Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 14 DICEMBRE 2019
Toscana
segui quotidianosanita.it

Liste di attesa. La Toscana vara il piano: “Ancora più stringente di quello nazionale”

Tempi di attesa ridotti per alcune le prestazioni rispetto a quanto stabilito nel provvedimento nazionale. La prescrizione di primo accesso dovrà essere evasa al massimo in 30 giorni per le visite e 60 per gli esami diagnostici. E poi regole severe sull’intramoenia e l’individuazione di “percorsi di tutela” se le prestazioni non sono disponibili nei tempi massimi previsti, con la possibilità di ricorrere anche a un erogatore privato, in libera professione, in attività aggiuntiva.

07 MAG - Separare rigorosamente il primo accesso dalla successiva presa in carico (o follow up). Riorganizzare e bilanciare il rapporto tra domanda e offerta. Garantire il rispetto dei tempi di erogazione delle prestazioni in base ai codici di priorità fissati. Attivare "percorsi di tutela" del cittadino, che gli garantiscano di avere comunque la prestazione nei tempi previsti, se possibile nel pubblico, altrimenti nel privato (ma col solo pagamento del ticket). Nel caso in cui l'attività libero professionale superi di gran lunga quella istituzionale, o ci sia uno sforamento dei tempi di attesa massimi in regime istituzionale, contenere le prestazioni in intramoenia, fino al loro blocco totale. Sono alcune delle misure contenute nel Piano regionale di governo delle liste di attesa 2019-2021, varato dalla giunta nella seduta di ieri, su proposta dell'assessore al diritto alla salute.

Il provvedimento non è ancora stato reso pubblico ma i suoi contenuti sono sintetizzati in una nota della Regione in cui si spiega che “il Piano regionale (PRGLA) recepisce in gran parte le linee di indirizzo del Piano Nazionale Governo Liste di Attesa (PNGLA) siglato con l'intesa Stato-Regioni del 21 febbraio 2019. Ma il Piano della Toscana introduce misure anche più stringenti di quelle previste dal Piano nazionale. Peraltro gran parte di queste misure erano già contenute nelle delibere approvate dalla giunta nei mesi passati, delibere che sono state inglobate in questo Piano regionale”.

 Le aziende avranno 60 giorni di tempo dall'approvazione della delibera per mettere in pratica le regole fissate dalla Regione.

Questi i punti salienti del Piano regionale:

- Garantire il bilanciamento della domanda e dell'offerta
mediante la riorganizzazione dell'offerta e dell'accessibilità alle prestazioni specialistiche ambulatoriali, con la definizione di elenco e volumi di prestazioni ambulatoriali, in risposta ai fabbisogni previsti.

- Separare completamente le prime visite dalle successive visite di controllo o follow up. Nella prima visita il problema clinico principale del paziente è affrontato per la prima volta, viene predisposta l'appropriata documentazione clinica e impostato un eventuale piano diagnostico-terapeutico. Nelle visite di controllo, il problema è già stato inquadrato dal punto di vista diagnostico e terapeutico e viene rivalutato dal punto di vista clinico e aggiornata la documentazione esistente.

La risposta a tutto ciò che viene generato nel primo contatto, in particolare per quanto riguarda il primo accesso, deve essere garantita entro 72 ore se urgente, 10 giorni se l'urgenza è definita Breve, e negli altri casi entro 15/30 giorni per le visite specialistiche ed entro 30/60 giorni per le prestazioni diagnostiche. Le prestazioni di accesso successivo devono essere gestite con una corretta pianificazione della presa in carico e del follow up; in particolare dovrà essere garantita la presa in carico da parte dello specialista per il controllo dei propri pazienti, riducendo il fenomeno della frammentazione dei percorsi di presa in cura.

- Rispetto dei codici di priorità. Questi i codici: Classe U = Urgente: da eseguire nel più breve tempo possibile, e comunque entro le 72 ore. Classe B = Breve: da eseguire entro 10 giorni. Classe D = Differibile: da eseguire entro 15/30 giorni per le visite o 30/60 giorni per gli accertamenti diagnostici. Classe P = Programmata: da eseguire entro 120 giorni.

- Attivazione di "percorsi di tutela". Se la prestazione non è disponibile nei tempi massimi previsti, l'azienda dovrà attivare un "percorso di tutela" per il cittadino. Ciò consiste in prima istanza nell'inserimento in una pre-lista: il team di Gestione operativa (GO) dovrà procedere alla ricerca di ulteriori spazi disponibili, tramite riutilizzo di potenziali posti liberi, oppure prevedendo percorsi alternativi (presso un erogatore privato, in libera professione, in attività aggiuntiva). Viene confermato quale ulteriore canale per l'attivazione dei percorsi di tutela il Numero verde regionale: 800 556060.

Sono abrogate le indicazioni in merito al cosidetto bonum (indennizzo di 25 euro per alcune prestazioni non garantite nei tempi massimi), poiché il diritto dell'utente è garantito dall'attivazione del percorso di tutela; abolito anche il pagamento dl ticket in caso di mancato ritiro del referto, poiché i canali di ritiro del referto sono molteplici e non controllabili ed inoltre il ticket è corrisposto in fase di accettazione e non più a prestazione erogata. Viene confermato il malum in caso di mancata disdetta della prestazione almeno 48 ore prima della data prenotata.

E' prevista la pubblicazione dei tempi di attesa sul sito regionale sia per le prestazioni specialistiche (per le quali esiste già da qualche mese una sezione dedicata) che per le prestazioni di ricovero.

Gestione della libera professione. Nel caso che l'attività svolta in regime di libera professione (intromoenia) superi quantitativamente quella svolta in regime istituzionale, o si verifichi comunque uno sforamento dei tempi massimi di attesa in regime istituzionale, le Aziende devono attuare una strategia di progressivo contenimento delle prestazioni libero professionali, a favore di una maggiore erogazione di prestazioni istituzionali, ridefinendone le proporzioni, anche prevedendo il totale blocco dell'attività libero professionale, fino al risolversi della criticità. Da sottolineare che queste misure sono le stesse indicate dal Piano nazionale.

L'Osservatorio sulle liste di attesa (istituito con la delibera di giunta 194 del 18 febbraio 2019) garantirà il monitoraggio e la verifica dell'applicazione delle indicazioni contenute nel Piano.

Rispetto a quello nazionale, il Piano regionale prescrive misure e tempi più stringenti. Per esempio, per la classe di priorità D si conferma un tempo di attesa massimo pari a 15 giorni (a fronte dei 30 nazionali), per le seguenti visite: cardiologia, neurologia, oculistica, ortopedia, ginecologia, otorino, urologia, dermatologia, oncologia e chirurgia generale; e pari a 30 giorni (a fronte dei 60 nazionali) per le seguenti prestazioni: ecografia addome (completo, superiore, inferiore), ecocolordopplergrafia cardiaca, ecografia del collo, ecografia mammella (mono e bilaterale), ecografia osterica e ginecologica, endoscopia digestiva (colon e gastro), ECG, ECG Holter, esame fundus oculare (compresa fotografia).

Ancora: il Piano nazionale prevede prestazioni in primo accesso con classe di priorità P con tempo max di 180 giorni fino a tutto il 2019, e dal 2020 il tempo max è definito a 120 giorni. Il Piano regionale limita fortemente l'utilizzo della classe di priorità P in primo accesso (ad esempio non può essere utilizzata per le prime visite) e ne prevede da subito un tempo max di 120 giorni. Questa fondamentale indicazione fa sì che in Toscana non si dovrà attendere 6/4 mesi per avere risposta ad un sospetto diagnostico espresso con una prescrizione di primo accesso, ma la stessa prescrizione dovrà essere evasa al massimo in 30 giorni per le visite e 60 per gli esami diagnostici.

Un'altra restrizione a livello regionale: per le classi di priorità U e B il tempo max deve essere garantito per tutte le prenotazioni (100%); per la D deve essere garantito nel 95% delle prenotazioni, a fronte del 90% previsto dal Piano nazionale per tutte le classi di priorità.

07 maggio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Toscana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy