Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 21 NOVEMBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Manovra. Audizione Regioni: “Nuovo Patto della Salute entro gennaio è irrealistico. Svincolare gli aumenti del fondo sanitario dalla sua sottoscrizione che non potrà avvenire prima di metà 2019”. Chieste anche modifiche su liste d’attesa, specializzazioni ed edilizia sanitaria

In audizione sulla Manovra gli Enti locali evidenziano in ogni caso “un livello di finanziamento giudicato non coerente con il livello dei servizi da garantire”. Presentata la lista delle modifiche e lanciate alcune proposte per riportare alcune voci (del valore totale di 100 mln) dalla quota vincolata alla quota indistinta del Fsn. E poi chieste misure su farmaceutica già in Legge Bilancio. IL DOCUMENTO DELLE REGIONI

12 NOV - Non vincolare aumenti delle risorse per il Fondo sanitario nazionale alla sottoscrizione del Patto della Salute la cui stipula entro il 31 gennaio 2019 è “poco realistica” e va spostata al 30 giugno 2019 verificando prima ciò che è rimasto inattuato del vecchio Patto. È questa una delle principali richieste formulate dalla Conferenza delle Regioni in audizioni sulla Legge di Bilancio 2019 presso le commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato in cui le Regioni hanno ribadito “preoccupazione rispetto ad un livello di finanziamento giudicato non coerente con il livello dei servizi da garantire e con gli impegni nei confronti dei professionisti della sanità”.
 
E poi evidenziano come sia “utile avviare una riflessione del Parlamento rispetto al tema dell’emergenza riferita alla carenza di medici, e agli strumenti da mettere in campo in vista di uscite importanti per pensionamenti”.
 
Ma le richieste delle Regioni, rappresentate da Davide Caparini, coordinatore degli assessori all’Economia delle Regioni, non si fermano qui. Gli Enti locali intervengono anche sull’articolo riguardante gli stanziamenti per le liste d’attesa evidenziando come “nulla viene previsto per incrementare la dotazione di personale”. E ancora sulle risorse per le borse aggiuntive (900 in più)  di specializzazione dove le Regioni chiedono “con forza che il fabbisogno dei contratti di formazione specialistica venga definito sulla base dei fabbisogni espressi dalle Regioni”.


Richieste anche sull’edilizia sanitaria per cui sono stati stanziati 2 mld in più ma vincolati ha chi ha esaurito le iniziali disponibilità. Per questo le Regioni chiedono “una riformulazione che colleghi capacità di utilizzo (e non il semplice esaurimento delle iniziali disponibilità) e attribuzione dell’incremento potrebbe costituire una mediazione possibile”.
 
E ancora le Regioni chiedono d’inserire interventi su governance farmaceutica e payback già in questa Legge di Bilancio.
 
Articoli aggiuntivi. Ma oltre alle modifiche gli Enti locali hanno presentato anche alcune proposte di emendamento rimuovere dai fondi vincolati le risorse per assegnazione delle borse di studio ai medici di medicina generale; assistenza sanitaria per gli stranieri non iscritti al Servizio sanitario nazionale; importo destinato alla riqualificazione dell'assistenza sanitaria e dell’attività liberoprofessionale. Risorse, circa 100 mln che le Regioni vorrebbero far confluire nel Fondo indistinto.
 
Inoltre, le Regioni chiedono 720 mln da distribuire in quattro annualità (2019-2022) per rifondere le Regioni stesse dell’esborso, a carico dei propri bilanci, connesso alla corresponsione degli indennizzi ai soggetti danneggiati da trasfusioni.
 
“Per quel che riguarda la sanità – ha detto Caparini - per il 2019 al momento è previsto un incremento di 1 miliardo, base su cui costruire una proficua trattativa con il Governo. Destinazione di risorse per ridurre le liste d’attesa, per il rinnovo dei contratti del comparto, per i farmaci innovativi, per la soluzione dell’annosa questione del pay-back farmaceutico, per il finanziamento del fondo per il risarcimento degli emotrasfusi sono alcuni dei nodi da sciogliere. C’è comunque una cornice finanziaria per delineare il Patto della Salute con la definizione del fondo sanitario nazionale sul triennio 2019/2021 che prevede una crescita di 4,5 miliardi”.
 
“Ma non ci sembra opportuno – ha sostenuto Caparini - vincolare l’erogazione delle “isorisorse” 2019 alla stipula del nuovo Patto per la salute, auspichiamo che il Parlamento sposti il temine al 30 giugno per il solo biennio 2020-21”.

“Inoltre – ha proseguito l’assessore della Lombardia - occorrono un impegno maggiore sul fonte dei contratti di formazione specialistica in sanità con l’aumento delle borse di studio e il superamento dell’attale parametro di spesa per il personale in sanità affinché si posa procedere a nuove assunzioni”.
Infine Caparini ha ricordato “la necessità di un rifinanziamento del Fondo nazionale Trasporti sia per i maggiori oneri a carico delle Regioni dovuti alle agevolazioni fiscali sia per i tagli fatti in passato”.

  
 
Le proposte di modifica delle Regioni alla Legge di Bilancio:
 
L’articolo 39 “Risorse per la riduzione dei tempi di attesa delle prestazioni sanitarie” che autorizza la spesa di 50 milioni di euro per ciascun anno del triennio 2019-2021 per l’implementazione e l’ammodernamento delle infrastrutture tecnologiche legate ai sistemi di prenotazione per l’accesso alle prestazioni. Si segnala che si tratta di risorse in conto capitale. Nulla viene previsto per incrementare la dotazione di personale necessario per ampliare l’offerta di prestazioni o per acquisire prestazioni ulteriori da strutture private accreditate. Gli interventi tecnologici sono indubbiamente fondamentali, ma altrettanto lo sono gli interventi sul versante dell’offerta.
 
L’articolo 40 “Fabbisogno sanitario nazionale standard per gli anni 2019-2021” confermato in 114.435 mln di euro il livello di fabbisogno standard per l’anno 2019, mentre per l’anno 2020 il livello è incrementato di 2.000 mln e per il 2021 di ulteriori 1.500 mln di euro. L’accesso all’incremento di risorse rispetto al 2018 è subordinato alla stipula, entro il 31 gennaio 2019, di un’Intesa sul Patto per la salute, i cui contenuti sono riportati nell’articolo di legge. Si ritiene prioritario definire i temi oggetto del Patto, poco realistico arrivare all’Intesa in un tempo così limitato stante la portata dei temi e il necessario confronto, e la necessità di una preliminare verifica dei temi rimasti aperti rispetto al precedente Patto. Più congruo darsi una scadenza al 30 giugno 2019. Vincolare l’accesso alle risorse incrementali per il triennio 2019-2021 viene inoltre ritenuto dalle Regioni non accettabile, in quanto lesivo dell’autonomia organizzativa, rispetto ad un livello di risorse necessario per garantire l’erogazione dei livelli di assistenza. Relativamente al punto f), si ritiene che il ricorso agli erogatori privati accreditati debba essere prerogativa delle Regioni, nell’ambito della loro funzione di programmazione.
 
L’articolo 41 “Contratti di formazione specialistica” aumento di 900 annui il numero di contratti. Si chiede con forza che il fabbisogno dei contratti di formazione specialistica venga definito sulla base dei fabbisogni espressi dalle Regioni.
 
L’articolo 42 “Programmi di edilizia sanitaria” eleva da 24 a 26 miliardi l’importo di cui all’articolo 20 della legge 67/88. Le Regioni, rispetto alla destinazione prioritaria dell’incremento a favore delle Regioni che abbiano esaurito, con la sottoscrizione degli accordi, la loro diponibilità a valere sui 24 miliardi, hanno espresso posizioni non univoche. Una riformulazione che colleghi capacità di utilizzo (e non il semplice esaurimento delle iniziali disponibilità) e attribuzione dell’incremento potrebbe costituire una mediazione possibile.
 
L.F.

12 novembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy