Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 25 NOVEMBRE 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

“Così combattiamo la Covid sul territorio”. Una testimonianza da Reggio Emilia

05 APR - Gentile Direttore,
le segnalo la diversa organizzazione delle cure primarie territoriali nella provincia di Reggio Emilia che sta ben rispondendo all’emergenza Covid, detendendo l’accesso a PS ed Ospedali, riducendo la necessità di posti in rianimazione e dando una risposta diretta dei Medici di Medicina Generale ai cittadini sospetti o colpiti da Covid 19, ma non da ospedalizzare.
 
Se questa modalità fosse estesa nelle zone colpite, avrebbe un grosso impatto ed è per questo che chiediamo che in spirito di servizio sia divulgata.
 
A Reggio Emilia, da circa 10 giorni, FIMMG Reggio Emilia ed il Dipartimento Cure Primarie dell’Ausl Reggio Emilia hanno prodotto e firmato degli accordi che prevedono:
a) i MMG fanno triage telefonico sui loro assistiti e danno terapie sintomatiche ai casi lievi, secondo indicazioni clinico-terapeutiche concordate anche con gli infettivologi;
 
b) i MMG inviano ad Ambulatori Covid i casi da non inviare ai PS, ma con sintomi persistenti. Sono stati istituiti in 12 sedi AUSL sparse nella provincia per dare una risposta vicino ai MMG ed ai cittadini, ove lavorano a turno MMG e MCA volontari, bardati come nei reparti infettivi, coperti per le chiamate urgenti e le visite ambulatoriali dei loro assistiti dagli altri MMG delle medicine di rete e di gruppo;

 
c) negli Ambu Covid il MMG-MCA visita, controlla la saturazione di ossigeno, può fare eseguire il tampone diagnostico, dare il Plaquenil che funziona benissimo contro il Covid 19, specialmente se dato precocemente, presto anche una eco fast polmonare, od inviare a RX TAC con percorso diretto i casi da accertare meglio, oppure chiama direttamente il 118 per i casi gravi da portare in PS – Ricovero;
 
d) per i casi di famiglie completamente allettate, pazienti non trasportabili negli ambu Covid o per controllare pazienti dimessi dai PS o dai reparti ospedalieri, sono attivate le USCA Unità Speciali di Continuità Assistenziale (previste a livello nazionale dal DPCM), troppo onerose in termini di impiego di medici e mezzi rispetto al numero di cittadini colpiti da assistere, se utilizzate da sole, da noi composte non solo da Medici di Continuità assistenziale ma anche da Medici di Medicina Generale.
 
Anche in questo caso, il MMG-MCA, in massima protezione, visita, consegna Plaquenil e prescrive terapie ed accertamenti urgenti.
 
Il modello complessivo, che è complementare, funziona benissimo. In questo modo, gli studi dei MMG sono liberati dalle patologie infettive ed i MMG possono riprendere a lavorare per appuntamento per le altre patologie, i cittadini Covid 19 hanno una risposta sul territorio sia ambulatoriale che domiciliare, non intasano i PS ed essendo terapizzati precocemente, non virano verso la polmonite interstiziale e non solo vanno meno in terapia intensiva , ma hanno anche una precoce eradicazione del virus.

Questa organizzazione permette anche di concentrare i DPI FFP2 FFP3, davvero troppo scarsi per i MMG, laddove servono maggiormente.
 
La cosa molto grave, infatti, e che da un lato ha “ingessato e virtualizzato” le cure primarie e dall’altro ha portato a così tanti MMG morti sul territorio, è l’applicazione da parte delle Regioni e Ministero delle pessime istruzioni ISS – OMS, che affermavano che per i MMG erano sufficienti le mascherine chirurgiche: le mascherine chirurgiche invece non proteggono affatto il medico dal paziente e non sono brevettate per questa indicazione, mentre occorrono almeno le FFP2.
 
Ora, da quattro giorni, lo dice anche l’ISS che sono necessarie le mascherine FFP2 … con oltre due mesi di ritardo e circa 32 Medici di assistenza primaria morti … quasi la metà esatta di tutti i medici deceduti!
 
Ma la Ragioneria di Stato, recentemente, ha espresso parere negativo scellerato all’ estensione della fornitura dei dispositivi di protezione individuale ai Medici di Medicina Generale, ai Pediatri di libera scelta e ai Farmacisti!
 
Confidiamo, non nella prossima immunità , ma in veloci inchieste penali verso chi aveva la responsabilità di proteggere i Medici di famiglia, i cui studi sono presidi del SSN, e non l’ha fatto, condannandoli a morte certa.
 
A Reggio Emilia abbiamo anche un protocollo Clinico Terapeutico, a cui fare riferimento, per gli ospiti delle CRA con sintomatologia sospetta COVID peri i Medici con incarico di Diagnosi e Cura o di Coordinamento delle CRA, anche di quelle con solo posti privati e non convenzionati, anche per tutti i MMG che hanno propri assistiti all’interno delle strutture per anziani.
 
Si stanno valutando ulteriori ipotesi di assistenza da parte di MMG, MCA presso una Lungodegenza decentrata per Covid positivi, sempre a bassa intensità assistenziale, e l’ assistenza in struttura residenziale per pazienti Covid positivi paucisintomatici, che non possono rientrare al proprio domicilio per motivi legati alle caratteristiche della loro abitazione e o del nucleo familiare (OSCO presso un Ospedale?, Albergo?).
 
L’organizzazione delle cure primarie territoriali e la tutela dei MMG-MCA con DPI adatti per affrontare e vincere l’epidemia Covid 19, sono la cosa più importante e meno applicata in tutte le Regioni.
 
Non ci saranno mai Ospedali e letti di terapie intensive sufficienti, se non si attiva il filtro delle cure primarie territoriali!
 
Tutte le Ausl e le Regioni debbono fare tesoro della collaborazione progettuale ed organizzativa integrata esistente da anni a Reggio Emilia fra l’Ausl e FIMMG e prevedere sempre almeno un MMG nelle unità di crisi, per avere una reale percezione della situazione sui territorio.

E’ importante diffondere quanto sopra per aiutare velocemente tutte le altre provincie, specialmente ora che si va verso la fase di deospedalizzazione di tanti ricoverati negli ospedali e che dovranno essere seguiti al loro domicilio.

Dott. Euro Grassi
Segretario Generale Provinciale FIMMG Reggio Emilia
Medico Incaricato DPCA Ausl Reggio Emilia


05 aprile 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy