Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Trastuzumab. I benefici superano gli effetti indesiderati

L’anticorpo monoclonale che ha rivoluzionato il trattamento di una delle forme più aggressive di tumore del seno, quello HER2-positivo, può dare effetti indesiderati a livello cardiaco, soprattutto se associato a regimi di chemioterapici con antracicline. Ma i benefici sulla sopravvivenza restano tali da surclassare i rischi. Lo dimostra una revisione della Cochrane Library

13 GIU - Tutte le terapie efficaci, è noto, hanno anche il risvolto della medaglia, cioè gli effetti collaterali. E un giudizio di efficacia su una terapia non può dunque prescindere da un bilancio che tenga conto anche degli effetti indesiderati. A questa regola non è immune una delle terapie più innovative ed efficaci introdotte dall’inizio di questo secolo, il trastuzumab, anticorpo monoclonale umanizzato diretto contro il recettore HER2, iperespresso nel 20% circa dei tumori della mammella, ma anche in alcune forme di tumore dello stomaco e polmonari. Il farmaco, che ha rivoluzionato la prognosi dei tumori della mammella HER2 positivi, passati così dall’essere una delle forme più aggressive, ad una delle più curabili, non è privo di effetti collaterali. Tra i più temuti ci sono quelli di tossicità cardiaca. Questo argomento è stato oggetto di una revisione sistematica condotta dalla Cochrane Library che, in analogia a quanto presentato una settimana fa al congresso ASCO di Chicago, ha concluso che, restano comunque molto più numerose le donne che beneficiano di questa terapia, rispetto a quelle nelle quali il trastuzumab provoca un danno.


L’analisi condotta dalla Cochrane ha preso in considerazione le pazienti con tumore della mammella HER2 positivo, in fase avanzata; in particolare sono stati esaminati i dati provenienti da sette studi clinici condotti su 1.497 donne, che sono state trattate con trastuzumab in associazione ad altri farmaci, in prima linea (prima della progressione del tumore) o alla progressione. La sopravvivenza senza progressione (PFS), nelle donne trattate con l’anticorpo monoclonale è risultata aumentata da 2 a 11 mesi e anche la sopravvivenza a due anni è risultata più elevata. Il trastuzumab risultava inoltre particolarmente efficace quando utilizzato come trattamento di prima linea o in associazione ai taxani.

"Questa review - commenta il dottor Lorenzo Moja, Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute presso l' Università degli Studi di Milano e tra gli autori della revisione - suggerisce che, nelle donne con tumore della mammella in stadio avanzato HER2-positive, il trastuzumab permette di allungare significativamente la speranza di vita. Le pazienti trattate con trastuzumab sono sopravvissute più a lungo e il loro tumore è progredito meno rapidamente." Con le terapie standard, risultano ancora vive a due anni 300 donne su 1000, mentre aggiungendo il trastuzumab in terapia sopravvivono a due anni 373 donne su mille. Tra tutte queste, sviluppano problemi cardiaci 10 donne trattate con la terapia standard e 35 di quelle trattate con trastuzumab, che per questo devono interrompere la terapia. E una volta interrotto il trattamento, gli effetti collaterali cardiaci in genere regrediscono. A particolare rischio di effetti indesiderati a carico del cuore sono le donne trattate con l’associazione trastuzumab-antracicline. I benefici della terapia comunque sorpassano di gran lunga i sui effetti indesiderati.

Maria Rita Montebelli

13 giugno 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy