Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 19 AGOSTO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Nascite pretermine e disturbi mentali. Quale rapporto?

Uno studio finlandese ha evidenziato una correlazione tra nascite premature e sviluppo di disturbi ansioso-depressivi, raccogliendo i dati di oltre 700 casi. Una delle principali linee di ricerca è quella dell’infiammazione neurale.

14 MAR - (Reuters Health) – Chi nasce prima del termine e sottopeso ha maggiori probabilità di soffrire di depressione e ansia da adulto. Questa evidenza emerge da uno studio finlandese che ha preso in considerazione i dati provenienti da precedenti studi pubblicati sulla salute mentale riguardanti 747 adulti nati pretermine e con peso uguale o inferiore a 1500 grammi, confrontati con 1. 512 adulti nati a termine, in cinque Paesi diversi.
 
Lo studio
Il peso medio dei nati a termine era di 3500 grammi, mentre nei prematuri era in media di 1120 grammi. I ricercatori hanno esaminato i dati riguardanti i problemi psichici segnalati per entrambi i gruppi intorno ai 23 anni di età, periodo nel quale gli adulti nati prematuri presentavano depressione, ansia, isolamento e carattere introverso rispetto agli adulti nati a termine. Tuttavia, i più piccoli tra i prematuri hanno fatto registrare minori problemi riguardo a comportamenti asociali (aggressività, disobbedienza alle regole, truffe, furti, distruzione delle proprietà altrui) rispetto agli adulti nati a termine.
 
“Possiamo dire che gli adulti nati pretermine, con bassissimo peso alla nascita, fanno registrare maggiori problematiche di personalità, ma minori problemi di sociali rispetto ai loro coetanei nati a termine”, ha detto l’autore principale dello studio, Riikka Pyhala, dell’Università di Helsinki. Secondo gli autori, il motivo per cui i prematuri crescendo sarebbero più inclini a determinati problemi psichiatrici potrebbe essere spiegato con i processi neurobiologici, ormonali o sociali e psicologici che hanno a che fare con un parto precoce. Molti parti pretermine possono alterare il normale sviluppo del cervello e dei sistemi fisiologici che partecipano alla regolazione emotiva e comportamentale. Una delle principali linee di ricerca attuale è quella che tenta di capire quanto sia dannosa l’infiammazione neurale, molto attiva nei neonati pretermine, e come potrebbe essere controllata e mitigata subito dopo la nascita.

 
Fonte: Pediatrics
 
Lisa Rapaport
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

14 marzo 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy