Quotidiano on line
di informazione sanitaria
04 DICEMBRE 2016
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Lorenzin al forum Federanziani: “Eradicheremo l’epatite C nei prossimi 3 anni”. “Ogni euro sprecato in sanità va recuperato e reinvestito”

L'obiettivo annunciato oggi dal Ministro in collegamento telefonico al III Forum Salute organizzato da Senior Italia Federanziani dove ha parlato soprattutto della Legge di Stabilità: “Quest’anno è stato molto importante per la salute degli italiani e in particolare per la salute delle persone anziane di oggi e di domani. E di questo si occuperanno soprattutto i nuovi Lea”

21 NOV - “L’obiettivo per me è quello di eradicare l’epatite C dall’Italia nei prossimi 3 anni. Una malattia che possiamo iniziare a dire sconfitta per tutti gli italiani”. È quanto ha dichiarato il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin in collegamento telefonico al III Forum della Salute organizzato da Senior Italia FederAnziani a Rimini. E poi un riferimento ai recenti atti terroristici che stanno sconvolgendo l’Europa e non solo: “Vorrei che da FederAnziani venisse un grande inno alla vita contro il terrorismo e contro chiunque pensi di poterci minacciare e di mettere in discussione il nostro stile di vita”.
 
“Quest’anno – ha detto il ministro parlando della legeg di stabilità appena approvata dal Senato - è stato molto importante per la salute degli italiani e in particolare per la salute delle persone anziane di oggi e di domani. Nella legge di stabilità abbiamo finanziato finalmente con 800 mln di euro i nuovi Lea aggiornati alle patologie e alle nuove tecnologie che ci sono oggi così come sono state finanziate le nuove protesi. Per esempio, tante persone anziane che andavano nella propria regione per un apparecchio acustico si vedevano consegnati vecchi apparecchi con 10-15 anni e ciò era inaccettabile”.

 
Il Ministro ha ribadito che è stato fatto uno “sforzo importante ma credo che è necessario aggiornare le terapie, le cure, le tecnologie a disposizione delle Regioni in base alle nuove esigenze delle persone e della popolazione. La nostra popolazione sta cambiando, è sempre più anziana, ma per noi dev’essere sempre più attiva, dev’essere messa in condizione di vivere bene, sempre più a lungo e deve anche fornire il proprio contributo alla società”.
 
“L’altro risultato – ha poi specificato Lorenzin - è che proprio ieri abbiamo permesso con un nuovo emendamento alla Stabilità sull’epatite C di dare maggiore sicurezza nell’erogazione di questo farmaco. Ci siamo impegnati in modo che tutte le Regioni dessero il farmaco a decine di migliaia di persone e così accadrà anche nel prossimo anno. L’obiettivo per me è quello di eradicare l’epatite C dall’Italianei prossimi 3 anni. Una malattia che possiamo iniziare a dire sconfitta per tutti gli italiani”.
 
“Sono convinta che molti di voi – ha detto poi il Ministro rivolgendosi alla platea - hanno parenti e amici malati di epatite C o che sono morte. Questo non deve più accadere e dobbiamo riuscire a sconfiggerla. Abbiamo messo i soldi, ora è un tema solo di organizzazione”.
 
Ospedali con i conti a posto. “Altro elemento – ha aggiunto Lorenzin -  che abbiamo messo nella Legge di Stabilità è il fatto che abbiamo disegnato dei piani di rientro per gli ospedali in deficit. In questi anni i commissariamenti delle Regioni cercavano più che altro di sistemare i conti delle Regioni, cosa necessaria ma non sufficiente perché la qualità è scesa. Invece ora con i piani di rientro per gli ospedali entriamo chirurgicamente dove le cose non funzionano. Diamo degli strumenti alle regioni attraverso un piano di affiancamento di tre anni degli ospedali in deficit economico ma anche per gli ospedali che non garantiscono i Lea e non rispettano gli standard qualitativi. E se entro 3 anni l’ospedale non è migliorato, il direttore o il manager decadono automaticamente, ovvero vanno a casa”.
 
“L’obiettivo che abbiamo – ha poi precisato - e su cui stiamo lavorando veramente tanto è quello di ridurre gli sprechi e aumentare la qualità del servizio. Chi dice il contrario mente sapendo di mentire. Il mio obiettivo è che non ci siano più sprechi in sanità. Ogni euro che viene sprecato in sanità dev’essere recuperato e riportato nel comparto. Questa cosa è sancita in questa legge di Stabilità oltre che nel Patto per la salute. Quindi, d’ora in poi tutte leve finanziarie utilizzare per recuperare risorse in sanità verranno reinvestite contemporaneamente nel Ssn. Faccio un esempio. Abbiamo previsto le centrali uniche d’acquisto e si prevede che portino risparmi per il 15-20% su beni e servizi. Ovvero più di un miliardo che deve riandare per curare le persone. Queste risorse devono andare sul territorio, sulle cronicità, sui poliambulatori e su tutte quelle cose che ci servono per far funzionare la sanità italiana non solo sulla carta”.
 
Poi il Ministro ha fatto anche una richiesta a FederAnziani. “Voi che state sul territorio potete fare da sentinella per noi del Ministero per dirci se le leggi che abbiamo approvato sono state attuate nel modo giusto nei singoli territori e questo è l’impegno che chiedo io a Senior Italia FederAnziani. È evidente che noi possiamo recuperare molte risorse, ma questo non preclude il fatto che il fondo sanitario vada gradualmente aumentato nei prossimi anni rispetto all’aumento dell’età della popolazione”.
 
Infine Lorenzin ha anche parlato dei recenti attentati che stanno sconvolgendo l’Europa e non solo. “In queste giornate complicate – ha detto - noi non ci arrendiamo, noi stiamo uscendo dalla crisi economica. Vogliamo ribadire la nostra cultura, quello che abbiamo conquistato e cosa significa per noi la carità e l’accoglienza. La crisi sta finendo, abbiamo i segnali della ripresa e noi la vogliamo agganciare per costruire una società migliore per i nostri figli e per noi che ci viviamo. E dobbiamo essere tutti protagonisti, senza differenza di età. E vorrei che da Federanziani venisse un grande inno alla vita contro il terrorismo e contro chiunque pensi di poterci minacciare e di mettere in discussione il nostro stile di vita”.

21 novembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy