Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 13 APRILE 2024
Toscana
segui quotidianosanita.it

Caldo. Psicologi Toscani: “Rischio di aumento aggressioni. Rallentare i ritmi per dare riposo al corpo e anche alla mente”

La presidente dell'Ordine, Maria Antonietta Gulino, ricorda che “per le persone più fragili l'aumento delle temperature è un momento delicato” ma sottolinea che “anche gli altri devono fare attenzione”, perché il caldo può avere conseguenze sia fisiche che psicologiche: “Possiamo perdere più facilmente la pazienza, può crescere l'ansia e tutto questo può sfociare in rabbia e atteggiamenti aggressivi”.

19 LUG - “Le ondate di calore come quella che stiamo vivendo hanno anche conseguenze psicologiche sulle persone. Non dobbiamo avere paura di dirlo e soprattutto di provare a porre rimedio”. Così Maria Antonietta Gulino, presidente dell'Ordine degli Psicologi della Toscana, racconta, in una nota, l’altro lato dell’emergenza caldo.

“L’aumento delle temperature - dice Gulino - produce un aumento di tensioni e irritabilità. Oltre agli opportuni consigli dei medici come, ad esempio, bere acqua e non uscire nelle ore più calde, il suggerimento che vogliamo dare come psicologi è rallentare i ritmi: se noi non lo facciamo e opponiamo resistenza è come se andassimo controcorrente rispetto a quello che il clima e il nostro corpo ci suggeriscono. Bisogna avere più momenti di pausa e riposo, in particolare per le persone fragili a livello psicologico questo è un momento molto delicato”.

Gli psicologi toscani ricordano, quindi, i dati diffusi dal Consiglio nazionale dell'Ordine degli psicologi e basati si uno studio da cui emerge che l’aumento di solo 1-2 gradi di temperatura porterebbe a un aumento del 3-5% delle aggressioni. Le temperature di questi giorni, con punte anche di 40 gradi, possono quindi far crescere i rischi.

“Con le alte temperature - continua la presidente dell’Ordine degli Psicologi della Toscana - possiamo perdere più facilmente la pazienza, diventare più intolleranti alle nostre routine quotidiane e ci possono essere conseguenze dal punto di vista del benessere psicologico. E' necessario allora fare molta attenzione. Può crescere l'ansia, possono crescere disturbi pregressi. La riduzione o perdita di tolleranza può sfociare in rabbia e atteggiamenti aggressivi. Per tutti questi motivi è bene non ingaggiare una 'battaglia' tra corpo e mente, concedersi pause durante la giornata e recuperare energie nei fine settimana”, conclude Gulino.

19 luglio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Toscana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy