lo stato soddisfa i criteri di valutazione sopra indicati per non essere più infetto.
 
Fornire al Direttore generale una relazione periodica sull'attuazione delle raccomandazioni temporanee sui viaggi internazionali.
 
Stati colpiti da cVDPV2, con potenziale rischio di diffusione internazionale
 
Repubblica Democratica del Congo
Kenia
Nigeria
Repubblica Araba Siriana
Somalia
 
Questi paesi dovrebbero:
 
Dichiarare ufficialmente, se non già fatto, a livello di capi di stato o di governo, che l'interruzione della trasmissione di poliovirus è un'emergenza nazionale di salute pubblica e attuare tutte le misure necessarie per sostenere l'eradicazione della polio, laddove tale dichiarazione è già stata fatta, questa emergenza lo stato dovrebbe essere mantenuto.
 
Prendendo atto dell'esistenza di un meccanismo separato per rispondere alle infezioni da poliovirus di tipo 2, si consideri la richiesta di vaccini dalla scorta globale di mOPV2 sulla base delle raccomandazioni del gruppo consultivo sul mOPV2.
 
Incoraggiare i residenti e i visitatori a lungo termine a ricevere una dose di IPV (se disponibile nel paese) da quattro settimane a 12 mesi prima del viaggio internazionale, quelli che intraprendono viaggi urgenti (cioè entro quattro settimane) dovrebbero essere incoraggiati a ricevere una dose almeno entro il partenza.
 
Garantire che i viaggiatori che ricevono tale vaccinazione abbiano accesso a un documento appropriato per registrare lo stato di vaccinazione antipolio.
 
Intensificare la cooperazione regionale e il coordinamento transfrontaliero per rafforzare la sorveglianza per la rapida individuazione del poliovirus e vaccinare i rifugiati, i viaggiatori e le popolazioni transfrontaliere, secondo il parere del gruppo consultivo.
 
Ulteriore intensificare gli sforzi per aumentare la copertura di vaccinazione di routine, compresa la condivisione dei dati di copertura, poiché un'alta copertura immunitaria di routine è un elemento essenziale della strategia di eradicazione della polio, in particolare quando il mondo si avvicina all'eradicazione.
 
Mantenere queste misure fino a quando sono soddisfatti i seguenti criteri: (i) sono trascorsi almeno sei mesi senza la rilevazione della circolazione di VDPV2 nel paese da qualsiasi fonte e (ii) esiste una documentazione sulla piena applicazione delle attività di eradicazione di alta qualità in tutte le aree infette e ad alto rischio, in assenza di tale documentazione queste misure dovrebbero essere mantenute fino a quando lo stato soddisfa i criteri di uno "stato non più infetto".
 
Al termine di 12 mesi senza prove di trasmissione, fornire una relazione al direttore generale sulle misure adottate per attuare le raccomandazioni provvisorie.
 
Stati non più infettati da WPV1 o cVDPV, ma che rimangono vulnerabili alla re-infezione da WPV o cVDPV
 
Camerun (ultimo caso 9 lug 2014)
Repubblica centrafricana (ultimo caso 8 dic 2011)
Ciad (ultimo caso 14 giu 2012)
Niger (ultimo caso 15 nov 2012)
 
Questi paesi dovrebbero:
 
Rafforzare urgentemente l'immunizzazione di routine per aumentare l'immunità della popolazione.
 
Migliorare la qualità della sorveglianza, anche considerando l'introduzione di metodi supplementari come la sorveglianza ambientale, per ridurre il rischio di trasmissione non rilevata di WPV1 e cVDPV, in particolare tra le popolazioni mobili e vulnerabili ad alto rischio.
 
Intensificare gli sforzi per garantire la vaccinazione delle popolazioni mobili e transfrontaliere, di sfollati interni, di rifugiati e di altri gruppi vulnerabili.
 
Rafforzare la cooperazione regionale e il coordinamento transfrontaliero per assicurare una rapida individuazione del WPV1 e del cVDPV e la vaccinazione di gruppi di popolazione ad alto rischio.
 
Mantenere queste misure con la documentazione della piena applicazione delle attività di sorveglianza e di vaccinazione di alta qualità.
 
Alla fine di 12 mesi * senza prove di reintroduzione del WPV1 o di nuova emergenza e circolazione di cVDPV, fornire una relazione al Direttore generale sulle misure adottate per attuare le raccomandazioni temporanee.
 
* Per i paesi del Lago Ciad, questo sarà collegato a quando la Nigeria non sarà più infettata da WPV1 o cVDPV2.
 
Ulteriori considerazioni
 
Il Comitato ha osservato che in tutti i paesi infetti e vulnerabili, l'immunizzazione di routine era generalmente piuttosto scarsa, se non a livello nazionale, quindi nelle tasche sub-nazionali. Il Comitato ha anche osservato che la sorveglianza in queste aree può anche essere non ottimale, in particolare quando l'accesso è compromesso dai conflitti. Il Comitato incoraggia vivamente tutti questi paesi a compiere ulteriori sforzi per migliorare l'immunizzazione di routine e rafforzare la sorveglianza in tali aree, e ha chiesto ai partner internazionali di sostenere questi paesi nel rapido miglioramento della copertura di vaccinazione di routine per sostenere l'eradicazione.
 
 Il Comitato ha anche esortato la Nigeria e i paesi del Lago del Ciad ad aumentare gli sforzi transfrontalieri e la pianificazione e la risposta congiunte. È necessario uno sforzo intensificato per identificare e raggiungere le popolazioni vulnerabili nella subregione, in particolare nelle isole del Lago Ciad. 
 
La Nigeria dovrebbe garantire un impegno politico continuo e adottare misure per contrastare la fatica nella lotta contro la polio. Allo stesso modo, il governo della Repubblica Democratica del Congo deve prestare maggiore attenzione alla prevenzione della diffusione internazionale della cVDPV2 dalla Repubblica Democratica del Congo, osservando che i paesi limitrofi sono colpiti dalla carenza globale di IPV.
 
Sulla base dell'attuale situazione relativa al WPV1 e al cVDPV e alle relazioni fornite dall'Afghanistan, dalla Repubblica democratica del Congo, dal Kenya, dal Pakistan e dalla Somalia, il direttore generale ha accettato la valutazione della commissione e il 7 maggio 2018 ha stabilito che la situazione relativa al poliovirus continua a costituire un PHEIC, rispetto a WPV1 e cVDPV. 
 
Il direttore generale ha approvato le raccomandazioni del comitato per i paesi che soddisfano la definizione di "Stati colpiti da WPV1, cVDPV1 o cVDPV3 con potenziale rischio di diffusione internazionale", "Stati contagiati con cVDPV2 con potenziale rischio di diffusione internazionale" e "Stati non più infetti" da WPV1 o cVDPV, ma che rimangono vulnerabili alla re-infezione da WPV o cVDPV 'e ha esteso le Raccomandazioni Temporanee sotto IHR per ridurre il rischio di diffusione internazionale di poliovirus.


13 maggio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy