Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 22 MAGGIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Cefalea cronica invalidante. Arrivano le linee d’indirizzo per i progetti regionali

di Ester Maragò

Il decreto che dà gambe alla legge 81 del 2020, con la quale la Cefalea cronica invalidante è stata riconosciuta come “malattia sociale” , arriva sul tavolo della Conferenza Stato Regioni. Sul piatto in totale 10 mln di euro, per il 2023 e il 2024, necessari alla realizzazione dei progetti regionali per sperimentare metodi innovativi di presa in carico dei 6 milioni di persone, prevalentemente donne, colpite dalla patologia IL DOCUMENTO

15 FEB -

Alla legge sulla cefalea primaria cronica (n 81 del 14 luglio 2020) mancava l’ultimo miglio per raggiungere il traguardo della sua piena applicazione. E ora, dopo più di due anni, è pronta finalmente per lo scatto finale: è arrivato all’attenzione della Conferenza Stato Regioni il decreto del ministero della Salute sull’adozione delle “Linee di indirizzo per la realizzazione dei progetti regionali finalizzati a sperimentare metodi innovativi di presa in carico delle persone affette da cefalea primaria cornica”.

Una legge importante quella del 2020: la cefalea, patologia neurologica invalidante, spesso sottovalutata e con un impatto economico e sociale rilevante, era stata infatti riconosciuta a tutti gli effetti come malattia sociale. Ma anche una svolta a metà per i 6 milioni di italiani colpiti, prevalentemente donne, proprio a causa della mancata emanazione del decreto attuativo del ministero della Salute - che doveva essere emanato entro 180 giorni - e che avrebbe dovuto individuare, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, i progetti finalizzati a sperimentare metodi innovativi di presa in carico delle persone affette da diversi tipi di cefalea.

E ora finalmente il tanto atteso giro di boa.

Sul piatto ci sono in totale 10 milioni di euro (per il 2023 e il 2024) necessari alle Regioni per mettere in atto le azioni per la sperimentazione di metodi innovativi di presa in carico di quanti sono colpiti da cefalea primaria cronica, “accertata da almeno un anno con diagnosi effettuata da uno specialista del settore presso un centro accreditato per la diagnosi e la cura delle cefalee che ne attesti l’effetto invalidante”.

A indicare le coordinate da seguire per garantire in tutto il paese l’omogeneità e l’efficacia delle cure e la messa a terra dei progetti sperimentali, sono le linee di indirizzo, contenute nel decreto del ministero della Salute.

I progetti regionali dovranno avere durata biennale, quindi 2023 e 2024, ed essere approvati dalle Giunte regionali entro e non oltre la fine del 2023 e presentati alla Direzione generale della programmazione sanitaria del ministero della Salute.Al termine del periodo di sperimentazioni le Regioni dovranno tirare le somme e presentare entro il 31 gennaio del 2025 una relazione finale dei risultati raggiunti che saranno valutati dal ministero.

Le Regioni inadempienti non potranno accedere al riparto delle risorse disponibili calcolato sulla base delle popolazione residente.

Ester Maragò



15 febbraio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy