Quotidiano on line
di informazione sanitaria
03 LUGLIO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Vaccini, teleconsulto e screening. In Francia decolla la farmacia dei servizi


Un’indagine del quotidiano transalpino Le Figaro fa il punto su come sono cambiate col Covid le attività delle 21 mila farmacie francesi che dal primo ottobre potranno somministrare 15 nuovi vaccini e fare screening per alcune malattie. Cresce anche il teleconsulto.

24 MAG -

Il 1° ottobre entreranno in vigore in Francia le nuove mansioni delle farmacie. I farmacisti saranno autorizzati a somministrare e prescrivere 15 nuovi vaccini (influenza, DTP, pertosse, papillomavirus, epatite A e B, rabbia, ecc.) e a fare lo screening per alcune malattie. In particolare, potranno fornire ai pazienti idonei un kit per lo screening del cancro del colon-retto o eseguire strisce reattive delle urine in caso di sospetta cistite. Il 10 aprile è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto di convalida della nuova convenzione, siglata tra i sindacati dei farmacisti, delle casse malati e delle assicurazioni sanitarie complementari, che sancisce queste nuove missioni. Un testo "ambizioso", secondo i firmatari, che sancisce il ruolo del farmacista come attore di salute pubblica. È quanto emerge da un’indagine del quotidiano transalpino Le Figaro fa il punto su come sono cambiate col Covid e come cambieranno alla luce della prossima entrata in vigore di nuove normative che ne allargano il raggio d’azione.

L’impatto del Covid
Questa è una nuova tappa nella trasformazione delle farmacie avviata nel 2009. Soprattutto, arriva dopo due anni di crisi sanitaria che hanno profondamente cambiato il ruolo delle farmacie nella salute del popolo francese. Mai i farmacisti sono stati così in prima linea. 63 milioni di test antigenici effettuati nel 2021, 11 milioni di vaccinazioni contro il Covid, 4,5 milioni contro l'influenza. "Il Covid è servito da prova per le farmacie francesi che hanno dimostrato di essere state all'altezza della sfida", riassume Philippe Besset, presidente della Federazione delle unioni farmaceutiche francesi (FSPF). I francesi, abituati a venire in farmacia, hanno capito l'interesse di fare rete con una tale rete del territorio. Ha anche contribuito ad aumentare i loro ricavi, con un margine di 1,7 miliardi di euro legato a test e vaccini Covid.

I farmacisti sono felici di vedere migliorata la loro professione e la loro immagine. Molti di loro hanno allestito spazi di riservatezza per poter svolgere queste nuove missioni. Éric Funaro, farmacista indipendente a Parigi, si prepara a lavorare in tre delle sue farmacie. “La farmacia sarà il luogo di riferimento per la sanità locale”, afferma. Scommetto che avremo sempre più mansioni da compiere negli anni a venire”. Screening del melanoma, consulenze terapeutiche, consegne a domicilio... In Pharmabest, questa trasformazione è in corso da cinque anni. "Stiamo spingendo i nostri membri a prendere aree più grandi (690 m2 in media, ndr) per poter fornire di più ai nostri clienti", spiega David Abenhaim, presidente della rete di 106 farmacie.

Il boom del teleconsulto

Attualmente, circa il 10% delle farmacie gioca la tessera del teleconsulto, facilitato dall'adozione nel 2019 dell'emendamento alla legge sul finanziamento della previdenza sociale. Sono il doppio rispetto allo scorso anno. Medadom, leader in Francia nelle apparecchiature per terminal e cabine, ha appena firmato una partnership con le reti PharmaVie (500 farmacie) e Aprium (400 farmacie) per attrezzarle. “Mentre molti farmacisti non erano a conoscenza di cosa fosse o ne diffidavano tre anni fa, la crisi sanitaria ne ha diffuso l'uso nelle farmacie, osserva Nathaniel Bern, co-fondatore di Medadom, che fa pagare 200 euro al mese per questo servizio ai farmacisti. Questo è uno dei mattoni della digitalizzazione delle farmacie”. A questo ha indubbiamente contribuito la rivalutazione degli aiuti pubblici (1225 euro il primo anno per le attrezzature, poi 350 euro l'anno). "La telemedicina fa parte dello sviluppo dei servizi digitali del brand come la creazione di un sito web commerciante, la prenotazione online di appuntamenti o l'utilizzo dei social network che generalizziamo dal prossimo settembre", commenta Emmanuel Schoffler, CEO di Healthy Group.

Questi sviluppi potrebbero portare a una graduale trasformazione del modello economico delle farmacie, che in media traggono tre quarti del proprio reddito dalla vendita di farmaci e dispositivi rimborsati, mentre il resto proviene da farmaci da banco e altri prodotti. Dal 2012 la remunerazione delle farmacie è meno dipendente dal prezzo dei farmaci e dal numero di scatole vendute, si basa su tariffe che variano in particolare in base all'età dei pazienti e alla complessità della prescrizione. Un'evoluzione voluta dai farmacisti. "Stiamo passando da un'attività commerciale a una di servizi", spiega Philippe Besset.

Ma queste nuove missioni genereranno entrate aggiuntive? “I test Covid sono stati molto redditizi, ma commisurati all'enorme impegno dei farmacisti durante questa pandemia. Le nuove missioni sono molto meno, si rammarica Éric Funaro, che l'anno scorso ha effettuato fino a 400 test al giorno. Con la vaccinazione antinfluenzale, riusciamo a malapena a raggiungere il pareggio". La prescrizione e l'iniezione di uno dei nuovi vaccini saranno pagate 9,60 euro, la consegna di un kit per lo screening del cancro colorettale 5 euro. La FSPF conta su 30 milioni di vaccini aggiuntivi effettuati all'anno, ovvero circa 270 milioni di euro di entrate.

Molti farmacisti si preoccupano di dover bloccare il personale per una procedura non redditizia. E questo, in un contesto di carenza di preparatori e farmacisti, stremati da due anni di Covid, che ha portato a un aumento dei salari del 30%. “Le nuove mansioni dei farmacisti potrebbero eventualmente rappresentare il 10% dell'attività, ma ci vorrà del tempo prima che si ancorino alla vita quotidiana”, stima Philippe Besset. Nel frattempo, dovrebbero aiutare a portare più persone, e più regolarmente, in farmacia. "Lo vedo come un ulteriore criterio di fedeltà", afferma il capo di Aprium e Farmacie Monge. “Questo potrebbe incoraggiare i nostri pazienti a fare determinati acquisti, integratori alimentari o cosmetici in particolare, in farmacia e quindi beneficiare dei nostri consigli, piuttosto che nel commercio”, stima Éric Funaro. "Con un massimo di dieci atti al giorno, l'installazione del teleconsulto è rapidamente redditizia grazie al traffico naturale creato in farmacia e al passaparola", afferma Nathaniel Bern.

Queste nuove mansioni andranno a beneficio di tutte le farmacie? “Le farmacie locali e quelle che si trovano nei deserti medici dovrebbero continuare a fare bene, come durante il Covid”, stima Mounia Chaoui, direttore associato del fondo Turenne Santé. A condizione che tu abbia le risorse finanziarie e lo spazio per creare uno spazio di riservatezza. “Sulla carta ne beneficeranno tutti, ma servirà la capacità imprenditoriale del titolare per investire in attrezzature, assumere personale e modificare il layout della farmacia, crede un buon intenditore del settore. Sono più difficili da ottenere per le piccole farmacie o per quelle sole». Le farmacie appartenenti a un gruppo o a un marchio saranno meglio preparate a queste trasformazioni. In Pharmabest, ci sono in media 7,5 farmacisti per farmacia, il che faciliterà l'organizzazione. Ma alcuni gruppi dovranno reinventarsi. “Molti erano limitati a un ruolo centrale di acquisto, aggiunge questo specialista. Dovranno essere dei veri e propri supporti nell'applicazione di queste missioni, in termini di formazione, organizzazione e concept”.



24 maggio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy