Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 26 AGOSTO 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medici. Ultime battute per il nuovo Codice deontologico. Tutte le novità del nuovo testo

Oltre 300 emendamenti al vaglio del Consiglio nazionale Fnomceo. Le principali novità riguardano la medicina potenziativa e i medici militari, il rapporto del medico con le nuove tecnologie e con le organizzazioni sanitarie. E il “paziente” diventa “persona assistita”. Oggi confronto aperto con politici e rappresentanti istituzionali

17 MAG - Circa 320 emendamenti inviati dagli Ordini provinciali, in prima fila quelli di Piacenza, Bologna e Ferrara, molte decine fatti pervenire dai sindacati medici, un lavoro durato oltre un anno per “aggiornare” il Codice di Deontologia Medica, la cui ultima stesura risale al 2006. Tutto questo, dopo le ultime revisioni nella serata di oggi da parte del Comitato Centrale, troverà una conclusione domani con il voto del Consiglio nazionale Fnomceo, riunito a Torino da venerdì. Un voto che, probabilmente, avverrà a maggioranza, rispecchiando le tensioni registrate nel corso dell’elaborazione.

Quel che fino ad oggi è certo è che ci saranno 4 nuovi articoli (art. 76, medicina potenziativa e estetica; art. 77, medicina militare; art.78, informatizzazione in sanità; art.79, il medico nell’organizzazione sanitaria), oltre ad altre modifiche che sintetizziamo di seguito.

Non solo “paziente”. Una delle novità che pervade il testo rinnovato del Codice è la definizione di “paziente”, sostituito in più punti con “persona assistita” o semplicemente “persona”, per registrare quel cambiamento ormai consolidato per il quale la medicina non si rivolge ora solo a persone ammalate, ma anche a persone sane, nell’intento di salvaguardarne la salute.

 
Medico militare e non militare medico. Per la prima volta entra nel Codice la figura del medico militare, che deve tener conto del suo ruolo, inserito in una rigida catena di comando. Ribadire nel Codice deontologico questo profilo è dunque un modo per ribadiresottolineare come egli sia innanzitutto medico, dovendo quindi far prevalere i principi professionali essenziali di beneficialità, a distanza da operazioni militari aggressive (bioterrorismo).
 
Medicina potenziativa: l’uomo bionico. Proprio dal rapporto con il mondo medico militare, si è posta l’importanza di inserire una riflessione e una cautela sulla medicina potenziativa, ovvero su quegli interventi medici che sviluppano oltre i limiti naturali le potenzialità dell’organismo umano, la cui sperimentazione avviene, anche in Italia, prevalentemente in campo militare: sviluppo delle capacità visive, “supervista”; controllo dei parametri vitali a distanza per i soldati impegnati in azioni di intelligence e di combattimento. Nello stesso articolo si affronta anche il tema della medicina estetica, che ha le medesime caratteristiche di non essere “curativa” ma scelta dalle persone che vi ricorrono.
 
ICT, ma nella relazione tra medico e paziente. Telemedicina, teleconsulti, visite on line: il mondo medico si confronta con lo sviluppo delle tecnologie informatiche ponendo un chiaro limite e indicando come il medico “non può sostituire la visita medica, che si sostanzia nella relazione diretta con il paziente, con una relazione esclusivamente virtuale”.
Il medico non è un’isola: il rapporto con l’organizzazione sanitaria. Che oggi la professione medica non possa quasi mai realizzarsi in modo isolato è del tutto evidente. Anche per questo la riflessione deontologica interviene nei rapporti tra medico e organizzazione sanitaria, rispetto alla quale egli ha la responsabilità di collaborare “al fine del continuo miglioramento della qualità dei servizi offerti agli individui ed alla collettività”, ma tutelando la propria autonomia e dunque “opponendosi a ogni condizionamento che lo distolga dai fini primari della medicina”. Un richiamo che investe anche, come ha più volte sottolineato Amedeo Bianco, la dimensione economica delle scelte sanitarie, rispetto alle quali il medico deve essere consapevole e responsabile.
 
Scompare la parola “eutanasia”. L'art. 17 del Codice aveva come titolo “Eutanasia”, ma la parola non appariva nel testo. Nella nuova versione scomparirà anche dal titolo, lasciando invariato il testo che prevede che il medico “non deve effettuare né favorire trattamenti finalizzati a provocarne la morte”.
 
Nessuna novità per la pubblicità. Sebbene sia stata esaminata la possibilità di una versione più liberale e semplificata delle norme deontologiche in materia di pubblicità sanitaria, il testo dovrebbe invece restare invariato come nella redazione del 2006.
 
Conflitto d’interesse e Comitati etici. Rafforzamento delle norme sul conflitto d’interesse sul terreno della sperimentazione. Si sottolinea infatti che i medici che operano nei Ceff (Comitati etici per la sperimentazione sui farmaci) e nei Cel (Comitati etici locali) rispettino le regole di trasparenza nella sperimentazione e attestino la personale assenza di conflitto di interesse.
 
Il rapporto con le altre professioni sanitarie. In più punti del Codice si affronta il rapporto con le altre professioni in sanità: un tema che alcuni leggono come minaccioso della primazia medica, ma che nella nuova versione del Codice dovrebbe invece registrare aperture verso l'équipe. 
 
Eva Antoniotti

17 maggio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy