Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 LUGLIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

L’Oms/Europa lancia una nuova rete per promuovere dati e soluzioni digitali per la salute 


L’obiettivo della Spi-Ddh, rete di collaborazione che riunisce i 53 Stati membri della regione europea dell’Oms, è affrontare le problematiche legate alla trasformazione digitale dei sistemi sanitari e promuovere un futuro in cui tutti i pazienti e gli operatori sanitari possano beneficiare di tecnologie digitali per la salute sicure, accessibili e incentrate sulla persona.

10 LUG -

L’Oms/Europa ha lanciato la Strategic Partners’ Initiative for Data and Digital Health (SPI-DDH), una rete di collaborazione che riunisce i 53 Stati membri della regione europea dell’Oms e i principali partner nei settori dei dati e della salute digitale. L’obiettivo è affrontare le problematiche legate alla trasformazione digitale dei sistemi sanitari e promuovere un futuro in cui tutti i pazienti e gli operatori sanitari possano beneficiare di tecnologie digitali per la salute sicure, accessibili e incentrate sulla persona.

Collaborazione multisettoriale La rete appena istituita riunirà oltre 100 rappresentanti degli Stati membri, di organizzazioni intergovernative, governative e non governative, dei centri collaboratori dell’Oms per i dati e la salute digitale, del settore privato e di istituzioni accademiche.

“Il nostro scopo comune che ci riunisce oggi è quello di creare un nuovo dialogo che coinvolga le giuste parti interessate sugli argomenti più importanti. Nessuna singola entità può liberare il pieno potenziale della salute digitale e dei dati. Ma attraverso la conoscenza e la comprensione coltivate attraverso questa piattaforma, possiamo lavorare insieme per garantire che i valori di equità e diritti umani siano al centro dei sistemi sanitari nell’era digitale”, ha affermato il dott. Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell’Oms per l’Europa, all’evento di lancio SPI-DDH a Copenaghen.

“Iniziamo un viaggio di trasformazione – ha affermato la dott. ssa Natasha Azzopardi-Muscat, direttrice della Divisione delle politiche e dei sistemi sanitari nazionali presso l’Oms/Europa, nel suo discorso di chiusura - la diversità di competenze mi assicurano che siamo sulla strada giusta per creare sistemi sanitari solidi e incentrati sulla persona nell’era digitale”.

Affrontare le sfide condivise Nonostante il promettente potenziale dei dati e delle soluzioni digitali per la salute, i paesi della regione incontrano ancora difficoltà nel finanziamento, nell’implementazione e nella gestione della trasformazione digitale dei loro sistemi sanitari. Ciò include una scarsa interoperabilità dei dati sanitari e una mancanza di opportunità eque per alcune delle comunità più vulnerabili. 

Il rapporto dell’Oms/Europa “Salute digitale nella regione europea dell’Oms: il percorso in corso verso l’impegno e la trasformazione” ha rilevato che solo fino al 2% del bilancio sanitario nazionale totale è stato destinato alla trasformazione digitale nei pochi paesi che sono stati in grado di segnalare questa spesa.

Solo il 35% degli Stati membri ha politiche che affrontano l’uso di big data e analisi avanzate nel settore sanitario. Inoltre, pazienti e operatori sanitari segnalano bassi livelli di fiducia nelle soluzioni digitali, con preoccupazioni relative alla privacy e alla sicurezza.  

Per affrontare queste problematiche, i partecipanti allo SPI-DDH hanno formato 4 gruppi di lavoro specializzati che si concentreranno su: sbloccare più capacità e accesso all’assistenza sanitaria con la digitalizzazione e l’intelligenza artificiale (IA) responsabile; sfruttare i dati e le tecnologie digitali per portare l’assistenza sanitaria e la prevenzione direttamente a casa;  adottare un approccio ecosistemico agli standard e all’interoperabilità nell’assistenza sanitaria; e rafforzare la sanità pubblica, concentrandosi sulla salute mentale e sul personale sanitario.

Il lavoro dell’SPI-DDH sarà guidato dalle priorità degli Stati membri e informato dalle più recenti ricerche scientifiche e dalle pratiche basate sull’evidenza, in linea con la strategia globale dell’Oms sulla salute digitale 2020-2025 e con il piano d’azione regionale per la salute digitale per la regione europea dell’Oms 2023-2030.



10 luglio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy