Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 20 AGOSTO 2019
Puglia
segui quotidianosanita.it

Puglia. Riordino sanità, per il ministero il Piano di Emiliano è da rivedere

Deve tenere conto dei budget e delle novità inserite dal Governo nazionale nella finanziaria. “Se per esempio dobbiamo avere un certo numero di addetti in una sala parto o in una sala rianimazione è evidente che, se non abbiamo possibilità di assumere, una delle due va chiusa”, ha spiegato il presidente della Puglia facendo il punto sull’incontro svolto con i rappresentanti Ministeri della Salute e dello Sviluppo Economico.

25 GEN - I dettagli della bozza approvata dalla Giunta pugliese sul piano di riordino della sanità regionale non erano ancora stati resi pubblici, e a questo punto non lo saranno mai, visto che “tutta l'impostazione” del Piano è “da rivedere”. I ministero della Salute e dello Sviluppo Economico hanno infatti bocciato la bozza della Giunta e le motivazioni di fondo sono che “il piano di riordino complessivo della sanità pugliese deve tener conto dei budget e delle novità inserite dal Governo nazionale nella finanziaria, che invito tutti a guardare perche' sono fortissime". A spiegarlo è stato lo stesso presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, facendo il punto sull’incontro svolto giovedì tra il capo dipartimento regionale della promozione della salute della Regione, Giovanni Gorgoni, e gli uffici dei Ministeri della Salute e dello Sviluppo Economico.

"Nella finanziaria - ha spiegato Emiliano - sono state approvate norme molto diverse rispetto al passato. Se un ospedale, ad esempio, ha entrate inferiori alle uscite  o va oltre il dieci percento del 'delta' entra in piano di rientro. Quanto poi al costo del lavoro, il nostro - ha detto Emiliano - è poco meno di 2 miliardi e lo dovremo diminuire ulteriormente dal prossimo anno così come prescritto dalla finanziaria. Su questo punto il governo non fa un passo indietro e questo incide sulla riorganizzazione. Se noi per esempio dobbiamo avere un certo numero di addetti in una sala parto o in una sala rianimazione è evidente che, se non abbiamo possibilità di assumere personale, una delle due va chiusa”. Per il presidente della Puglia si tratta di una questione “inevitabile ed è inutile arrabbiarsi con il presidente o con il destino".


Il presidente della Puglia ha quindi spiegato che la Giunta regionale sta “rivedendo tutta l'impostazione del piano di riordino”.

25 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Puglia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy