Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 23 MAGGIO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Inquinamento. Il killer silenzioso che uccide ogni ora 800 persone in tutto il mondo. Onu: “Con energie rinnovabili potremmo salvare 150 milioni di vite entro fine secolo”

Al Consiglio dei diritti umani di Ginevra del 4 marzo, David Boyd, relatore speciale per i diritti umani e l'ambiente delle Nazioni Unite, ha ribadito che l'inquinamento atmosferico è un "assassino silenzioso, a volte invisibile e molto prolifico" che ha colpito donne e ragazze più degli uomini. "Ogni anno 7 milioni di vittime, molte dopo anni di sofferenza, di cancro, malattie respiratorie o malattie cardiache direttamente causate dalla respirazione di aria inquinata". IL RAPPORTO SULLE EMISSIONI 2018.

05 MAR - Passare alle energie rinnovabili potrebbe salvare fino a 150 milioni di vite entro la fine del secolo. E’ questa una priorità tra le preoccupazioni di sei miliardi di persone che inalano regolarmente aria "così inquinata che mette a repentaglio la loro vita, la loro salute e il loro benessere".

Al Consiglio dei diritti umani di Ginevra del 4 marzo, David Boyd, relatore speciale per i diritti umani e l'ambiente delle Nazioni Unite, ha ribadito che l'inquinamento atmosferico è un "assassino silenzioso, a volte invisibile prolifico" che ha colpito donne e ragazze più degli uomini.

Questo nonostante il fatto che il diritto a un ambiente sano sia legalmente riconosciuto da 155 Stati, ha spiegato. "Gli inquinanti atmosferici sono ovunque, in gran parte causati dalla combustione di combustibili fossili per ottenere elettricità, trasporti e riscaldamento, e da attività industriali, cattiva gestione dei rifiuti e pratiche agricole", ha affermato.

L'inquinamento atmosferico è presente sia all'interno che all'esterno ed è responsabile della morte prematura di sette milioni di persone ogni anno, tra cui 600.000 bambini.

"Ogni ora, 800 persone muoiono (per un totale di 7 milioni di morti l'ano), molte dopo anni di sofferenza, di cancro, malattie respiratorie o malattie cardiache direttamente causate dalla respirazione di aria inquinata", ha detto. Ma, ha evidenziato, queste morti erano prevenibili.

Alcuni Stati, come l'Indonesia, hanno iniziato ad affrontare il problema dell'inquinamento atmosferico indoor legato alla cucina, aiutando milioni di famiglie povere a passare a tecnologie di cottura più pulite.

In India, un programma finanziato dal governo fornisce alle donne fondi per acquistare stufe a gas naturale, con l'obiettivo di fornire il 95% di tutte le famiglie target entro il 2022 e il numero di famiglie che utilizzano combustibili solidi per cucinare e riscaldare è in calo anche in America Latina, in alcune parti dell'Asia, in Europa e nel Mediterraneo orientale.

Negli Stati Uniti e in Cina, leggi e politiche che promuovono l'aria più pulita hanno migliorato anche la qualità dell'aria. In California, la funzione polmonare dei bambini è migliorata, mentre a Shenzhen, in Cina, il livello di particelle nell'aria è diminuito del 33% negli ultimi cinque anni.

Tra le raccomandazioni chiave esposte da Bayd ci sono il divieto di nuove centrali elettriche a energia fossile e la sostituzione di quelle esistenti entro il 2030, insieme al sostegno per la crescita dei sistemi di generazione di energia rinnovabile distribuiti.

Il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) ha accolto con favore le misure "accelerate" adottate in tutto il mondo per combattere l'inquinamento terrestre e marino e ridurre le emissioni.

L'agenzia ha inoltre sottolineato l'importanza dell'impegno dell'India lo scorso anno a eliminare le materie plastiche monouso entro il 2022, una mossa era legata all'azione sull'inquinamento plastico, tra i temi della Giornata mondiale dell'ambiente 2018.

A oggi, 127 paesi hanno adottato una legislazione per regolamentare i sacchetti di plastica, 27 paesi hanno promulgato leggi che vietano prodotti specifici di plastica, 27 paesi hanno istituito tasse sulla produzione di sacchetti di plastica, 30 paesi hanno addebitato ai consumatori tariffe per i sacchetti di plastica, 63 paesi hanno aumentato la responsabilità dei produttori sulle materie plastiche monouso, compresi i rimborsi dei depositi, gli obiettivi di restituzione dei prodotti e di riciclaggio, otto Stati hanno bandito le microsfere, che si trovano comunemente nei cosmetici.

L'obiettivo dell'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, come concordato alla Conferenza delle Parti nel 2015, è di mantenere l'aumento della temperatura globale di questo secolo al di sotto di 2 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali e questo richiede anche sforzi per limitare l'aumento della temperatura anche a 1,5 gradi Celsius.

Il rapporto annuale sul divario delle emissioni nell'ambiente delle Nazioni Unite riferito al 2018 presenta una valutazione degli attuali sforzi nazionali di mitigazione e le ambizioni che i paesi hanno presentato nei loro contributi determinati a livello nazionale, che costituiscono la base dell'accordo di Parigi.
 
 

 
IL VIDEO: INQUINAMENTO ATMOSFERICO, IL "KILLER SILENZIOSO" 

05 marzo 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy