Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 23 MARZO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Alcol. Negli anziani con insufficienza cardiaca è quasi un toccasana. Ma con moderazione

Sette drink a settimana - equivalenti ciascuno a 0,35 litri di birra, un bicchiere di vino da 175 ml o a uno shot di superalcolici da 45 ml - non danneggiano la salute degli anziani che soffrono di insufficienza cardiaca. Anzi, darebbero una mano alla longevità.

08 GEN - (Reuters Health) – Alcol non del tutto vietato agli anziani con insufficienza cardiaca. Un massimo di sette drink a settimana non compromette la salute.
A patto che questa moderata abitudine sia cominciata prima dell’insorgenza dei disturbi cardiocircolatori. È quanto emerge da uno studio condotto dalla Washington University di St. Louis e diffuso dall'Agenzia Reuters Health.
 
“Gli over 65 con insufficienza cardiaca abituati a consumare moderate quantità di alcol possono continuare a farlo senza problemi”, dice l’autore principale dello studio, L. Brow. “Non solo, questa abitudine potrebbe recare alcuni benefici in termini di longevità, anche se non è stato dimostrato un rapporto di causa-effetto. Abbiamo riscontrato che chi dopo la diagnosi ha continuato a bere alcool moderatamente, ha vissuto quasi un anno in più di non aveva questa abitudine”. 


Lo studio. Per determinare se l’alcol dovesse essere tolto o meno dal menù per i pazienti con insufficienza cardiaca, Brown e colleghi hanno esaminato le cartelle cliniche di quasi 6.000 pazienti, dai 65 anni in su, che hanno partecipato al Cardiovascular Health Study tra il 1989 e il 1993 in quattro luoghi degli USA. Nel gruppo erano presenti 393 individui che hanno ricevuto unadiagnosi di insufficienza cardiaca nei primi nove anni di follow-up.

I partecipanti con insufficienza cardiaca sono stati seguiti fino a giugno 2013, con regolari interviste telefoniche. I ricercatori hanno scoperto che 129 di questi pazienti avevano continuato a bere dopo la diagnosi e la maggior parte dei quali aveva consumato l’equivalente di sette drink a settimana.

Un drink è stato considerato equivalente a a 0,35 litri di birra, un bicchiere di vino da 175 ml o uno shot di superalcolici da 45 ml. Soltanto 17 pazienti con insufficienza cardiaca avevano consumato più di sette drink a settimana. Dei 168 soggetti che si sono astenuti dall’alcool, poco più della metà erano ex alcolisti e gli altri astemi.

I risultati. Dopo aver considerato fattori che potrebbero influenzare la progressione dell’insufficienza cardiaca, come età, sesso, fumo, diabete e cardiopatia o nefropatia nell’anamnesi, i ricercatori hanno rilevato che i pazienti che continuavano a bere dopo la diagnosi di insufficienza cardiaca vivevano più a lungo.

In media, coloro che non bevevano vivevano 2.640 giorni dopo la diagnosi, rispetto ai 3.046 giorni di chi consumava da uno a sette drink a settimana e ai 2.806 giorni di chi ne beveva più di sette a settimana.


Fonte: JAMA Network Open 2018
 
Linda Carroll

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

08 gennaio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy