Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 13 APRILE 2021
Toscana
segui quotidianosanita.it

Siglata pre-intesa tra Regione e sindacati della dirigenza sanitaria

La bozza fissa alcuni importanti orientamenti sotto il profilo contrattuale, a partire dalle procedure di stabilizzazione dei contratti a termine, utilizzando la massima quota di riserva di posti messi a concorso (attualmente fissata nel 50%). Tra le altre cose, l’assegnazione alle aziende di 4,25 milioni di euro per riconoscere l’impegno dei professionisti che hanno operato in carenza di copertura di posti in dotazione organica e la definizione di un percorso pluriennale teso a far affluire risorse ai fondi per il salario accessorio.

19 FEB - “Proseguire insieme l’opera di rafforzamento del sistema sanitario regionale, anche per affrontare nel modo migliore l’emergenza covid”. È questo, spiega la Regione Toscana in una nota, l’obiettivo della pre-intesa sottoscritta il 10 febbraio dalla Regione e da tutte le 10 Organizzazioni sindacali della dirigenza dell’area sanità.

“L'accordo - prosegue la nota - conferma la volontà delle parti di mantenere in essere un luogo permanente di confronto, come già avvenuto nella fase acuta della seconda ondata della pandemia, in cui confrontarsi apertamente per perseguire meglio il comune obiettivo di rafforzare e migliorare con continuità il sistema sanitario regionale. Il documento sottoscritto indica con chiarezza alcune questioni rilevanti nell’ambito della gestione delle risorse umane, assumendo l’impostazione strategica che il personale deve essere collocato al centro del sistema sanitario regionale”.

“L’impostazione strategica sulla quale ci siamo perfettamente riconosciuti – commenta l’assessore alla sanità Simone Bezzini -  è che per soddisfare le esigenze di salute dei cittadini con qualità ed efficienza è necessario che il personale sanitario sia collocato al centro del sistema. In una fase così difficile occorrono professionisti motivati, perché la qualità del servizio dipende principalmente da loro”.


Concretamente l’intesa fissa alcuni importanti orientamenti sotto il profilo contrattuale.
Innanzitutto si stabilisce l’attribuzione di una priorità assoluta alle procedure di stabilizzazione dei professionisti con contratti a termine, utilizzando la massima quota di riserva di posti messi a concorso (attualmente fissata nel 50 per cento degli stessi).

Vengono inoltre rideterminati i fondi contrattuali (le risorse impiegate a tal fine sono di circa 4,5 milioni), in attuazione delle indicazioni del cosiddetto decreto Calabria, che mantiene invariata la media pro-capite dei fondi a fronte di un eventuale incremento del personale dipendente.

Si stabilisce inoltre l’assegnazione alle aziende, con imputazione al bilancio 2020, di 4,25 milioni di euro, da ascrivere ai fondi condizioni di lavoro della dirigenza, con la finalità di riconoscere l’impegno dei professionisti che hanno operato in carenza di copertura di posti in dotazione organica. L’assegnazione avverrà in proporzione agli organici di ciascuna azienda, con destinazione finalizzata a incrementare la remunerazione dei turni di guardia notturna e festiva svolti nel 2020 e dei turni di reperibilità sostitutivi dei turni di guardia. E ancora, la revisione congiunta del sistema complessivo di reclutamento della dirigenza sanitaria nel SSR, per rendere più chiare le regole che lo presiedono e più efficiente il sistema complessivo.

Viene previsto anche l’impiego nel sistema sanitario dei medici specializzandi frequentanti il 4° e 5° anno delle scuole di specializzazione mediante contratti di lavoro subordinato a tempo determinato. Si tratta di contratti che offrono maggiori tutele dei contratti libero professionali e costituiscono una ‘riserva’ per la successiva acquisizione di un contratto a tempo indeterminato nella medesima posizione.

Inoltre, viene definito un percorso pluriennale teso a far affluire risorse ai fondi relativi al salario accessorio, quantificate complessivamente nell’ordine di 15 milioni di euro, per colmare il divario esistente tra il valore pro-capite medio dei fondi nelle diverse aziende toscane e successivamente elevare lo stesso valore medio al livello medio nazionale. Sono esplicitamente richiamate, a questo scopo, le previsioni del Patto per la salute già sottoscritto dalle Regioni e dal Ministro della salute, in cui è sancita la destinazione alla contrattazione integrativa di risorse aggiuntive entro il tetto del 2 per cento del monte salari 2018.

La prima fase di riallineamento deve favorire, gradualmente e progressivamente, le aziende la cui media pro-capite dei fondi contrattuali risulti inferiore alla media regionale; parallelamente, tutti i fondi aziendali dovrebbero elevarsi per tendere ad allinearsi alla media nazionale, sulla base delle risorse via via disponibili e nel rispetto dei limiti di legge. L’afflusso di risorse ai fondi, fermo restando l’obiettivo prioritario del riequilibrio, sarà indirizzato anche a dare riconoscimento economico ai professionisti che ricoprono posizioni logisticamente e funzionalmente disagiate in strutture periferiche di piccola e media dimensione ovvero in presidi oggettivamente sottodimensionati in termini di organico (in particolare settore emergenza-urgenza e 118).

“Preso atto – precisa a quest’ultimo proposito Bezzini - che i fondi contrattuali costituiti in Regione Toscana per l’area della dirigenza medica, da quest’anno area sanità, sono inferiori a quelli di altre Regioni, con questo accordo assumiamo un impegno concreto per superare questa situazione in modo condiviso. Allo stesso tempo – prosegue – dobbiamo affrontare con decisione il tema di come assicurare una qualificata presenza di specialisti nelle sedi periferiche. Prevedere adeguate forme di incentivazione è sicuramente una prima azione importante, cui ne dovranno seguire altre per raggiungere l’obiettivo comune”.

Nella parte finale dell’intesa, Regione e rappresentanze sindacali si danno reciprocamente atto di avere aperto un confronto strutturato inerente all’organizzazione e al funzionamento dell’attività libero professionale e del sistema di emergenza-urgenza/118, le cui risultanze saranno oggetto di formalizzazione e diffusione nei prossimi mesi.

19 febbraio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Toscana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy