Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 08 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Schizofrenia. Sintomi negativi e cognitivi migliorano diminuendo dosi antipsicotici

di Lorraine L. Janeczko

Una ricerca cinese dimostra che ridurre, fino a dimezzarla, la dose dei farmaci può avere ricadute vantaggiose per i pazienti sui sintomi ‘negativi’ della malattia. Individuare la dose più bassa e al tempo stesso efficace di un antipsicotico non è tuttavia un percorso facile. Lo studio sul Journal of Psychopharmacology

27 MAR - (Reuters Health) – Abbassare i dosaggi di antipsicotici potrebbe migliorare i sintomi della schizofrenici. Una recente ricerca cinese dimostra che la riduzione delle dosi di risperidone e olanzapina sembra migliorare la funzione cognitiva e i sintomi negativi nei pazienti con schizofrenia stabile.

La premessa
“Quale sia il dosaggio ottimale durante la fase di mantenimento della patologia è ancora controverso, e le raccomandazioni differiscono nelle diverse linee guida - afferma Yuping Ning della Guangzhou Medical University in Cina .- I risultati ottenuti dimostrano che un'attenta riduzione della dose di antipsicotici può aiutare i pazienti con schizofrenia stabile a migliorare il sintomo negativo e la funzione cognitiva”.

Lo studio
Ning e i suoi colleghi hanno somministrato a 75 pazienti adulti con schizofrenia stabile, a random,  risperidone (4 mg o più al giorno) o olanzapina (10 mg o più al giorno) o a metà dosaggio a dosaggio classico. Dopo un anno, i pazienti a cui era stata dimezzata la dose di antipsicotico presentavano un minor numero di sintomi negativi e una migliore performance cognitiva senza un aumento del rischio di recidiva, scrivono i ricercatori sul Journal of Psychopharmacology.

Su questi pazienti che assumevano metà dosaggio è stato osservato un netto miglioramento su tutte le scale di valutazione (sintomi negativi, effetti collaterali extrapiramidali, velocità di elaborazione, memoria di lavoro, funzioni della batteria cognitiva).

Alti dosaggi, tra timori e bad practice
“Questo studio è di supporto alla maggior parte delle scoperte in letteratura - afferma Russell L. Margolis, psichiatria al Johns Hopkins Medicine di Baltimora -. I risultati forniscono ulteriori prove che, in media, alte dosi di antipsicotici possono essere inutili e persino dannose. C'è una forte tendenza nei pazienti ospedalizzati, almeno negli Stati Uniti, ad una rapida escalation delle dosi antipsicotiche portate a livelli relativamente elevati, in quanto si vuole a tutti i costi ridurre la degenza ospedaliera e i medici temono che un sottodosaggio possa ritardare le dimissioni”.

Quando i medici affrontano un paziente acuto, si sentono comprensibilmente motivati ad agire, aumentando la dose di farmaco, ma in realtà concedere semplicemente più tempo con una dose più bassa per raggiungere l’effetto voluto può essere ugualmente efficace nella maggior parte dei pazienti. Una volta che il paziente è in cura ambulatoriale ed è ragionevolmente stabile, i medici ambulatoriali sono riluttanti a ridurre le dosi per paura di scatenare una ricaduta.

Fonte: Journal of Psychopharmacology

Lorraine L. Janeczko

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

27 marzo 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy