Quotidiano on line
di informazione sanitaria
27 MAGGIO 2018
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Oms. Ecco la lista dei test diagnostici essenziali 

L'Oms ha pubblicato oggi il suo primo Essential Diagnostics List, un catalogo dei test necessari per diagnosticare le condizioni più comuni e una serie di malattie prioritarie globali. Come l'EML (Essential Medicines List), l'EDL ha lo scopo di fornire una guida basata sull'evidenza e stabilire un riferimento per lo sviluppo o l'aggiornamento degli elenchi nazionali dei test diagnostici in vitro essenziali. L'ESSENTIAL IN VITRO DIAGNOSTICS - GUIDA PER L'ACQUISTO DI STRUMENTI DIAGNOSTICI IN VITRO, ARTICOLI E ATTREZZATURE DI LABORATORIO.

15 MAG - Molte persone non sono in grado di fare il test per le malattie perché non possono accedere ai servizi diagnostici. Molti sono diagnosticati erroneamente. Di conseguenza, non ricevono il trattamento di cui hanno bisogno e, in alcuni casi, possono ricevere il trattamento sbagliato.

Ad esempio, si stima che il 46% degli adulti con diabete di tipo 2 nel mondo non sia diagnosticato, con gravi complicazioni di salute e costi sanitari elevati. La diagnosi tardiva di malattie infettive come l'HIV e la tubercolosi aumenta il rischio di diffusione e le rende più difficili da trattare.

Per colmare questa lacuna, l'Oms ha pubblicato oggi il suo primo Essential Diagnostics List, un catalogo dei test necessari per diagnosticare le condizioni più comuni e una serie di malattie prioritarie globali.

"Una diagnosi accurata è il primo passo per ottenere un trattamento efficace", afferma Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "Nessuno dovrebbe soffrire o morire a causa della mancanza di servizi diagnostici, o perché i test giusti non erano disponibili."


L'elenco si concentra su test in vitro , cioè su campioni umani come sangue e urina. Contiene 113 prodotti: 58 test sono elencati per il rilevamento e la diagnosi di una vasta gamma di condizioni comuni, fornendo un pacchetto essenziale che può costituire la base per lo screening e la gestione dei pazienti.

I rimanenti 55 test sono progettati per l'individuazione, la diagnosi e il monitoraggio di malattie "prioritarie" come l'HIV, la tubercolosi, la malaria, l'epatite B e C, il papillomavirus umano e la sifilide.

Alcuni test sono particolarmente adatti per le strutture di assistenza sanitaria di base, dove i servizi di laboratorio sono spesso scarsamente dotati di risorse e talvolta inesistenti. Per esempio, test che possono diagnosticare rapidamente un bambino con malaria acuta o glucometri per testare il diabete. Questi test non richiedono elettricità o personale addestrato. Altri test sono più sofisticati e quindi destinati a strutture mediche più grandi.

"Il nostro obiettivo è quello di fornire uno strumento che possa essere utile a tutti i paesi, per testare e trattare meglio, ma anche per utilizzare i fondi sanitari in modo più efficiente concentrandoci sui test veramente essenziali", afferma Mariângela Simão, assistente direttore generale per l'accesso dell'Oms a medicinali, vaccini e prodotti farmaceutici. "Il nostro altro obiettivo è segnalare a paesi e sviluppatori che i test nell'elenco devono essere di buona qualità, sicuri ed economici."

Per ciascuna categoria di test, l'Elenco diagnostico essenziale specifica il tipo di test e l'uso previsto, il formato e, se appropriato, per l'assistenza sanitaria di base o per le strutture sanitarie con laboratori. L'elenco fornisce anche collegamenti alle linee guida o alle pubblicazioni dell'Oms e, se disponibili, ai prodotti prequalificati.

Analogamente all'elenco dei farmaci essenziali dell'Oms, che è in uso da quattro decenni, l'Essential Diagnostics List è destinato a servire come riferimento per i paesi per aggiornare o sviluppare la propria lista di diagnostica essenziale.

Per aiutare veramente i pazienti, i governi nazionali dovranno garantire forniture adeguate e di qualità, formazione degli operatori sanitari e uso sicuro.
Per questo l'Oms fornirà supporto ai paesi perché adattino l'elenco al contesto locale.

L'Essential Diagnostics List è stato sviluppato in seguito a un'ampia consultazione all'interno e all'esterno dell'Oms.

La bozza di lista è stata quindi presa in considerazione per la revisione da parte del gruppo di esperti di consulenza strategica dell'Oms sulla diagnostica in vitro, un gruppo di 19 esperti con rappresentanza globale.

L'Oms aggiornerà regolarmente l'Elenco e nei prossimi mesi pubblicherà una richiesta per le applicazioni per aggiungere categorie alla prossima edizione. L'elenco si allargherà nei prossimi anni, in quanto incorpora altre aree importanti tra cui la resistenza antimicrobica, i patogeni emergenti, le malattie tropicali trascurate e le malattie aggiuntive non trasmissibili.

L'Oms ha istituito un gruppo consultivo strategico di esperti in diagnostica in vitro (SAGE IVD) per fungere da organo consultivo in merito alle politiche e alle strategie globali su questa materia.

Il SAGE IVD ha tenuto il suo primo incontro dal 16 al 20 aprile 2018 presso la sede dell'Oms a Ginevra. Gli obiettivi dell'incontro erano definire i metodi e il lavoro di SAGE IVD, formulare raccomandazioni sullo sviluppo di un elenco di modelli di Essential In Vitro Diagnostics (EDL) e sulla prioritizzazione per l'idoneità alla prequalificazione WHO della diagnostica in vitro.

Come l'EML (Essential Medicines List), l'EDL ha lo scopo di fornire una guida basata sull'evidenza e stabilire un riferimento per lo sviluppo o l'aggiornamento degli elenchi nazionali dei test diagnostici in vitro essenziali.

Le liste nazionali di farmaci essenziali hanno avuto successo nel sensibilizzare e nella volontà politica, orientando le politiche di approvvigionamento e regolamentazione e facilitando l'accesso a farmaci a prezzi accessibili, in particolare nei paesi a basso reddito, dando la priorità alle medicine più importanti che tutti i paesi devono mettere a disposizione delle loro popolazioni. Si prevede che gli elenchi diagnostici essenziali nazionali forniranno vantaggi simili e miglioreranno l'accesso ai test diagnostici in vitro essenziali. Contribuirà inoltre al rafforzamento del sistema sanitario e alla realizzazione della copertura sanitaria universale.

15 maggio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy