Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 20 NOVEMBRE 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Maltempo. Medico morto in Liguria mentre si recava in visita da un paziente. Il cordoglio Fnomceo

L’Ordine dei medici e l’associazione Medici Arabi in Italia ricorda il medico siriano venuto a mancare travolto dalla piena del Rio Poggio mentre si stava recando da un paziente per una visita domiciliare, in un giorno di festa e fuori dal suo turno. “Siamo vicini alla famiglia con profondo cordoglio ma anche con gratitudine per aver condiviso con noi la vita e l’esempio di Elias Kassabij”.

22 GEN - “Ancora una volta un Medico ha perso la vita per amore della sua Professione e dei suoi pazienti. La morte tragica di un collega, umanamente e professionalmente vicino ai suoi pazienti anche oltre il suo dovere, tanto da rispondere a una chiamata in un giorno festivo, fuori dal suo turno, deve sempre farci riflettere, al di là della retorica.  Siamo vicini alla famiglia con profondo cordoglio ma anche con gratitudine per aver condiviso con noi la vita e l’esempio di Elias Kassabij”. Così il presidente della Fnomceo, Amedeo Bianco, commenta il ritrovamento del corpo del medico siriano di cinquant’anni, travolto domenica pomeriggio da un’improvvisa piena del rio Poggio, sulle alture di Bogliasco in provincia di Genova, mentre tornava a riprendere l’auto dopo aver effettuato una visita domiciliare.
 
“Anche l’Amai si stringe attorno alla famiglia del collega KassabiJ, prematuramente venuto a mancare nello svolgimento della sua Professione” aggiunge Musa Awad Hussein, membro del Comitato Centrale Fnomceo e presidente dell’Associazione Medici Arabi in Italia.

 
“In un momento storico nel quale i Medici sono spesso chiamati in causa per episodi di presunta malasanità – continua – sentiamo con orgoglio di voler sottolineare la brillante professionalità e la profonda umanità di uno di noi, un collega siriano che, incurante del nubifragio, era uscito per andare a visitare un malato”.
 
 “Queste poche parole – conclude – non certo per strumentalizzare una tragedia, ma per ribadire con orgoglio il senso di appartenenza alla nostra Professione”.  

22 gennaio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy