Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Bambini. Convulsioni febbrili, rischio epilessia e disturbi psichiatrici

Le convulsioni febbrili ricorrenti aumentano il rischio che il bambino sviluppi una forma di epilessia o sia più soggetto a disturbi psichiatrici. L’evidenza emerge da uno studio che ha valutato i dati di un ampio registro danese. Gli stessi autori auspicano che i risultati ottenuti aprano la strada a uno studio sul ruolo della genetica

08 OTT - (Reuters Health) – Secondo uno studio danese basato sulla popolazione, i bambini piccoli che soffrono di convulsioni febbrili ricorrenti presentano un rischio aumentato di epilessia e disturbi psichiatrici. “Abbiamo condotto questo studio perché le convulsioni febbrili sono il disturbo neurologico più comune nei bambini piccoli, anche se sappiamo molto poco sulle conseguenze a lungo termine a esse correlate – dice Julie Werenberg Dreier della Aarhus University, autrice principale dello studio – Finora, generalmente le convulsioni febbrili sono state associate a una prognosi favorevole, con conseguenze durature minime o assenti sullo sviluppo del bambino. Tuttavia, i risultati del nostro studio fanno nutrire dei dubbi”.
 
Lo studio
Usando i dati di un registro danese, i ricercatori hanno valutato il rischio a lungo termine di epilessia e qualsiasi disturbo psichiatrico diagnosticato in bambini con convulsioni febbrili ricorrenti. Su oltre 2,1 milioni di bimbi dai tre mesi ai cinque anni, il 3,6% ha presentato una prima convulsione febbrile tra il 1977 e il 2016. Le convulsioni erano significativamente più comuni nei maschi che nelle femmine (3,9% vs 3,3%).


“I soggetti con una prima convulsione febbrile presentavano un rischio pari al 22,7% di averne un’altra", segnala il team su JAMA Pediatrics online.
Il rischio di epilessia aumentava progressivamente con il numero di ricoveri in ospedale per convulsioni febbrili. Il rischio cumulativo a 30 anni di epilessia era pari al 2,2% alla nascita rispetto al 15,8% in coloro che avevano avuto tre convulsioni febbrili. Lo stesso è stato registrato per i disturbi psichiatrici, con un rischio cumulativo a 30 anni del 17,2% alla nascita e del 29,1% dopo tre convulsioni febbrili. I ricercatori affermano che probabilmente si tratta di stime conservative del burden complessivo di disturbi psichiatrici a seguito di convulsioni febbrili perché includono solo persone con disturbi psichiatrici per cui sono stati necessari trattamenti di assistenza secondaria. Il rischio di questi disturbi risultava significativamente aumentato anche dopo l’aggiustamento per epilessia.

“Non siamo sicuri se questo rischio aumentato sia effettivamente attribuibile alle stesse convulsioni o se potrebbe essere dovuto a qualche fattore soggiacente”, conclude Dreier . “Le future ricerche dovrebbero concentrarsi sul ruolo della genetica come causa e sul perché alcuni bambini tendono ad avere convulsioni febbrili ricorrenti e, successivamente, a sviluppare anche epilessia e disturbi psichiatrici”.

Fonte: JAMA Pediatrics 2019
 
Megan Brooks
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

08 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy