Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 SETTEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Tomosintesi mammaria digitale riduce rischio di tumore avanzato tra donne ad alto rischio e con seno denso


La tomosintesi mammaria digitale, rispetto alla mammografia, è l’esame diagnostico più indicato per le donne con seni estremamente densi e che sono ad alto rischio di tumore della mammella. L’evidenza emerge da un ampio studio condotto dal San Francisco Veterans Affairs Medical Center, pubblicato da Jama.

15 GIU -

(Reuters Health) – Le donne che hanno seni estremamente densi e che sono ad alto rischio di tumore della mammella possono trarre un maggior beneficio dall’esame noto come tomosintesi mammaria digitale (DBT), piuttosto che dalla mammografia.

A suggerirlo è una nuova analisi pubblicata da JAMA, secondo la quale questo sottogruppo di donne è a minor rischio di arrivare a un tumore del seno in fase avanzata. Lo studio è stato coordinato da Karla Kerlikowske, del San Francisco Veterans Affairs Medical Center, in California (USA).

Il team ha valutato se lo screening DBT è associato a una minore probabilità di cancro invasivo e in fase avanzata rispetto alla mammografia digitale, in base alla densità mammaria e al rischio di tumore del seno.

Per lo studio, i ricercatori americani hanno analizzato dati relativi a oltre 500mila donne che si sono sottoposte a circa un milione di mammografie digitali e 375mila esami DBT tra il 2011 e il 2018, con un follow-up che è durato fino al 2019.

I tassi di cancro invasivo non sono stati significativamente diversi tra le due tecniche diagnostiche (0,57 vs. 0,61 per mille esami l’anno, rispettivamente, p =0,43). Tra le donne con seno non denso, seno eterogeneamente denso o con seno molto denso, ma a rischio medio-basso di tumore del seno, inoltre, non ci sono state differenze nei tassi di cancro avanzato tra DBT e mammografia digitale.

Tuttavia, tra le donne con seno estremamente denso e ad alto rischio di tumore del seno, i tassi di cancro in fase avanzata erano significativamente inferiori con la DBT rispetto alla mammografia digitale (0,27 vs. 0,80 per mille esami l’anno). “Studi precedenti sulla mammografia digitale hanno dimostrato i fallimenti dello screening più elevati tra le donne con seno denso e rischio elevato di tumore del seno”, hanno commentato gli autori.

Fonte: JAMA Online

Reuters Staff

(Versione italiana Daily Health Industry)



15 giugno 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy