Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 13 APRILE 2024
Sicilia
segui quotidianosanita.it

Aggressioni operatori sanitari. Federsanità Anci Sicilia invita Regione, Ospedali, Comuni ed Istituzioni a costituirsi parte civile

Il presidente di Federsanità Sicilia, Giovanni Iacono: "Persone che pretendono che i Medici prescrivano ciò che vogliono loro e camminano con armi e tirapugni sono solo dei delinquenti che con premeditazione si recano nelle strutture sanitarie per fare violenza e quindi è necessario, urgente e indifferibile adottare misure per bloccare questa criminalità crescente".

23 FEB - La Confederazione Federsanità Anci Sicilia esprime solidarietà e vicinanza ai Medici che sono stati, vigliaccamente e violentemente, aggrediti all’Ospedale ‘Vincenzo Cervello’ di Palermo e all’Azienda Policlinico ‘Paolo Giaccone’ e a tutti i Medici ed Operatori Sanitari che ogni giorno svolgono il loro servizio al Paese e devono anche subire la violenza, la rabbia, la follia di soggetti che le Istituzioni, purtroppo, dimostrano di non essere capaci di punire nel modo più severo possibile. La sola lettura della sequenza delle aggressioni ai Medici che sono stati massacrati con tirapugni sulla testa e in tutto il corpo, fa inorridire !

Giovanni Iacono, presidente di Federsanità Sicilia dichiara che "persone che pretendono che i Medici prescrivano ciò che vogliono loro e camminano con armi e tirapugni sono solo dei delinquenti che con premeditazione si recano nelle strutture sanitarie per fare violenza e quindi è necessario, urgente e indifferibile adottare misure per bloccare questa criminalità crescente sia aumentando la presenza delle Forze dell’Ordine nei pronti soccorso e sia aumentando i servizi armati di Vigilanza privata. A Ragusa il Comune di Ragusa con Asp e Ordine dei Medici, sono arrivati al punto di attivare un corso di difesa personale per Medici e personale Medico, iniziativa lodevole. Lo Stato, la Regione Siciliana e le Istituzioni coinvolte si costituiscano, in ogni caso di violenza a danno di Medici ed Operatori Sanitari, parte civile nei processi e al Governo Nazionale e alla Deputazione chiediamo di inasprire, subito, in maniera severa le sanzioni penali a carico dei soggetti che si macchiano di queste violenze".

23 febbraio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Sicilia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy