Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 23 NOVEMBRE 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Rapporto sanità Ocse 2017: Italia tra i primi per aspettativa di vita, accesso alle cure e stili di vita. Ma spendiamo 600 dollari in meno a testa rispetto alla media. Pollice verso per consumo antibiotici e numero troppo basso infermieri

L’Ocse nel suo rapporto sulla salute 2017 (Health at Glance) appena pubblicato ridimensiona anche i dati sul mancato accesso alle cure per motivi economici: sarebbe solo il 4,8% della popolazione italiana che si traducono in 2,8 milioni di cittadini, tra i valori più bassi dell’Ocse. Una critica all’Italia è tuttavia sugli effetti dei “grossi” vincoli di bilancio dopo la crisi finanziaria che, sottolinea l’Ocse, provocano preoccupazioni per quanto riguarda la capacità delle singole Regioni di fornire servizi adeguati, soprattutto al Sud. IL RAPPORTO OCSE. LA SCHEDA SULL'ITALIA.

10 NOV - Italia nelle prime posizioni per la salute nell’Ocse: ha il primato (100%) per l’accesso alle cure della sua popolazione, è quasi al top per la brevità delle attese per un intervento chirurgico di cataratta e per le basse percentuali di ricoveri per asma e malattia cronica ostruttiva polmonare, ha una percentuale tra le più basse di traumi ostetrici e l’aspettativa di vita è tra le più alte sia per i maschi (quasi ai valori top) che per le femmine.
 
Tutto questo con una spesa inferiore di circa 600 dollari procapite rispetto alla media. Un dato sul quale l'Ocse non esprime giudizi ma che ovviamente può essere letto in due modi: o come elemento virtuoso (stiamo bene spendendo poco) o come negativo (in ogni caso abbiamo una spesa inferiore ai nostri partner e quindi avendo più risorse staremmo ancora meglio). 

E l’Ocse nel suo rapporto sulla salute 2017 ridimensiona anche un dato che nei mesi scorsi aveva sollevato molte polemiche, quello sul mancato accesso alle cure degli italiani per motivi economici: secondo il report in realtà rinuncierebbe alle cure per i costi elevati  solo il 4,8% della popolazione (tra i valori più bassi dell’Ocse che si traducono in 2,8 milioni di cittadini).

Qualche neo (questione spesa a parte) comunque il nostro Paese ce l’ha: si prescrivono troppi antibiotici, ci sono molto meno infermieri della media Ocse e meno letti per persona, anche se quest’ultimo dato non va letto negativamente in funzione delle cure sul territorio e l’aria più “sporca” della media Ocse.

Gli altri valori sono sostanzialmente in media Ocse, con meno fumatori e meno bevitori, un po’ meno di morti per infarto del miocardio.

I risultati dell’analisi sono contenuti nel rapporto “Salute in un colpo d’occhi” che annualmente l’Ocse pubblica analizzando e confrontando i risultati di tutti gli stati membri.

Questi i dati della scheda sull’Italia:
· Stato della salute: l'aspettativa di vita alla nascita era di 82,6 anni nel 2015, la quarta più alta dell'Ocse. L'aspettativa di vita maggiore solleva nuove sfide perché porta a una popolazione che invecchia. Ad esempio, l'Italia ha la seconda più alta prevalenza di demenza tra i paesi Ocse, al 2,3% nel 2017 e dovrebbe raggiungere il 3,4% entro il 2037.
 
· Fattori di rischio: mentre l'Italia ha uno dei tassi di obesità adulti più bassi al 10,3%, i tassi per gli adolescenti sono elevati. Altri fattori di rischio, come il fumo e il consumo di alcol in adulti, rimangono vicini alla media Ocse, anche se sono presenti nelle tendenze degli stili di vita sani nei giovani.
 
· Accesso: il sistema sanitario in Italia offre copertura universale con bassi tassi di ripartizione dei costi. Cure saltate a causa del costo sono al 4,8%; i tempi di attesa per la chirurgia della cataratta sono più brevi rispetto alla maggior parte degli altri paesi Ocse con dati comparabili.
 
· Qualità: l'assistenza primaria è generalmente di alta qualità, indicata da bassi ospedalità per l'asma e le malattie polmonari. L'Italia si comporta bene anche in termini di sopravvivenza e mortalità del cancro dopo infarto miocardico acuto. Ma Il numero di antibiotici prescritti è ancora molto elevato a 27,5 dosi giornaliere per 1.000, la quarta più alta nell'OCSE.
 
· Risorse: la spesa sanitaria è pari a 3.391 dollari americani a persona (calcolati a parità di potere d'acquisto), inferiore di più di 600 dollari rispeto alla media Ocse di 4mila dollari. Le riduzioni del numero di letti ospedalieri in Italia sono coerenti con una tendenza generale in tutto l'Ocse. Tuttavia è alto il numero di medici e basso quello degli infermieri con uno dei più bassi rapporti medici-infermieri dell’Ocse a 1,4 infermieri per medico.

Una critica dell’Ocse all’Italia è tuttavia sugli effetti di “grossi” vincoli di bilancio dopo la crisi finanziaria che, sottolinea l’Ocse, provocano preoccupazioni per quanto riguarda la capacità delle singole Regioni di fornitura servizi. Nonostante l'universalità della copertura, le Regioni meridionali sono state storicamente meno in grado di fornire cure adeguate come definite a livello nazionale. Ciò comporta un allargamento delle disparità tra i gruppi di reddito più alti e quelli più bassi in termini di bisogni non soddisfatti.

Per quanto riguarda tutti gli altri paesi il rapporto in generale sottolinea che gli stili di vita più sani, i redditi più elevati e la migliore educazione hanno contribuito a promuovere l'aspettativa di vita negli ultimi decenni.

Il rapporto Ocse  afferma che tutti i paesi  hanno aumentato l'aspettativa di vita alla nascita di oltre 10 anni dal 1970 per raggiungere una media di 80,6 anni. L'aspettativa di vita alla nascita è la più alta in Giappone (83,9 anni), Spagna e Svizzera (83 anni ciascuno) e più bassa in Lettonia (74,6) e Messico (75).

Una nuova analisi della relazione rivela che se i tassi di fumo e il consumo di alcol fossero dimezzati, le aspettative di vita aumenterebbero di 13 mesi. Un aumento del 10% della spesa sanitaria pro capite in termini reali potrebbe, in media, ad aumentare l'aspettativa di vita di 3,5 mesi. Tuttavia non è solo la spesa di per sé, ma anche come vengono utilizzate le risorse, che fa la differenza. Negli Stati Uniti, ad esempio, la spesa sanitaria è aumentata molto più di quella di altri paesi dal 1995, ma i guadagni di vita sono stati più bassi.

 La spesa sanitaria pro capite è cresciuta di circa l'1,4% ogni anno dal 2009, contro il 3,6% nei sei anni fino al 2009. La spesa media pro capite ha raggiunto circa 4.000 dollari all'anno. La spesa è più elevata è negli Stati Uniti: 9.892 dollari a persona e il 17,2% del Pil.

Il rapporto illustra le aree in cui la spesa potrebbe essere più efficace. Per esempio:        
• L'aumento dell'uso dei farmaci generici nella maggior parte dei paesi dell'Ocse ha generato risparmi di costo che rappresentano più del 75% del volume dei prodotti farmaceutici venduti negli Stati Uniti, Cile, Germania, Nuova Zelanda e Regno Unito, ma meno del 25% a Lussemburgo , Svizzera e Grecia.
• Gli antibiotici dovrebbero essere prescritti solo quando assolutamente necessari, ma le prescrizioni antibiotiche variano più di tre volte in tutti i paesi, mentre la Grecia e la Francia riportano volumi molto più alti della media Ocse.
• La quota di interventi extraospedalieri è ormai diffusa nella maggior parte dei paesi Ocse. Ad esempio, la chirurgia diurna rappresenta oggi il 90% o più di tutti gli interventi di cataratta in 20 dei 28 paesi Ocse. Tuttavia meno del 60% degli interventi di cataratta sono eseguiti su base giornaliera in Polonia, Turchia, Ungheria e Repubblica Slovacca.

 Il rapporto mostra anche che la qualità sanitaria sta migliorando:         
• Oltre l'80% dei pazienti segnalano esperienze positive in termini di tempo trascorso con un medico, spiegazioni di facile comprensione e coinvolgimento nelle decisioni di trattamento.
• I ricoveri ospedalieri evitabili per condizioni croniche come il diabete e l'asma sono diminuiti nella maggior parte dei paesi Ocse, indicando una qualità migliorata dell'assistenza primaria.
• Poche persone muoiono dopo attacchi cardiaci o ictus. I miglioramenti sono particolarmente alti tra i pazienti affetti da attacco cardiaco in Finlandia e i pazienti affetti da ictus in Australia.
• In tutti i paesi dell'Ocse, i tassi di sopravvivenza a cinque anni per il cancro al seno sono dell'85% e poco più del 60% per i tumori del colon e del rettale, con un aumento dei tassi di sopravvivenza nella maggior parte dei paesi.

Mentre i tassi di fumatori continuano a diminuire, non c’è stato molto successo nell’affrontare l'obesità e l'uso di alcool e l'inquinamento atmosferico è spesso trascurato:
 • I tassi di fumo sono diminuiti nella maggior parte dei paesi Ocse, ma circa uno su cinque adulti fuma sempre. Le tariffe sono più alte in Turchia, Grecia e Ungheria e più basse in Messico.
• In tutto l'Ocse, il consumo di alcol è diminuito dal 2000. Tuttavia, il consumo è aumentato in 13 paesi nello stesso periodo, in particolare in Belgio, Islanda, Lettonia e Polonia.
• Il 54% degli adulti nei paesi dell'Ocse oggi è in sovrappeso, il 19% è obeso. I tassi di obesità sono superiori al 30% in Ungheria, Nuova Zelanda, Messico e Stati Uniti.
 

 

 

 

 

 

   

10 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy