Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 12 GIUGNO 2024
Sicilia
segui quotidianosanita.it

Favori al centro clinico privato. Nove indagati a Messina, anche l’assessore alla Salute Giovanna Volo  

Coinvolti i vertici della clinica e del Policlinico, accusati di avere stipulato convenzioni per favorire il centro privato, destindogli fondi pubblici e rimborsando prestazioni in base a richieste non regolari. L’assessore Volo: “Sono serena e consapevole di avere sempre agito nel pieno rispetto delle regole”. Schifani: “Un’indagine non è una condanna, né penale né politica. Immutata la mia fiducia nei suoi confronti di Volo”.

15 MAG - Nove indagati in Sicilia, tra cui l’assessore alla Salute, Giovanna Volo, nell’ambito di un’indagine della Procura di Messina su un centro clinico privato e sul Policlinico. I nove indagati sono gli ex vertici della clinica e gli ex vertici amministrativi-sanitari del Policlinico (di cui Volo era direttore sanitario) accusati di peculato e corruzione per avere favorito la clinica privata attraverso alcune convenzioni stipulate che, riferisce l’Ansa, consentivano alla clinica privata di operare nell’ospedale pubblico, “con costi a carico dell'Erario, in assenza dell'autorizzazione e dell'accreditamento della Regione Siciliana”. È emerso inoltre, spiega l’Agenzia, che “i dirigenti dell'epoca del Policlinico avrebbero esternalizzato arbitrariamente, in favore del centro privato, le prestazioni di neuro-riabilitazione, stornando il rimborso delle spese da parte del Servizio Sanitario Regionale”.

L’assessore Giovanna Volo si dice “serena” e dichiara, in una nota: “Nonostante si tratti di fatti relativi a un periodo precedente il mio incarico di assessore, ho ritenuto opportuno informare subito il presidente della Regione. Sono serena e consapevole di avere sempre agito nel pieno rispetto delle regole. Confermo la piena fiducia nel lavoro della magistratura e resto a disposizione degli inquirenti per chiarire rapidamente la mia posizione”.

Il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, conferma la sua fiducia nell’assessore: “Un’indagine non è una condanna, né penale né politica. Stamane l'assessore Volo mi ha correttamente informato dell'accaduto e dei fatti che le si contestano. Rimane immutata la mia fiducia nei suoi confronti”, dichiara Schifani in una nota.

15 maggio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Sicilia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy