Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 10 DICEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Depressione. Disfunzioni del microcircolo aumentano il rischio

I danni micro-circolatori, a carico del cervello o a livello periferico, possono predisporre all’insorgenza della depressione in età adulta? Secondo una metanalisi degli studi, condotta da un team olandese, l’ipotesi è confortata dalle evidenze cliniche. Lo studio è stato pubblicato da Jama Psychiatry.

06 GIU - (Reuters Health) – La disfunzione a livello del microcircolo, sia periferico che cerebrale, sarebbe associata all’aumento del rischio di depressione tra le persone con 40 anni o più. È quanto ipotizza una ricerca guidata da Miranda Schram del Maastricht University Medical Center, in Olanda. I risultati della ricerca, una meta-analisi, sono stati pubblicati da JAMA Psychiatry.
 
Lo studio
Per studiare il legame tra depressione e disfunzione a livello del microcircolo, i ricercatori olandesi hanno passato al vaglio studi già pubblicati in letteratura che riguardavano persone affette dalle due patologie e che avevano più di 40 anni. Complessivamente, dunque, Schram e colleghi hanno raccolto dati relativi 43.600 persone di cui 9.203 con depressione. Sulla base di come veniva valutata la disfunzione a livello del microcircolo, il rischio di depressione aumentava fino al 58%. Quando la risonanza magnetica evidenziava microinfarti a livello cerebrale, le persone avevano il 30% in più di rischio di soffrire di depressione.
 
“L’ipotesi è che questo danno possa alterale la comunicazione a livello di importanti aree del cervello che controllano l’umore – dice Schram – Il sistema del microcircolo porta ossigeno e sostanze nutritive ai tessuti. Il cervello è molto vulnerabile ai cambiamento del microcircolo, perché il tessuto cerebrale è molto esigente e richiede molto ossigeno per funzionare correttamente”.

 
Secondo Bret Rutherford, del New York State Psychiatric Institute e del Columbia University Department of Psychiatry di New York, in realtà questo studio non può dimostrare che la disfunzione a livello del microcircolo sia la causa della depressione. “I rapporti tra invecchiamento del cervello e disturbi neuropsichiatrici vanno entrambi nella stessa direzione, per cui è complicato valutarli”, ha spiegato l’esperto, non coinvolto nello studio. “Per esempio potrebbe essere che i danni a livello del microcircolo causino la depressione, ma potrebbe anche essere vero il contrario, ovvero che la depressione causa danni ai capillari”.

Fonte: JAMA Psychiatry


Andrew Seaman


(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)  

06 giugno 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy