Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 23 SETTEMBRE 2021
Veneto
segui quotidianosanita.it

Carenza anestesisti. In Veneto 151 posti a concorso. Ma per l’Aaroi Emac non saranno sufficienti  

Pe il sindacato il problema della carenza di organico è destinato a proseguire a cusa del numero di medici che andranno in quiescenza nel 2021, ma anche per via della mole di prestazioni accumulate a causa dell’emergenza covid. “Non vi sono soluzioni possibili e rapide all’orizzonte e questo comporterà ancora di aumentare i carichi di lavoro per un tempo non facilmente calcolabile. Urge un tavolo tecnico”.

12 FEB - “Da inizio pandemia i medici anestesisti - rianimatori del Veneto, a causa del poco personale, sono stati messi a dura prova. L’emergenza sanitaria, ad eccezione dei tre mesi estivi, non ha mai allentato la morsa e per chi, come noi, fa questo lavoro, in quest’anno ha svolto le proprie mansioni con turni ‘al limite’ e con un alto tasso di stress”. Ad affermarlo è Massimiliano Dalsasso, presidente Aaroi-Emac Veneto, che si sente poco confortato dai 151 posti mesi a concorso dall’Azienda Zero (141 posti) e dalla Ulss 1 Dolomiti (10). Questo numero di nuove energie, per Dalsasso, non sarà infatti sufficiente a coprire i bisogni e a dare ristoro al personale già messo a dura prova dalla pandemia.

La fatica fisica e psicologica di lavorare in condizioni estreme da oltre un anno, secondo Aaroi Emac Veneto, è figlia proprio di una emergenza cronicizzata di ben oltre 150 unità di anestesisti rianimatori sorta ancora prima della pandemia. Ora con i due concorsi pubblici per dirigenti medici - disciplina anestesia e rianimazione (scadrà il 14 febbraio quello dell’Azienza zero e l’8 marzo quello della Ulss 1 Dolomiti) porterà un po’ di sollievo, ma non risolverà la problematica.

 
“Come sappiamo, molto dipenderà da quanti candidati si presenteranno ai due concorsi – spiega Dalsasso -. Inoltre, gli anestesisti, una volta “terminata” l’emergenza, dovranno recuperare gli interventi sospesi o posticipati fino ad ora. L’emergenza della carenza di organico continuerà ancora molto se consideriamo la mole di colleghi in quiescenza per l’anno 2021 e tutto il lavoro che in questi mesi si è accumulato. Non vi sono soluzioni possibili e rapide all’orizzonte e questo comporterà ancora di aumentare i carichi di lavoro per un tempo non facilmente calcolabile”.

Aaroi Emac Veneto chiede al governo regionale, in forza della straordinaria emergenza sanitaria e dell’attuale carenza di personale di specialisti, che vengano ripristinati gli incontri ai tavoli tecnici per la definizione degli standard organizzativi e per il calcolo del fabbisogno del personale dirigenziale medico, in base agli accordi siglati nella tra Regione Veneto e OO.SS. ancora a maggio scorso. “Lo scopo della richiesta del ripristino dei tavoli tecnici – conclude Presidente Aaroi Emac Veneto - è di dare finalmente uniformità all’effettive necessità delle dotazioni organiche secondo le più recenti linee guida internazionali per l’anestesia e la rianimazione, che mai come in questo periodo hanno dimostrato come i numeri di queste specialità contino”.

Endrius Salvalaggio

12 febbraio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Veneto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy