Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 18 OTTOBRE 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Europa sempre più vecchia: indice dipendenza anziani al 34,8% e salirà al 56,7% nel 2050


Il calcolo lo ha fatto Eurostat che ha analizzato paese per paese e regione per regione l’indice di dipendenza degli anziani, vale a dire il rapporto tra persone in età lavorativa (20-64) e persone over 65. L’Italia è tra i paesi con il rapporto di dipendenza più elevato insieme a Germania, Grecia, Spagna, Francia, Portogallo e Finlandia.

01 OTT - L'indice di dipendenza degli anziani nell'UE è aumentato notevolmente negli ultimi 20 anni. Nel 2001, l'indice di dipendenza degli anziani nell'UE era del 25,9%, il che significa che c'erano poco meno di quattro adulti in età lavorativa (20-64) per ogni persona di età pari o superiore a 65 anni.
 
Passando al 1° gennaio 2020, il rapporto è aumentato al 34,8%, il che significa che c'erano poco meno di tre adulti in età lavorativa per ogni persona di età pari o superiore a 65 anni.
 
Al 1° gennaio 2020, alcuni dei rapporti più elevati erano concentrati nella Germania orientale, in Grecia, Spagna, Francia, Italia, Portogallo e Finlandia. La maggior parte di queste regioni erano prevalentemente rurali, montuose o relativamente remote, dove è probabile che i giovani abbiano lasciato la regione per continuare gli studi o cercare lavoro.
 
Tra le regioni dell'UE, l'Euritania, una regione montuosa nella Grecia centrale, ha registrato il più alto indice di dipendenza degli anziani (78,3%). Questa regione è stata seguita dalla regione belga nord-occidentale di Arr. Veurne (64,6%) e la regione tedesca di Suhl, Kreisfreie Stadt (61,3%).
 
Al contrario, i rapporti più bassi nell'UE sono stati registrati nella regione ultraperiferica francese di Mayotte (6,1%) e Guyane (11,7%) e nella regione spagnola di Fuerteventura (16,5%).
 

 
La proiezione a 30 anni mostra un aumento complessivo del rapporto
Si prevede che nei prossimi tre decenni l'indice di dipendenza degli anziani aumenterà in tutte le 1 169 regioni dell'UE, ad eccezione dell'Harz, la regione più occidentale della Sassonia-Anhalt, in Germania.
 
A livello dell'UE, si prevede che il rapporto raggiunga il 56,7% entro il 1° gennaio 2050, quando ci saranno meno di due adulti in età lavorativa per ogni anziano. Le proiezioni indicano che l'indice di dipendenza degli anziani sarà salito ad almeno il 50% nella stragrande maggioranza (974) delle regioni dell'UE.
 


01 ottobre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy