Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 01 DICEMBRE 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medicina fisica e riabilitativa. Le richieste degli specialisti alle forze politiche


Le hanno esplicitate in una lettera aperta inviata a tutte le forze politiche dalla loro società scientifica, la Simfer, nella quale si sottolinea che il fisiatra, ovvero il medico specialista in Medicina fisica e riabilitativa, insieme ai molti altri professionisti del settore, è una risorsa indispensabile nel dare risposta a questi bisogni, grazie alle sue competenze cliniche nella cura di persone con malattie disabilitanti acute e croniche, e a quelle organizzative nel favorire il coordinamento e continuità dei percorsi di presa in carico. LA LETTERA.

16 SET - Ripristino e potenziamento dell’assistenza riabilitativa in tutti i settori dopo la pandemia, attenzione alla riabilitazione nel processo di riforma dell’assistenza territoriale, adeguamento quantitativo e qualitativo della riabilitazione ospedaliera: questi alcuni punti su cui la Società Italiana di Medicina Riabilitativa (Simfer) richiama l’attenzione di tutte le forze politiche impegnate nella consultazione elettorale del prossimo 25 settembre e propone un decalogo di proposte attuabili da subito illustrato in una lettera aperta.

Simfer richiama l’attenzione dei partiti verso un settore che l’Oms dichiara cruciale per l’assistenza sanitaria del XXI secolo in tutti paesi del mondo.

Questo dopo che l’impatto della pandemia di Covid19 sul settore è stato particolarmente devastante: il nostro paese, sottolinea Simfer, ha sofferto di drastiche riduzioni di posti letto dedicati alla riabilitazione, e ad ancor maggiori difficoltà di accesso alle cure riabilitative ambulatoriali e domiciliari, che hanno portato al persistere e all’aggravarsi di condizioni di disabilità che avrebbero potuto essere efficacemente trattate. A ciò si aggiungono i nuovi bisogni dovuti alle conseguenze disabilitanti dell’infezione da SarsCov2.

In Italia, secondo l’Istat, le persone con disabilità sono 3,1 milioni, il 5,2% della popolazione. La domanda di servizi riabilitativi è elevata, sia per le persone in condizioni di disabilità permanente sia per quelle affette da limitazioni temporanee. 

Simfer sottolinea che il fisiatra, ovvero il medico specialista in Medicina fisica e riabilitativa, insieme ai molti altri professionisti del settore, è una risorsa indispensabile nel dare risposta a questi bisogni, grazie alle sue competenze cliniche nella cura di persone con malattie disabilitanti acute e croniche, e a quelle organizzative nel favorire il coordinamento e continuità dei percorsi di presa in carico.

Simfer chiede che anche nell’impiego delle risorse del PNRR destinate al settore sanitario venga tenuto debito conto di questi aspetti, e in particolare sollecita l’impegno delle forze politiche sui seguenti punti

Simfer, che riunisce i medici italiani specialisti in Medicina Fisica e Riabilitativa, ritiene che chiunque si proponga per responsabilità di governo non possa trascurare il ruolo fondamentale svolto dall’assistenza riabilitativa nella tutela della salute e del benessere della popolazione, e debba tenerne debito conto nei propri programmi e nella propria azione concreta.

16 settembre 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer La lettera

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy