Quotidiano on line
di informazione sanitaria
24 LUGLIO 2016
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Zika. Bertollini (Oms) a Parlamento Ue: “Pronti a controllo virus. Vaccino in tempi brevi”

Sul sito del Parlamento europeo pubblicata un’intervista al rappresentante dell'Oms all’Ue che guarda con fiducia al futuro. “Abbiamo molta esperienza con il virus Ebola: siamo stati in grado di sviluppare un vaccino quasi completamente in un tempo molto breve. Siamo abbastanza ottimisti sul fatto che si svilupperà almeno una pre-vaccino per la sperimentazione nei prossimi 15-18 mesi”

22 FEB - Il virus Zika, e il rischio che potrebbe provocare la microcefalia nei bambini infetti, ha fatto i titoli dei giornali in tutto il mondo. Il caso è all’attenzione dei deputati delle commissioni per l'Ambiente e per la Salute pubblica che hanno discusso la questione con i rappresentanti dell'OMS. A margine dell’evento l’ufficio stampa del Parlamento ha intervistato Roberto Bertollini, rappresentante dell'OMS all'UE, che ha spiegato che siamo pronti a controllare il virus.

Il virus è noto dal 1947. Perché non è ancora stato studiato un vaccino?
Questa è una delle numerose malattie di cui non abbiamo il vaccino perché sono confinate in determinate aree o sono lievi. Solo ultimamente con i primi casi di microcefalia in Polinesia francese nel 2013-2014 c'è stato un primo allarme. Ora la situazione è molto più grave e c'è una spinta dell'opinione pubblica e dei governi per studiare questi vaccini.

Quanto tempo ci vorrà per sviluppare un vaccino? Qual è la probabilità di successo?

Credo che avrà successo. Abbiamo molta esperienza con il virus Ebola: siamo stati in grado di sviluppare un vaccino quasi completamente in un tempo molto breve. Siamo abbastanza ottimisti sul fatto che si svilupperà almeno una pre-vaccino per la sperimentazione nei prossimi 15-18 mesi. Il caso di Ebola è stata una grande lezione per molte persone.

Il virus potrebbe diffondersi in UE? Siamo pronti a questo tipo di emergenza?
Lo scenario peggiore sarebbe che le zanzare arrivino in Europa iniziando a mordere le persone e a diffondere la malattia. C'è anche uno scenario intermedio: la malattia di diffonderebbe attraverso le zanzare già esistenti in alcune regioni del sud Europa. Lo scenario più ottimista, e il più probabile, a mio avviso, è che possiamo contare su forte sistema sanitario pubblico e che conoscendo il problema in anticipo saremo in grado di capire molto rapidamente se si verifica, di isolare l'area, eliminare le zanzare e controllare l'infezione.

Siamo ormai sicuri al 100% che la microcefalia è causata dalle zanzare e dal virus Zika? O ci sono altri fattori che potrebbero essere responsabili?
Il virus è stato isolato nei bambini malformati e l'associazione è molto evidente. Ma naturalmente non possiamo escludere gli altri fattori come la genetica o altri virus...

Ci sono voci che suggeriscono che la microcefalia potrebbe essere causata dai pesticidi nell'acqua potabile (in particolare il priproxifene)...
Si tratta di un pesticida che è stato ampiamente usato per più di 20 anni. Non c'è stata mai una singola osservazione di malformazione. È considerato così sicuro che è usato per disinfettare l'acqua potabile quindi per il momento non credo che ci sia alcuna prova per queste accuse.

Pensa che i programmi di eradicazione della zanzara saranno efficaci? E dell'idea di rilasciare zanzare OGM e i batteri Wolbachia?
Le zanzare sono ormai resistenti agli insetticidi. Per questo dobbiamo agire su tre livelli: il primo sulle zanzare geneticamente modificate che non trasmettono la malattia, il secondo è la sterilizzazione dei maschi attraverso radiazioni e il terzo è il batterio che rende le zanzare maschi sterili. Credo possano essere estremamente efficaci e meglio di tonnellate di pesticidi a cui le zanzare sono resistenti.

L'OMS ha appena annunciato che avrà bisogno di milioni di dollari per finanziare la ricerca. Pensa che l'UE invierà un finanziamento?
Sì, l'UE si è impegnata per circa 53 milioni di dollari, ma solo 25-28 sono destinati all'OMS. Altre agenzie, come per esempio l'UNICEF, beneficeranno dei fondi dell'UE.

22 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy