Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 28 SETTEMBRE 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Oms Europa: “Interruzione servizi sanitari provocherà un aumento dei morti per cancro”. Piano d’azione per i prossimi 5 anni


Confronto tra i ministri della Salute dei 53 paesi membri della Regione europea alla 70a sessione del Comitato regionale dell'Oms per l'Europa. Segnalato anche come il 68% degli stati ha segnalato un'interruzione dei servizi per malattie non trasmissibili, compreso il monitoraggio del diabete, dell'ipertensione e dello screening del cancro. IL PIANO

15 SET - L’interruzione dei servizi sanitari durante l’emergenza Covid potrebbe comportare ad un aumento del 10% della mortalità per cancro al seno e un aumento del 15% della mortalità per cancro al colon. È quanto emerso ieri durante l’incontro tra i ministri della Salute dei 53 paesi membri dell’Oms Europa.
 
Evidenziato anche come il 68% degli Stati membri ha segnalato un'interruzione dei servizi per malattie non trasmissibili, compreso il monitoraggio del diabete, dell'ipertensione e dello screening del cancro e come in 6 paesi della regione, che rappresentano il 22% della popolazione infantile, hanno interrotto i programmi di vaccinazione di routine. Inoltre 28 paesi hanno segnalato una diminuzione del 50% nelle notifiche di casi di tubercolosi.
 
Tutti numeri preoccupanti che hanno spinto i leader ad approvare una nuova visione quinquennale, il programma di lavoro europeo (EPW) 2020-2025, che definisce il modo in cui l'OMS / Europa ei suoi Stati membri lavoreranno insieme per soddisfare le aspettative dei cittadini per la salute.
 
“Le persone richiedono giustamente un'assistenza sanitaria di qualità e accessibile. Si aspettano che le autorità sanitarie proteggano la loro salute durante le emergenze; e vogliono essere in grado di prosperare in comunità sane. L'EPW, approvato oggi, offre il progetto per raggiungere questo obiettivo", ha affermato il dott. Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa.

 
“È molto incoraggiante vedere gli Stati membri adottare questa visione per la salute nella nostra regione con tanto entusiasmo. Sono gratificato dal loro impegno per la solidarietà regionale di fronte alle crescenti sfide per la salute pubblica e dalla loro forte volontà di affrontare le disuguaglianze pervasive ", ha aggiunto.
 
“COVID-19 ha portato alla luce le debolezze e i punti di forza della società europea. Ha rivelato senza mezzi termini la realtà dei nostri sistemi sanitari. I più vulnerabili, come gli anziani e le persone con esigenze di salute mentale, spesso portano il peso più pesante nelle emergenze sanitarie; la solidarietà e la fiducia tra le persone e le autorità sanitarie sono sotto pressione; e le voci dei leader sanitari e degli scienziati devono essere ascoltate dai politici perché la salute e l'economia sono indissolubilmente legate. La pandemia ci ha costretti ad affrontare questi problemi molto rapidamente, ma l'EPW ci mostra come affrontarli in un modo che generi fiducia, salute migliore e, infine, ricostruisca società migliori ", ha concluso il dott. Kluge.
 
Il documento chiede una più stretta collaborazione tra OMS / Europa e Commissione Europea in 5 aree prioritarie di interesse comune:
- sicurezza sanitaria contro le emergenze sanitarie e altre minacce
- sistemi sanitari efficaci, accessibili, resilienti e innovativi
- una risposta globale alle malattie non trasmissibili con particolare attenzione al cancro
- sistemi alimentari sostenibili e salutari
- cooperazione sanitaria con paesi non appartenenti all'Unione Europea nella Regione Europea dell'OMS.

15 settembre 2020
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il Piano

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy