Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 08 DICEMBRE 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Un respiratore non fa una terapia intensiva

di Gabriele Cocco

26 OTT - Gentile direttore,
i dati diffusi giornalmente fin da inizio pandemia fanno un distinguo tra pazienti ricoverati in reparto e pazienti ricoverati in terapia intensiva. In questi ultimi mesi tutti abbiamo sentito parlare che i respiratori sono il salvavita dei pazienti ricoverati in terapia intensiva. Ma non basta un respiratore per far funzionare una terapia intensiva.
 
I pazienti con polmonite da corona virus hanno un quadro clinico talmente grave che oltre al ventilatore necessitano di monitoraggio multiparametrico h 24, di letto dedicato, materasso anti-decubito, presidi per il posizionamento del capo e degli arti. I farmaci in infusione continua sono anche più di sei in simultanea, tutti infusi in maniera controllata con pompa siringa, attraverso un catetere venoso centrale. I pazienti vengono nutriti artificialmente, grazie ad una pompa che spinge il nutrimento attraverso una sonda che arriva nello stomaco. Non potendo deglutire, la saliva e le secrezioni bronchiali vengono aspirate ad intervalli regolari, con un macchinario chiamato aspiratore.
 
Tutto questo viene effettuato da infermieri specializzati e anestesisti. Perché non tutti i medici ed infermieri sanno infilare tubi vari dentro le persone, dosare farmaci in alta concentrazione, utilizzare respiratori, macchinari e presidi complessi.
 
Come non ci sono i posti letto di terapia intensiva, non ci sono nemmeno infermieri e medici formati per gestire tali pazienti e tali attrezzature. Il personale deve essere in numero tale da poter garantire l’affiancamento e la formazione delle nuove assunzioni. La carenza di personale si fa sentire anche tra il personale di supporto.
 
Il coronavirus non si combatte solo con i farmaci, ma con le buone pratiche igienico sanitarie, attraverso la sanificazione degli ambienti e dei presidi. Gli Operatori Socio Sanitari devono essere presenti nei reparti di terapie intensive così come sono presenti gli infermieri e i medici. Serve tanto personale di tutti i profili. Servono tanti presidi e non solo ventilatori.
 
Gabriele Cocco
infermiere di terapia intensiva covid e rappresentate aziendale CGIL FP Azienda Ospedaliera Universitaria Sant’Andrea di Roma  

26 ottobre 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy