Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 28 OTTOBRE 2021
Friuli Venezia Giulia
segui quotidianosanita.it

Dopo la sospensione causa Covid, lo Studio medico solidale di Pordenone riapre le porte

Dal 15 settembre scorso, lo Studio medico solidale di Pordenone è tornato a fornire le visite mediche specialistiche. Lucchini (Omceo): “In questi mesi di sospensione, abbiamo toccato con mano quale fosse il valore e l’utilità di questo servizio di prossimità diretto alla persona in situazione di fragilità socio economica. La speranza era quello di poterlo riavviare quanto prima e in situazioni di sicurezza”

21 SET - Dopo lo stop causa pandemia che ha reso necessario la sospensione delle attività, è ripartito pochi giorni fa lo Studio medico solidale di Pordenone, promosso dal’Ordine dei medici di Pordenone, con il Comune di Pordenone, la Fondazione della Banca di Credito Cooperativo, l’Associazione di volontariato San Pietro Apostolo, per offrire prestazioni a chi potrebbe rinunciare a curarsi a causa dei costi.

Le branche specialistiche ora disponibili per le persone con un ISEE al di sotto della soglia di 13 mila euro, che è la soglia di accesso alle cure. Il servizio mette a disposizione un’equipe di ventiquattro medici specialisti, quasi tutti ex primari, coprendo le seguenti specialità: Cardiologia, Ortopedia, Radiologia, Pneumologia, Oncologia ginecologica, Psichiatria, Endocrinologia, Nutrizionista, Anatomopatologia, Otorinolaringoiatra, Ginecologo ostetrico, Psicologia, Gastroenterologia, Angiologia, Chirurgia vascolare, Ginecologia, Reumatologia, Dermatologia, Oculistica, Urologia, Oncologia.

Lo Studio medico solidale è situato in via San Quirino 5 e per accedervi c’è bisogno che il cittadino si rechi al servizio assistenza sociale del Comune di Pordenone, o dal proprio Medico di Medicina Generale oppure, all’Associazione San Pietro che daranno tutte le informazioni necessarie.  


“Lo Studio medico solidale – illustra la coordinatrice Raffaela Manias Campagnutta, dell’Associazione San Pietro Apostolo - è stato inaugurato nel 2017 con l’intenzione di dare risposte socio-sanitarie alle persone meno abbienti, come ad esempio, le più di 3.000 famiglie in carico ai servizi sociali di Pordenone. Siamo stati capaci di collocare insieme il pubblico ed il privato con ventiquattro medici specialisti che mettono a disposizione il loro tempo per le cure altrui ed in forma del tutto gratuita”.

Vale la pena ricordare che i principali attori del progetto solidale sono il Comune di Pordenone, che ha messo a disposizione la struttura per le visite, la Fondazione BCC Pordenonese e Monsile, che dà il supporto economico, l’Associazione San Pietro Apostolo di Azzano Decimo, che si occupa della parte organizzativa e l'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Pordenone, che ha provveduto a coinvolgere tutti i medici presenti nel centro.

“Con circa cinquecento visite registrate nell’ ultimo anno e ventiquattro medici specialisti a disposizione - spiega il presidente dell’OMCeO di Pordenone, Guido Lucchini – a marzo 2020 abbiamo dovuto chiudere il servizio di consulenza medico specialistica presso lo Studio solidale di Pordenone. In questi mesi di sospensione, abbiamo toccato con mano quale fosse il valore e l’utilità di questo servizio di prossimità diretto alla persona in situazione di fragilità socio economica. La speranza era quello di poterlo riavviare quanto prima e in situazioni di sicurezza. In questo periodo infatti, tante sono state le persone che hanno visto scendere il loro status economico (ISE) e quindi ancor più “arruolabili” allo Studio medico solidale. Sarà mio dovere promuovere ancora una volta questa opportunità anche a fronte di molti giovani medici che in questi mesi si sono iscritti all’Ordine di Pordenone, e che se vorranno potranno dare il loro contributo”. 

“Lo Studio medico solidale non ha la pretesa di sostituirsi ai percorsi assistenziali ufficiali dettati dal SSr e neppure di avere la presunzione di entrare nel meccanismo di riduzione delle liste di attesa, vuole dare semplicemente più attenzione, verso le fasce più deboli della popolazione”, conclude Lucchini

Informazioni e contatti STUDIO MEDICO SOLIDALE
Comune di Pordenone - Servizi Sociali
tel. 0434 392 611
Email: servizisociali@comune.pordenone.it

Indirizzo e telefono
Via San Quirino 5 – 33170 Pordenone
Tel. 0434 363 213
Email: sms@associazionesanpietro.it



Endrius Salvalaggio

21 settembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Friuli Venezia Giulia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy