Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 01 DICEMBRE 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Tanta considerazione per le diete ma non per i dietisti

28 OTT - Gentile direttore,
in molti ambiti si parla  dell'importanza della corretta alimentazione e di corretti stili di vita, ma mai degli operatori sanitari che per competenze acquisite anche attraverso il conseguimento di laurea di primo e secondo livello e master, se ne occupano a pieno titolo: i Dietisti.
 
Nonostante la sua peculiarità, in ambito sanitario è l'unico operatore che in accordo con il curante può relazionarsi con il paziente riguardo la sua Dieta clinica; è un professionista destinato a scomparire soprattutto in ambito ospedaliero, dove tra l'altro non ne assumono più da anni.
 
Nella ristorazione collettiva e nella libera professione ha ancora la possibilità di esistere, anche se deve letteralmente "sgomitare" con altre figure professionali  che nel frattempo hanno acquisito titolo ad occuparsi di nutrizione umana nel soggetto sano, quali il Biologo e il Tecnologo alimentare.
 
Credo che sia opportuno specificare che contrattualmente il Dietista afferisce al profilo professionale infermieristico, e per questo motivo è coordinato da operatori sanitari infermieri in alcune realtà, mentre non si è mai riscontrato il contrario.

 
Siamo penalizzati da un sistema sanitario dove solo i grandi numeri hanno voce, e i dietisti non sono fra questi.
 
Per coloro che lavorano in ambito sanitario da più tempo e che conseguono  la laurea di secondo livello in Scienze delle  Tecniche Assistenziali, potrebbe aprirsi la carriera nella dirigenza, ma purtroppo ad oggi  il profilo del Dirigente unico delle Professioni sanitarie  o quello del Dirigente dell'area tecnico assistenziale è istituito solo in rare realtà sanitarie per cui è sbocco professionale  di fatto precluso ai Dietisti, ma non ad altri profili infermieristici numericamente rappresentativi.
 
Altra anomalia del ns sistema sanitario e accademico? Il possesso del Master di primo livello in Coordinamento delle Professioni Infermieristiche è riconosciuto prioritario al possesso della laurea di secondo Livello conseguita da operatori sanitari  per operatori sanitari strutturati, pertanto chi è in possesso di Laurea magistrale non può aspirare ad occupare la posizione di Coordinatore dell'area infermieristica.
 
Ci rimane solo tanta buona volontà nell'ottica che in un futuro non troppo lontano anche i Dietisti rientrino tra gli operatori della salute di categoria A, e tenuti nella dovuta considerazione anche dal legislatore.
 
Paola Tunesi
Dietista  

28 ottobre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy