Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 AGOSTO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Onotri (Smi): “Riconoscere tutele per i medici di medicina generale e parità di genere nella professione medica”


21 APR -

“Abbiamo accolto con interesse la proposta della Fnomceo di partecipare al confronto sulla questione medica che  è stata messa a dura prova dalla pandemia. Il lavoro dei medici è cambiato e la categoria ha subito grandi trasformazioni. Per queste ragioni riteniamo  non più procrastinabile il riconoscimento di tutte tutele per i medici di medicina generale convenzionata e una piena parità di genere nella professione medica”, così Pina Onotri, Segretario Generale del  Sindacato Medici Italiani alla conferenza della Fnomceo sulla questione medica.

“La centralità delle questioni relative al superamento delle disparità di genere viene ribadita anche nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) per rilanciare lo sviluppo nazionale in seguito alla pandemia. Il Piano, infatti, individua la parità di genere come una delle tre priorità trasversali perseguite in tutte le missioni che compongono il Piano. Proponiamo, per questo, che il  Ministero della Salute, sentito il  Ministero delle Pari Opportunità, proponga una o più sezioni tematiche  per esaminare  la condizione delle donne medico in medicina generale convenzionata e in medicina ospedaliera. Vorremmo, inoltre, estendere il Sistema nazionale di certificazione della parità di genere al comparto della  medicina generale convenzionata con la previsione della pubblicazione di un report annuale sul sito del Ministero della Salute. In questa pandemia sono le donne medico che hanno pagato il prezzo più alto. Il diritto al lavoro si deve coniugare al diritto alla  vita familiare e personale”.

“Siamo del parere che il Governo debba partire subito per mettere mano alla questione medica e prevedere già  nella prossima Nota di Aggiornamento del Documento di Economia e Finanza (NADEF) che dovrà essere presentata alle Camere entro settembre prossimo, una voce, nell’ambito della spesa sanitaria, destinata alle tutele dei medici della medicina convenzionata. Chiediamo al Governo lo stanziamento di euro 50.000.000  nella prossima  legge di bilancio per l’anno finanziario 2023 e per il bilancio pluriennale per il 2023-2025 per le tutele dedicate ai medici di medicina generale convenzionata, nell’ambito del rinnovo dei contratti e delle convenzioni del personale del SSN. Tale spesa  dovrà poi successivamente perfezionata in sede di discussione contrattuale per la  definizione dell’Accordo Collettivo Nazionale (ACN) 2018 – 2020 per i medici di medicina generale non ancora attualmente discusso”.

“Le tutele a cui bisogna puntare, per dare risposte immediate ai medici, sono in via primaria il riconoscimento dell’infortunio sul lavoro, il diritto alle ferie, alla maternità assistita, i permessi per malattia,  misure certe  in materia di sostegno ad handicap  e per le sostituzioni per poter fruire del riposo, nonché politiche continuative per le pari opportunità. Da queste priorità bisogna far riparte la questione medica” conclude.



21 aprile 2022
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy