Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 APRILE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Rapporto Unicef sul benessere dei bambini nei paesi ricchi. Italia solo al 22° posto

La classifica su 29 paesi comprende benessere materiale, salute e sicurezza, istruzione, casa e ambiente. Per la salute siamo al 17° posto ma siamo ultimi per minori che svolgono ogni giorno esercizio fisico (meno di 1 su 10) e terzultimi per l'istruzione. Grave anche il fenomeno povertà. 

10 APR - L’Italia occupa soltanto la 22esima posizione su ventinove nella classifica elaborata dall’Unicef che valuta il benessere dei bambini. Nello specifico, l’Italia è al 23° posto nell’area del benessere materiale, al 17° posto nella salute e sicurezza, al 25° posto nell'istruzione; al 21° posto per quanto riguarda le condizioni abitative e ambientali. In Italia il 17% dei bambini – pari a circa 1.750.000 minorenni – vive sotto la soglia di povertà. L’Italia ha anche il più alto tasso “NEET” (Not in Education, Employment or Training) di tutti i Paesi industrializzati, dopo la Spagna, con l’11% dei giovani che non sono iscritti a scuola, non lavorano e non frequentano corsi di formazione.
 
Da registrare anche il record negativo per quanto riguarda la percentuale di minori che svolgono quotidianamente esercizio fisico (meno di 1 su 10). L'Italia è al quart'ultimo posto per le gravidanze in età adolescenziale, essendosi ridotto il tasso di fertilità tra le adolescenti di un terzo nel corso degli anni 2000. I giovanissimi italiani risultano sobri nel bere (4° tasso più basso nell'abuso di alcolici), ma fumano molto (22° posto per il tasso di fumo tra gli adolescenti).


Lo studio ha analizzato i cambiamenti registrati nelle condizioni dei bambini nel decennio 2000-2010 sulla base di cinque parametri: benessere materiale, salute e sicurezza, istruzione, comportamenti e rischi; condizioni abitative e ambientali. I Paesi Bassi mantengono la posizione di leader e sono l'unico Paese classificato tra i primi cinque in tutte le aree del benessere, seguito da Norvegia, Islanda, Finlandia e Svezia. Al 29esimo e ultimo posto si piazza la Romania. Gli Stati Uniti si collocano al 26° posto, perchè figurano negli ultimi tre posti in tutte e cinque le categorie considerate. Il Paese che registra i maggiori progressi è il Regno Unito, passato dal 21esimo posto nel 2007 al 16esimo.

“Preoccupa la situazione dell’Italia – ha dichiarato il presidente di Unicef Italia Giacomo Guerrera – Soprattutto in virtù del fatto che siamo al 23esimo posto nell'area del benessere materiale, al 17esimo nella salute e sicurezza, al 25esimo nell'istruzione, al 21esimo per quanto riguarda le condizioni abitative e ambientali". Riscontri positivi riguardano invece il bullismo che si è ridotto del 60% dall'inizio degli anni 2000, tanto che è il Paese industrializzato che registra il tasso più basso di bambini che hanno subito atti di bullismo (11%).

"Il primo problema evidenziato nel nostro Paese è la povertà dei bambini, concentrata nel Meridione, mentre al Nord riguarda prevalentemente le famiglie immigrate - ha spiegato Linda Laura Sabbatini, dell'Istat - In Italia ci sono 723 mila bambini che vivono in povertà assoluta, il 10% si trovano nel Mezzoggiorno - prosegue Sabbatini - Il 2011 c'è stato l'aumento della deprivazione della situazione che riguarda l'infanzia. Il 17% ha avuto problemi per coprire spese come il riscaldamento, il 40% non aveva risorse per affrontare spese straordinarie, e all'11% è' mancata la possibilità di nutrirsi adeguatamente con pasti proteici necessari nell'arco della settimana".

"E' indispensabile una inversione di rotta. La spesa pubblica, soprattutto quella destinata ai minori, non è un costo ma piuttosto un investimento fondamentale che 'paga' sia in termini di tutela dei diritti che in un'ottica di razionalizzazione e risparmio per il futuro". E’ la rotta tracciata dal presidente del Senato, Pietro Grasso.

10 aprile 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy