Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 19 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Diabete tipo 1. L’iperglicemia aumenta le probabilità di fratture ossee

Le persone con diabete di tipo 1, quando hanno livelli di zucchero nel sangue troppo alti, hanno maggiori probabilità di procurarsi una frattura se cadono. Lo stesso, invece, non può dirsi per chi soffre di diabete di tipo 2.

11 FEB - (Reuters Health) – Le persone con diabete di tipo 1 hanno maggiori probabilità di rompersi un osso quando i livelli medi di zucchero nel sangue sono molto alti. L’evidenza giunge da uno studio su popolazione britannica condotto dall’Università di Basiliea, sotto la guida di Christian Meier.
 
I ricercatori hanno esaminato i dati relativi a 47.000 persone con diabete, di cui 3.329 con il tipo 1. Gli altri avevano il diabete di tipo 2, che è legato all’obesità e all’invecchiamento e si verifica quando il corpo non può utilizzare correttamente o produrre abbastanza insulina per convertire gli zuccheri del sangue in energia. Tutti questi pazienti hanno ricevuto diagnosi per il diabete nel Regno Unito tra il 1995 e il 2015. Durante il periodo di studio, 672 persone con diabete di tipo 1 e 8.859 con diabete di tipo 2 hanno riportato fratture ossee.

Le evidenze
. Per i diabetici di tipo 1, il rischio di fratture è stato del 39% più alto quando i livelli medi di zucchero nel sangue nel tempo erano molto alti, mentre modesti rialzi non sembrano aver pesato più di tanto. Per i pazienti con diabete di tipo 2, invece,  i livelli di zucchero nel sangue non sembrano aver  aumentato il rischio di fratture.

 
Diverse complicanze del diabete possono contribuire a un aumento del rischio di cadute e fratture: il deterioramento cognitivo, la neuropatia, che diminuisce la sensibilità nei piedi e in altre estremità, la retinopatia o altri danni agli occhi che rendono più difficile individuare gli ostacoli che potrebbero causare una caduta.

Tra i pazienti partecipanti allo studio e affetti da diabete di tipo 1, le persone con complicanze vascolari come la retinopatia hanno avuto il 29% di probabilità in più di sperimentare fratture rispetto alle persone che non avevano queste complicanze. Le complicanze vascolari non hanno invece influenzato il rischio di fratture per le persone con diabete di tipo 2. Con il diabete di tipo 1, l’insufficienza renale nello studio è stata anche associata a probabilità di frattura più che doppie.

I commenti. 
“Una limitazione dello studio risiede nel fatto che i ricercatori non spiegano se i pazienti avevano una pregressa neuropatia diabetica”, dice James Richardson, professore di medicina fisica in riabilitazione alla Michigan Medicine di Ann Arbor, che non è stato coinvolto nella ricerca. “Questo fattore potrebbe spiegare molti degli incidenti che portano a fratture ossee”, ha aggiunto.”Il rischio di caduta aumenta marcatamente nelle persone che non riescono a rispondere con successo a un problema posturale, come un inciampo, una scivolata o una storta”.

Fonte: Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism

 
Lisa Rapaport

 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

11 febbraio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy