Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 FEBBRAIO 2024
Friuli Venezia Giulia
segui quotidianosanita.it

Violenza sulle donne. Al Burlo Garofolo di Triste 21 richieste di aiuto in 9 mesi

Nel 2022 i casi erano stati 14. Novello: “La violenza contro le donne e contro i minori sono fenomeni strettamente interconnessi. Se c'è violenza domestica e ci sono dei bambini e/o bambine, questi sono a loro volta vittime, perché testimoni di violenza”. Alcuni dei casi registrati al Garofolo riguardano donne in gravidanza: “Anziché essere un fattore protettivo, la gravidanza pone la donna in un posizione ancora più vulnerabile”.

29 NOV - Nel 2022 sono state seguite 14 donne per accertata o sospetta violenza presso l’ospedale Irccs materno infantile Burlo Garofolo di Trieste. Nei primi nove mesi dell’anno il numero è salito a 21.

“Va precisato – riferisce l’assistente sociale dell’ospedale Laura Novello - che diversi nostri accessi, riguardano donne che hanno subito o che subiscono violenza in gravidanza e dall'analisi dei casi, come confermato anche dai dati della ricerche sul fenomeno, possiamo dire che, purtroppo, la gravidanza non è un fattore protettivo rispetto alla violenza domestica, anzi, in alcune situazioni, l’esser in gravidanza aumenta il rischio di subire ulteriori violenze e in altre, la violenza può manifestarsi proprio con la nuova condizione della donna dato che in gravidanza la donna è vista come maggiormente vulnerabile”.

“E ciò – continua l’assistente sociale del Burlo - può esser vissuto dal partner violento come una ulteriore possibilità per manifestare il suo potere e controllo. Anche la presenza di figli, sovente non impedisce all'aggressore di reiterare la violenza che è un fenomeno purtroppo ancora molto presente, basti dire che da gennaio a settembre 2023 il nostro centro ha accolto ben 21 donne per accertata o sospetta violenza”.

Nei giorni scorsi, proprio in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne a Trieste sono state allestiti due Infopoint aperti tre giorni consecutivi dove molte donne hanno potuto confrontarsi sul loro vissuto. A dare il loro contributo è stato il Comitato Unico di Garanzia, delle ostetriche, dell’Urp del Burlo, del Goap-centro antiviolenza, le professioniste dell’ufficio per la continuità assistenziale, l’assistente sociale del Burlo ed una psicologa.

“Gli infopoint intendono hanno dato un aiuto concreto a tutte le donne rendendo evidente che in caso di violenza non sono più sole. L’Irccs materno infantile Burlo Garofolo – conclude la dottoressa Novello - da sempre è impegnato attivamente nel contrasto alla violenza contro le donne e contro i minori che sono fenomeni strettamente interconnessi, poiché se c'è violenza domestica e ci sono dei bambini e/o bambine, questi sono a loro volta vittime, in quanto testimoni di violenza assistita, diretta o indiretta”.

A contrasto alla violenza sulle donne ci sono le seguenti strutture ed i seguenti servizi a disposizione:
1522: numero di pubblica utilità contro la violenza di genere e lo stalking. Case rifugio e Centri antiviolenza che sono strutture in cui sono accolte e che forniscono alloggio sicuro alle donne che subiscono violenza e ai loro bambini, a titolo gratuito e indipendentemente dal luogo di residenza.
Strutture di protezione di I livello, che sono strutture residenziali non ad indirizzo segreto utilizzate nel caso in cui la donna ha la necessità di allontanarsi dalla propria abitazione, ma di rimanere sul territorio (es: appartamenti di civile abitazione, strutture di comunità). Sono gestite da enti pubblici o privati convenzionati che offrono ospitalità e supporto alla donna nel percorso di uscita dalla violenza.

Strutture di protezione di II livello, ovvero case di civile abitazione, comunità. Sono strutture di semi-autonomia che vengono utilizzate per accompagnare le donne nel loro percorso verso l’autonomia. Sono strutture nelle quali la condizione ambientale è affine a quella familiare. Il personale è presente all'interno della struttura solo per alcune ore della giornata e le attività sono prevalentemente autogestite. Le persone ospiti possono essere inserite in attività occupazionali o lavorative.

Endrius Salvalaggio

29 novembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Friuli Venezia Giulia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy