Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 01 DICEMBRE 2021
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Quali motivazioni dietro quei rifiuti alle vaccinazioni?

di Giuseppe Belleri

22 MAR - Gentile Direttore,
mai come in queste settimane le vaccinazioni sono al centro dell'interesse e delle preoccupazioni della gente, in un'altalena emotiva di timore e speranza. Se i cittadini decidessero solo in modo freddo e distaccato, a mo' di statistici bayesiani, non si porrebbe la questione del rischio vaccinale, perchè il beneficio atteso è inequivocabilmente a favore della vaccinazione, seppure con diverse sfumature statistiche. Ma la sospensione del vaccino Astra Zeneca ha rimescolato le carte, provocato sconcerto e ansie nei soggetti candidati all'inoculazione.
 
C'è un precedente storico che dimostra quanto sia influente l’aspetto emotivo sulle decisioni riguardanti la salute durante una campagna di vaccinazione di massa. Nel 2014 in piena campagna anti-influenzale le notizie sui presunti decessi attribuiti al vaccino Fluad seminarono il "panico" tanto che in poche settimane si verificò un calo del 30% circa di adesioni. Anche in quel caso, come oggi con il vaccino Astra Zeneca, era in ballo la salute di persone sane, con tutti i risvolti psicologici di tale decisione in termini di responsabilità individuale. Sia il rischio-vaccino che il rischio-complicanza hanno a che fare con concetti probabilistici, astratti e un po' astrusi, e con la dimensione temporale, che nel caso del COVID-19 però è dirimente.
 
Tra gli addetti ai lavori ci si interroga sulle motivazioni che spingono al rifiuto del vaccino e sulle dinamiche psicologiche alla base di tale decisione, nonostante i pesanti rischi in caso di contagio da SARS-COV 2. Alla base di questa scelta vi è, a mio parere, un'asimmetria del giudizio probabilistico e della valutazione temporale degli effetti avversi della vaccinazione, evento “artificiale”, rispetto al fatto "naturale" della malattia. Aderendo alla proposta di vaccinazione il soggetto si espone deliberatamente e consapevolmente qui ed ora ad un rischio immediato, sebbene molto piccolo; al contrario rifiutando la vaccinazione proietta la speculare probabilità di contrarre la malattia in un futuro indefinito, com’è appunto il rischio di un ipotetico contagio.
 
Non tutte la campagne di vaccinazione però si equivalgono, in quanto non sempre è in gioco lo stesso equilibrio tra valutazione probabilistica e temporale del rischio malattia rispetto ai paventati effetti collaterali del vaccino.
 
Per aderire con convinzione alla proposta di vaccinazione occorre superare quella sorta di asimmetria "causale" che distingue la vaccinazione dall'evento malattia. In passato nel caso della vaccinazione anti influenzale o anti-morbillo hanno pesato le emozioni negative correlate al disallineamento temporale tra i due potenziali eventi dannosi: sui piatti della bilancia decisionale pesavano, da un lato, un evento attuale e certo (la vaccinazione) che comporta un rischio di effetti avversi immediati - potenzialmente gravi, seppur rari - mentre sull’altro piatto gravava un evento ipotetico (l’eventuale contagio) che a sua volta esponeva a conseguenze negative ma aleatorie, come le complicanze dell'influenza o del morbillo.
 
Il confronto tra i due rischi era potenzialmente sfavorevole, in soggetti particolarmente sensibili al rischio, alla decisione di aderire alla vaccinazione per prevenire una futura malattia, che si collocava però in un orizzonte temporale indefinito, più o meno lontano e quindi anche improbabile.
 
Tuttavia nel caso specifico del coronavirus la situazione è diversa, rispetto alle precedenti campagne vaccinali anti-influenzali e anti-morbillose. La probabilità di contrarre il COVID-19 è più elevata rispetto agli effetti collaterali/avversi da vaccino perchè non si tratta di prevenire infezioni future ma di scongiurare un rischio attuale e concreto di pesanti sofferenze fisiche, di ricovero, fino alla morte, presente ormai quotidianamente da un anno nella vita di tutti. Insomma a fare la differenza è la compresenza nel tempo e nello spazio della pandemia e della campagna di vaccinazione, tanto attesa quanto potenzialmente risolutiva di una crisi sanitaria pandemica di portata storica, per le sue pesanti conseguenze a livello sanitario, sociale ed economico.

Vi è un precedente significativo e recente di queste dinamiche cognitivo-comportamentali.
 
A cavallo tra il 2019 e il 2020, proprio nelle stesse zone dove pochi mesi dopo sarebbe divampato il Covid-19, erano stati registrati casi anomali di meningite che avevano indotto le autorità sanitarie ad organizzare una campagna straordinaria di vaccinazioni volontarie di massa. La gente aveva risposto immediatamente affollando in gran numero le sedi di inoculazione del vaccini anti-meningococco C, proprio per la simultaneità del rischio infettivo e della tutela del vaccino.
 
In sostanza anche con il COVID-19 la discrasia temporale e probabilistica, che caratterizzava precedenti campagne vaccinali, viene annullata dalla sinergia tra la presenza quotidiana del virus e la possibilità di protezione offerta dal vaccino. Ecco perchè lo stop temporaneo del vaccino Astra Zeneca avrà un impatto negativo marginale sulla campagna di vaccinazione di massa, come sembrano confermare i primi dati sulle disdette degli appuntamenti dopo la ripresa delle vaccinazioni.
 
Infine un altro elemento può favorire il superamento “razionale” della discrasia tra l’esposizione al rischio di effetti avversi, qui ed ora, e il futuro beneficio preventivo del vaccino: la consapevolezza dell'importanza delle conseguenze sovraindividuali ed "ecologiche" della campagna vaccinale, ovvero le cosiddette esternalità positive, così definite dall'economia sanitaria.
 
Grazie alla vaccinazione anche SARS-COV 2, come altri virus in passato, potrebbe essere eradicato, mentre una bassa copertura vaccinale nella popolazione ne vanificherebbe l'efficacia preventiva. In questo senso la vaccinazione di massa è equiparabile ad un bene comune, come è stato più volte sottolineato, mentre nella decisione di non vaccinare prevalgono le motivazioni strettamente individuali ed "egoistiche".
 

Dott. Giuseppe Belleri
Medico di medicina generale, Flero (Brescia)

 

22 marzo 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy