Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 GENNAIO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Camici grigi. Anelli (Fnomceo): “No alla guerra tra medico e medico. Giusto trovare soluzione, ma senza andare contro le regole”


La Fnomceo rileva come "i camici grigi sono quei giovani medici che, laureati, che non hanno trovato posto nelle scuole di specializzazione, né al Corso di Formazione per la Medicina Generale. Ora, un emendamento del Governo vorrebbe finalmente stabilizzarlo". Anelli: “Ma vorrebbe farlo con una sorta di ‘sanatoria’, permettendo l’accesso ai concorsi per il pronto soccorso anche ai medici non specializzati, che abbiano già lavorato per un periodo nel 118”.

01 MAR - "Li chiamano ‘camici grigi’: un migliaio di giovani medici che, laureati, non hanno trovato posto nelle scuole di specializzazione, né al Corso di Formazione per la Medicina Generale. Non solo: quello stesso Stato che non ha saputo garantire loro una formazione completa, li ha presi a lavorare ‘a gettone’, con contratti atipici, senza tutela alcuna. E li ha tenuti così per anni, sospesi in un limbo di sottoccupazione". Lo rileva la Fnomceo la nota. 
 
"Dall’altra parte - prosegue -, i medici specializzati nell’emergenza-urgenza: sono circa 300. Sono penalizzati dal blocco del turnover, da carenze strutturali e organizzative che li costringono a operare sempre al limite del burnout. Hanno mesi di ferie che non riusciranno mai a godere, migliaia di ore di straordinari non pagati. Ma continuano a esercitare, a costo di turni impossibili e di un carico di lavoro e psicologico ingestibile, per garantire ai cittadini   il primo soccorso".

"Ora, un emendamento del Governo vorrebbe finalmente stabilizzare i ‘camici grigi’. “Ma – sottolinea la Fnomceo - vorrebbe farlo con una sorta di ‘sanatoria’, permettendo l’accesso ai concorsi per il pronto soccorso anche ai medici non specializzati, che abbiano già lavorato per un periodo nel 118”.

 
“Diciamo innanzitutto no a quella che potrebbe diventare una guerra tra medico e medico - mette in chiaro il Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli -. Dissidi inutili non giovano a niente e a nessuno: non giovano alla professione, alla qualità delle cure, ai singoli medici, accomunati dall’essere vittima del sistema”.

“I ‘camici grigi’ sono espressione della difficoltà dello Stato a garantire a tutti una specializzazione - continua Anelli -. Vanno stabilizzati, ma non certo infrangendo le regole. Va trovata una soluzione condivisa, che contemperi i legittimi interessi di tutti i soggetti coinvolti ma, nel contempo, non crei un precedente che porti a livellare verso il basso la qualità del sistema di cure”.

“La Fnomceo chiede che sia creato un Tavolo ad hoc con i Ministeri coinvolti, le Regioni e tutte le Organizzazioni Sindacali - conclude - e assicura sin d’ora la sua disponibilità a sedere, se lo si riterrà opportuna, a tale Tavolo, facendosi parte terza per aiutare a trovare un punto di equilibrio, nel rispetto delle normative e della Deontologia”. 

01 marzo 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy